Le ninfee

Caratteristiche delle ninfee

Le ninfee sono fiori acquatici molto decorativi, spesso presenti sia nei giardini pubblici che in quelli privati. Non richiedono molte cure per la loro coltivazione. La ninfea è una pianta perenne che possiamo trovare soprattutto nell'emisfero boreale, ma anche in moltissimi paesi europei. Esistono oltre 50 specie di questa pianta ed i fiori, in genere molto grandi, galleggiano nei laghetti e negli stagni e sono deliziosamente profumati. I loro colori variano dal bianco al rosa con le sue varie tonalità, mentre le foglie sono larghe e tonde e colorano di verde. Sono piante ermafrodite, cioè si riproducono autonomamente, perchè possiedono sia il sistema riproduttivo femminile che quello maschile. Lo spazio dove coltivarle deve essere quindi molto ampio, la grandezza dei loro fiori raggiunge anche i centoquaranta metri.http://images.forwallpaper.com/files/thumbs/preview/11/116812__water-lily-water-lily-lotus-flower-pink-leaves-water_p.jpg
Bellissima ninfea rosa

Ninfee in seta

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,39€


Fiori e significati della ninfea

Dipinto di ninfee Oltre alla ninfea grande, ne esistono anche di nane come la Pygmaea Helvola che ha dimensioni piccolissime e può essere coltivata anche in luoghi ristretti. Quelle di dimensione maggiore sono la Froebelli e la Gonnere. I fiori di questa pianta, in genere sbocciano in primavera ed in estate e sono particolarmente belli. Si aprono di giorno e si chidono di notte, quando il sole è assente. I fiori hanno una vita molto breve, ma la pianta ne emette costantemente di nuovi. Sono moltissimi i significati che sono stati dati alla ninfea. Il fiore è associato alla castità e quindi alla purezza sia corporea che di spirito. Gli antichi Greci attribuivano a queste piante dei poteri anti-afrodisiaci e queste piante venivano associate all'amore platonico e che non era corrisposto. In oriente questo fiore era simbolo dell'alba. https://encrypted-tbn2.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcSj3OLDmBUasRwoMYj2C8R8UUQlwp7PXycawsObXwylCwIsrvn7

  • Malattie ortensie L’ortensia è una pianta dalle origini antichissime, scoperta in Oriente nel diciottesimo secolo. Il clima ideale per la sua coltivazione, è un clima umido, piovoso, e privo di escursioni termiche. Le...
  • fioriera1 Per arredare il giardino, la soluzione ideale è scegliere piante e fiori in grado di regalare colore e allegria allo spazio verde. Vediamo insieme come arredare il giardino in base al prezzo delle fio...
  • tulipani Il tulipano è, tra le piante fiorite, una delle più delicate e graziose, viene utilizzata molto spesso come ornamento mentre i suoi fiori belli e colorati sono tra i più regalati insieme alle classich...
  • lithops Le piante grasse con le loro forme particolari sono la manifestazione più evidente di adattamento a condizioni di vita difficilissime, caratterizzate da caldo intenso e aridità estrema.La forma roto...

Ninfee in seta

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,09€


Le ninfee

IL fondale del lago delle ninfee Le radici della ninfea si sviluppano nel fondale dello stagno o del laghetto in cui emergono i fiori ed il loro fusto rimane dentro l'acqua. Le foglie sono arrotolate ed anche esse dentro all'acqua, ma solo fino a che non sono sviluppate completamente. Tra aprile e maggio, la ninfea va piantata, attraverso i rizomi che possiamo staccare dalla pianta madre. Attenzione a tagliarli con lame molto affilate e sterilizzate, conservando una gemma per ogni lato. Fertilizzatiamo il terreno con letame e sangue secco. Possiamo piantare direttamente i semi, dopo averli conservati in un vaso con acqua e seminati in un terriccio come quello descritto sopra. Altro modo è quello di mettere a dimora i semi direttamente nel fondale dello stagno che deve avere una profondità di almeno di quaranta centimetri.https://encrypted-tbn2.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcQZvFm6FzP4vm1C4AuCBUZuhTh6mQW4LD7iaxgiTx8wsbPBKdT2Lw


La coltivazione della ninfea

Ninfea tropicale La temperatura adatta alle ninfee è mite, tra i 20°C ed i 25°C, la pianta deve essere esposta al sole e si deve concimare in autunno, coprendo le piante con torba. In primavera sostituiremo lo strato sabbioso. Solo se la pianta invade tutto lo stagno si deve procedere a potarla, sfoltendo le foglie che sono vecchie e di colore giallo. Possiamo usare acqua di rubinetto per riempire lo stagno con le ninfee, che metteremo solo dopo una settimana. La ninfea è colpita prevalentemente dagli afidi, contro i quali si deve spruzzare dell'acqua per staccarli o ricorrere agli antiparassitari. Possiamo trovare sul mercato piante di questo tipo già cresciute e pronte da piantare di varie qualità. Bellissime quelle tropicali, ma non hanno niente da invidiare nemmeno quelle nane o le rustiche. https://encrypted-tbn3.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcTDWS0O5mTwl73ZFD1D_9920E3_-skvtZbgoelJ7JsRHImPESWK




COMMENTI SULL' ARTICOLO