Le migliori orchidee Cymbidium

Le migliori orchidee Cymbidium: caratteristiche generali

Le migliori orchidee Cymbidium sono delle piante ibride adatte sia per abbellire l’appartamento e sia per rendere più colorato il giardino. Questo perché trasmettono quel senso di eleganza, raffinatezza e sensualità, conferiti dai colori e dalla particolare bellezza dei fiori. Le orchidee Cymbidium appartengono alla famiglia delle orchidaceae e comprendono tantissime specie. Sono dei fiori sempreverdi da coltivare in piccoli vasi dotati di fori per favorire il drenaggio dell’acqua. Le infiorescenze crescono a forma di spiga e durano alcune settimane; proprio per questo motivo sono impiegati, come fiori recisi, per adornare gli ambienti interni e utilizzati nelle composizioni floreali. Le migliori orchidee Cymbidium provengono dall’Australia, Asia e Africa; in realtà, questa varietà è una pianta ibrida creata dall’incrocio di altre varietà di orchidee con lo scopo di creare queste infiorescenze di due colori (bianco-giallo, rosa-bianco etc.). Costituite da pseudo bulbi, i fusti di queste piante possono arrivare anche a un metro di altezza.
orchidea1

TERRICCIO PER ORCHIDEE DA 12 LT

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,5€


Le migliori orchidee Cymbidium: rinvaso e terriccio

orchidea Il terriccio utilizzato per la coltivazione delle migliori orchidee Cymbidium è lo stesso delle altre specie. Solitamente si utilizza un composto neutro, alcalino e leggero, costituito da 2 parti di osmuda, 1 di Sfagno e 1 di terriccio da giardino. Per evitare dei ristagni di acqua, dannosi per la pianta, occorre miscelare a questo composto della perlite, polistirolo, pezzetti di corteccia di pino o altri materiali inerti. Inoltre, per favorire il drenaggio dell’acqua bisogna utilizzare dei vasi con fori, evitando che l’acqua rimanga al loro interno e danneggiando la pianta. Il rinvaso, indispensabile per favorire la crescita delle migliori orchidee Cymbidium, deve essere portato a termine ogni 3 / 4 anni dopo la fioritura. Prima di togliere la pianta dal vecchio vaso, occorre bagnare bene le radici, rendendole elastiche e meno soggette a rottura. In seguito occorre analizzare la struttura delle radici stesse, tagliando con forbici disinfettate quelle secche e applicando un prodotto fungicida. Infine, si conclude col rinvaso e dopo una settimana si innaffia la pianta.

  • Malattie ortensie L’ortensia è una pianta dalle origini antichissime, scoperta in Oriente nel diciottesimo secolo. Il clima ideale per la sua coltivazione, è un clima umido, piovoso, e privo di escursioni termiche. Le...
  • fioriera1 Per arredare il giardino, la soluzione ideale è scegliere piante e fiori in grado di regalare colore e allegria allo spazio verde. Vediamo insieme come arredare il giardino in base al prezzo delle fio...
  • tulipani Il tulipano è, tra le piante fiorite, una delle più delicate e graziose, viene utilizzata molto spesso come ornamento mentre i suoi fiori belli e colorati sono tra i più regalati insieme alle classich...
  • lithops Le piante grasse con le loro forme particolari sono la manifestazione più evidente di adattamento a condizioni di vita difficilissime, caratterizzate da caldo intenso e aridità estrema.La forma roto...

Super fertilizzante liquido concentrato Orchid Focus Fioritura 1 litro

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,99€


Le migliori orchidee Cymbidium: concimazione e annaffiatura

annaffiatura La concimazione delle migliori orchidee Cymbidium avviene ogni 30 giorni circa utilizzando quantità di concime ben precise. Può essere utilizzato il concime universale, utilizzando una dose dimezzata rispetto a quella riportata sulla confezione o in alternativa, utilizzare un tipo di concime adatto allo sviluppo stesso della pianta. Durante il periodo vegetativo l’orchidea ha bisogno di azoto mentre, durante la fioritura ha bisogno di azoto; durante gli altri periodi è conveniente utilizzare concimi a base di azoto, potassio e fosforo. È utile sapere che la concimazione è bene eseguirla quando il terriccio è bagnato. Le migliori orchidee Cymbidium devono essere innaffiate in modo tale da non lasciare che il terriccio resti asciutto, sempre evitando il ristagno e quindi la morte della pianta. Durante la stagione estiva l’annaffiatura avviene 2/3 giorni a settimana mentre, in inverno 1 volta a settimana massimo. Inoltre, in entrambe le stagioni è bene vaporizzare la pianta in modo tale da far respirare le foglie e conferirgli quel grado di umidità indispensabile alla pianta.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO