Come coltivare l'orto

Prima di cominciare

La coltivazione dell'orto negli ultimi tempi è tornata ad essere un'attività in gran voga, sia per un ritrovato feeling con la natura sia per la ricerca sempre più in crescita di prodotti di qualità da mangiare. Cosa c'è di meglio allora di allestire un orto attraverso il quale si possono auto-produrre alimenti sani e genuini, seguendo tutto il processo dalla semina alla raccolta? Realizzare un orto con successo non è cosa semplice e occorre seguire diverse indicazioni, a cominciare dalla fase preparativa. Bisogna valutare lo spazio a disposizione e stabilire quale utilizzare per l'orto; si consiglia un'area di forma quadrangolare, pianeggiante, soleggiato e poco ventilato. Le dimensioni vanno valutate caso per caso, occorre fare una stima di quanti ortaggi si vogliono produrre e di quante persone debbano usufruirne. Diciamo che 30 mq sono sufficienti per un nucleo familiare composto da quattro persone. La disposizione più indicata per un orto è quella in aiuole, striscie di terreno larghe un metro o più; attraverso la suddivisione del terreno si possono decidere in anticipo quale sarà la disposizione degli ortaggi.

prodotti orto

ASPARAGO BIANCO DA TRAPIANTARE IN CONFEZIONE DA 10 ZAMPE

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,9€


Preparazione dell'orto

caroteLa preparazione del terreno è la fase più importante nella realizzazione di un orto: un terreno sano e fertile garantirà un sicuro successo al momento finale della raccolta. La preparazione della terra va fatta durante il periodo invernale, in modo che quando sarà primavera il vostro orto sarà pronto per la semina. Occorre innanzitutto ripulire il terreno dalle radici ingombranti, dalle erbacce e dai sassi. Successivamente bisogna effettuare un'operazione di vangatura: vangare significa scavare nella terra fino a 30 cm di profondità per mescolare bene il terreno con i concimi per renderlo più fertile. Dopo la vangatura arriva il momento della fresatura, che consiste nello sminuzzare, con l'aiuto della zappa o della vanga, tutte le zolle di terra che si erano create durante l'operazione precedente. Questo renderà il terreno friabile e uniforme, aiutandovi a rimuovere del tutto la presenza di erbacce, radici e sassi. Tutto questo favorirà la penetrazione dell'acqua nel terreno, evitando zone di ristagno. Dopo queste operazioni l'orto è pronto per il riposo di qualche mese, fino a metà primavera, quando sarà pronto per la semina.

  • Orto La terra, è la madre da cui tutto deriva e a cui tutto torna: essa rappresenta l’elemento di congiunzione, poiché genera e accoglie, in un metaforico enorme abbraccio. Nel corso del tempo, la terra è ...
  • Tipo di serra orto Addossate ad una parete preesistente oppure costruite come strutture indipendenti, le serre orto sono una buona soluzione per usufruire di un ambiente particolarmente idoneo per coltivare facilmente e...
  • Coltivare in terrazzo In un orto che si rispetti non devono assolutamente mancare le erbe aromatiche, quindi libera scelta all’acquisto di salvia, rosmarino, prezzemolo, basilico e sedano. Le aromatiche oltre a liberare ne...
  • Semina del giardino Prima di effettuare la semina, bisogna adeguatamente preparare il terreno su cui cresceranno le verdure. Innanzitutto bisogna scegliere la zona dove far sorgere l'orto con molta cura. Ortaggi e insala...

UMsky 36W Luci piante Crescita LED Pianta Crescere Lampada Fiore Coltiva lampadina per Giardino Serra Idroponica Coltivare piante coltiva luci impianto per pianti Frutta Verdure Fiore per Serra/ Laboratorio/ Giardino

Prezzo: in offerta su Amazon a: 26,97€


Come coltivare l'orto

raccolta prodotti ortoPrima della semina è bene preparare dei solchi nei quali cresceranno le piante. Per l'orto si può scegliere di utilizzare il trapianto, ovvero l'utilizzo di piantine già esistenti da mettere nella terra, oppure la semina. Nel primo caso basta estrarre la piantina dal vaso compresa di terra e metterla in un buco realizzato nel solco, per poi irrigare con abbondante acqua. Per la semina tradizionale invece basta distribuire i semi in modo uniforme sul terreno, per poi ricoprirli con circa 5 cm di terra per evitare che gli uccelli vadano a mangiarli.Inoltre è bene cambiare ogni anno la disposizione degli ortaggi, questo aiuterà a stabilire un equilibrio biologico e renderà il terreno più produttivo. Dopodiché può iniziare un altro processo fondamentale nella coltivazione dell'orto, quello dell'irrigazione. Questo processo nel periodo estivo va effettuato durante le ore del tramonto, in modo da consentire alla terra di assorbire l'acqua durante la notte. Innaffiare durante il giorno provocherebbe sbalzi di temperatura alle piante e favorirebbe un'evaporazione dell'acqua troppo rapida. In primavera evitare di innaffiare nelle ore serali, si rischierebbe il congelamento notturno dell'acqua.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO