Come coltivare le rose rampicanti

La cura delle rose

La Rosa è una pianta che comprende numerosissime varietà, con tantissimi ibridi e cultivar, originaria dell'Europa e dell'Asia. Le rose comprendono specie molto diverse: le cespugliose, le sarmentose, le rampicanti, le striscianti, gli arbusti oppure gli alberelli. Le rose si riescono ad adattare a qualsiasi tipologia di terreno purché esso sia stato lavorato in profondità e con una buona concimazione con dello stallatico maturo. Le piante dovrebbero essere messe a dimora in autunno oppure verso la fine dell'inverno nelle zone in cui siano presenti gelate. Ad ogni inizio della ripresa vegetativa si dovrebbe provvedere ad una nuova concimazione del terreno. La potatura è molto importante per riuscire a garantire una buona fioritura e dovrebbe essere effettuata a fine inverno o ad inizio primavera.
Rose rampicanti

Rosa, piante rampicanti, Polyantha rosa, semi di fiori cinesi, rose rampicanti semi, 200 pc / sacchetto

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,94€


Le rose rampicanti

Rose rampicanti Esistono due tipologie differenti di rose rampicanti, quelle rampicanti e quelle sarmentose.Le rose rampicanti sono delle rose rifiorenti che sono state adeguatamente create per ibridazione e che presentando la caratteristica di avere tralci molto più lunghi di quelle a cespuglio, possono essere utilizzate come pianta rampicante, se adeguatamente sostenute. Le rose sarmentose sono spesso di origine naturale e hanno la caratteristica di mostrare un'unica fioritura annuale più o meno prolungata. A differenza delle specie di rampicanti ibride riescono a raggiungere altezze maggiori, arrivando anche a 10 metri, presentando una ramificazione non troppo evidente con fiori piccoli e riuniti in mazzetti. Questa tipologia di rosa è adatta per farla ricadere dagli alberi o risalendo sulle pareti di vecchi casolari.

  • Come coltivare la rosa La rosa è un fiore meraviglioso, appartenente alla famiglia delle Rosacae: esistono circa duemila specie diverse di rose, che si distinguono per colore, dimensione, grandezza dei petali, delicatezza. ...
  • begonia1 La begonia prende il suo nome dalla famiglia di appartenenza, le Begoniacea. La pianta si adatta bene al clima tropicale e subtropicale. La radice della begonia può essere tuberosa, rizomatosa e fasci...
  • vetro temperato Il vetro temperato è un vetro di sicurezza poiché, in caso di rottura, preserva l'incolumità fisica delle persone vicine, contrariamente al normale vetro. Quest'ultimo materiale infatti, quando si rom...
  • Pianta di Helleborus niger Helleborus è un genere di piante erbacee perenni , appartenenti alla famiglia botanica delle Ranunculaceae, originario dell'Europa, dell'Asia Minore e del Caucaso. I fiori sono formati da 5 sepali che...

Rosa, piante rampicanti, Polyantha rosa, semi di fiori cinesi, rose rampicanti semi, 200 pc / sacchetto

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,94€


Come piantare le rose rampicanti

Rose rampicanti su pergolato Per coltivare adeguatamente le rose rampicanti si deve considerare se esse siano ibride o sarmentose, questo perché le prime non si possono auto-sostenere e devono, quindi, necessariamente utilizzare degli adeguati supporti. Il terreno nel quale vengono piantate le rose non deve averle contenute in precedenza, perché risulterebbe esausto. Il terreno non dovrebbe essere troppo argilloso, quindi andrebbe arricchito con un po' di terriccio. La pianta deve necessariamente essere interrata verticalmente, in questo modo il punto di partenza dei rami si potrà trovare ad un massimo di 3 cm al si sopra del livello del terreno. Prima di riempire completamente la buca si dovrebbe innaffiare per fare aderire bene le radici al terreno. Il periodo migliore per la messa a dimora va da metà ottobre a metà aprile.


Come coltivare le rose rampicanti: Come coltivare le rose rampicanti

Rose rampicanti su parete L'annaffiatura delle rose rampicanti dovrebbe avvenire una o due volte alla settimana, ricordandosi di fare attenzione a non bagnare le foglie per evitare l'insorgenza di funghi e di muffe. Il terreno dovrebbe quindi essere sempre mantenuto fresco, ma non troppo molle, per sostenere adeguatamente la pianta. La potatura dovrebbe avvenire fra gennaio e febbraio in modo da riuscire a stimolare le nuove crescite, eliminare i rami secchi e modificare la dimensioni della pianta. La pacciamatura andrebbe effettuata ad aprile spargendo uno spessore di circa 7 cm di stallatico decomposto oppure di terriccio organico. La concimazione non andrebbe effettuata nel primo anno dopo la piantagione, ma dal secondo anno si dovrebbe procedere con una concimatura in maggio e in luglio con un concime complesso.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO