Coltivazione del rosmarino

Caratteristiche della pianta di rosmarino

Il rosmarino (Rosmarinus offcinalis), apprezzata pianta aromatica mediterranea, è coltivato soprattutto lungo le regioni costiere, oltre a crescere anche spontaneamente, per le strade ed i pendii. È un arbusto perenne, molto ramificato, a portamento cespuglioso, può arrivare ad un'altezza compresa tra 50 cm e 3 metri e le sue radici sono molto forti e profonde. La chioma è fitta, con foglie sono strette e piccole, di colore verde scuro sulla pagina superiore e verde argentato su quella inferiore. La pianta appare fiorita nella maggior parte dei periodi dell'anno. I fiori sono di colore azzurro-violetto. Il rosmarino è coltivato come pianta ornamentale, in aiuole, bordure, giardini ed anche in vaso e negli orti. In cucina è ampiamente utilizzato come erba aromatica ed in erboristeria per le numerose proprietà terapeutiche del suo olio essenziale.
Un arbusto di rosmarino

Erbe Aromatiche 240 Semi In 12 Varietà, Collezione 1, Più Piccola Guida Alla Coltivazione: Basilico Genovese, Salvia, Origano, Rosmarino, Prezzemolo, Timo, Erba Cipollina, Finocchio Selvatico, Menta, Lavanda, Camomilla, Valeriana

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,9€


Coltivazione del rosmarino: esposizione, temperatura, irrigazione

Rametti di rosmarino Il rosmarino deve sempre essere coltivato all'aperto, anche in vaso, perché la pianta necessita di sole, di caldo e d'aria. L'arbusto cresce bene sulle regioni litoranee del bacino del Mediterraneo e non teme affatto l'aria salmastra. Durante la stagione invernale la pianta può risentire dei venti freddi e per questo è preferibile che sia in una posizione riparata. Temperature al di sotto di 12-15°C possono essere dannose, in particolare per gli esemplari non più giovani. La coltivazione del rosmarino, che ama i terreni asciutti, richiede irrigazioni ridotte ma frequenti, in modo da lasciare sempre umido il suolo, evitando però i ristagni d'acqua. Durante la stagione estiva sarà sufficiente innaffiare 3 volte al mese. In inverno, se le piogge sono scarse, occorre irrigare ogni 2 settimane, con poca acqua. Le maggiori necessità di irrigazione si hanno nelle giovani piante e durante la fioritura.

  • Alcuni tipi di vasi Scegliere il giusto tipo di pianta ornamentale per la propria casa è molto importante ma altrettanto lo sono i vasi che le devono ospitare. Il contenitore, infatti, permette di esaltare e mettere in m...
  • Lavanda Si racconta che la villa di Nerone fosse circondata da siepi di rosmarino e che gli amici e gli invitati amassero attardarsi nei peristili, rapiti dall'intenso profumo delle erbe odorose. Non c'è null...

Erbe Aromatiche 480 Semi In 24 Varietà, Collezione Completa di Semi Più Piccola Guida Alla Coltivazione Edizione 2017: Basilico Genovese, Salvia, Origano, Rosmarino, Prezzemolo, Timo, Erba Cipollina, Finocchio Selvatico, Menta, Lavanda, Camomilla, Valeriana, Peperoncino Cayenna Rosso, Peperoncino Tondo da Ripieno, Rucola, Cipolla Rossa Tonda di Tropea, Coriandolo, Maggiorana, Anice, Senape Bianca, Crescione Comune, Dragoncello, Melissa e Dente di Leone

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,9€


Terreno, rinvaso, concimazione, potatura e fioritura

Fiori di rosmarino Il rosmarino è in grado di adattarsi a qualunque tipo di terreno, tuttavia preferisce un suolo povero, sabbioso e leggero, abbastanza alcalino. È importante che il substrato sia ben drenato. In caso di coltivazione in vaso, bisogna effettuare il rinvaso ogni 2 o 3 anni, utilizzando un terriccio fertile, ponendo sul fondo del recipiente dei pezzetti di coccio per favorire lo sgrondo dell'acqua dell'innaffiatura. La pianta è rustica e non richiede una particolare concimazione, a parte quella di fondo, con letame, al momento dell'impianto, ed una volta all'anno, alla ripresa vegetativa, con concime NPK. La coltivazione del rosmarino non prevede drastiche potature ma solo una regolare rimozione delle parti secche ed una cimatura in primavera, per stimolare i getti laterali e mantenere la forma del cespuglio. La pianta fiorisce dall'inizio della primavera fino all'inizio dell'autunno.


Moltiplicazione della pianta di rosmarino

Pianta di rosmarino in vasoIl rosmarino si riproduce per seme, per talea e per divisione. La semina si effettua in primavera, in un substrato di terriccio fertile e sabbia, che dovrà essere coperto da un foglio di plastica trasparente, posto all'ombra e tenuto costantemente umido. Una volta apparsi i germogli, il contenitore sarà messo alla luce e, una volta cresciute (2 settimane), le piantine saranno trapiantate, ad aprile-maggio. La semina eseguita in piena terra richiede la lavorazione superficiale del terreno, per renderlo meno compatto, e del concime organico. La riproduzione per talea va fatta in primavera. Occorre prelevare talee di 15-20 cm dai germogli basali ed interrarle in un substrato di sabbia a torba, in serra fresca, fino alla radicazione (2 mesi). Il trapianto sarà fatto nella successiva primavera. La moltiplicazione per divisione si esegue su piante di 1 o 2 anni d'età, trapiantando poi all'inizio dell'estate.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO