Realizzare la concimazione olivo

Come realizzare la concimazione dell'olivo

L'olivo è una pianta capace di crescere e fruttificare anche senza l'intervento umano, nutrendosi dei soli elementi presenti nel terreno. Tuttavia la concimazione regolare permette di avere una produzione maggiore, come quantità e qualità, in tutti gli anni, evitando o riducendo il problema dell'alternanza. Per realizzare la concimazione dell'olivo con successo sono sufficienti due interventi durante l'anno, nella fase vegetativa. La prima concimazione va effettuata tra la fine di febbraio e marzo, periodo di inizio della stagione vegetativa. Il secondo intervento è consigliato tra fine giugno e luglio, cioè poco prima della fruttificazione. È molto utile far eseguire un'analisi chimico-fisica del terreno prima della concimazione, in modo da sapere con sicurezza le giuste proporzioni e le quantità di nutrienti da somministrare alla pianta.
Alberi di olivo secolari

Plant Theatre - Bonsai Trio, Kit per la coltivazione di 3 bonsai

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


Elementi fertilizzanti e tipi di concimazione

Letame maturo per la concimazione Le sostanze fondamentali necessarie alla pianta sono tre. La prima è l'azoto, molto importante perché è la meno presente nei terreni. Questo elemento favorisce lo sviluppo e la produzione dell'olivo. Il fosforo è coinvolto nella divisione cellulare, nella crescita delle radici e dei tessuti meristematici (corrispondenti alle cellule staminali animali). Il potassio interviene nel metabolismo degli zuccheri, determinando la sintesi dell'amido. Oltre che di questi macroelementi, la pianta ha bisogno anche di quantità più ridotte di manganese, zinco, ferro, calcio e boro (microelementi). La concimazione può essere realizzata in maniera tradizionale, mediante concime organico (letame), con concimazione fogliare, fornendo fertilizzante liquido diluito nell'acqua di irrigazione, e con concimazione a spaglio. Un altro nuovo tipo di concimazione prevede di triturare le fronde e i rametti prodotti dalla potatura, spargerli sul terreno alla base della pianta e ricoprire con la terra.

  • ortensia1 Prima di conoscere la procedura di come coltivare le ortensie è necessario sapere le varietà che le identificano. Le ortensie hanno foglie ovali di un lucente verde chiaro, con infiorescenze in tinta ...
  • mini orchidea1 L'orchidea è una pianta amata da molti, dai fiori bellissimi, coloratissimi e dalle forme particolari. Esistono tante specie di orchidee. In Italia ce ne sono 85 specie non ibridate, comprendendo le q...
  • agave1 L’agave americana fa parte della famiglia delle "Amarillidacee" si distingue per le sue grandi foglie basali lunghe più di un metro, carnose, appuntite e con i bordi spinosi. I fiori si riuniscono in ...
  • compost Con il diffondersi della raccolta differenziata e la conseguente divisione tra rifiuti secchi e umidi, sta ritornando in voga la pratica del compostaggio fai-da-te anche per uso domestico. Il compost ...

Wolf-Garten Loretta LJ 200 Prato calpestabile per 200 mq

Prezzo: in offerta su Amazon a: 52,67€
(Risparmi 15,88€)


Concimazione di impianto e concimazione di allevamento

Un fertilizzante sintetico Il concime di impianto ha lo scopo di incrementare la fertilità biologica ed il contenuto di elementi naturali per favorire l'accrescimento dell'olivo e quindi la produttività. Questa operazione va eseguita nella stagione primaverile su terreno compatto. In seguito sarà interrato mediante aratura oppure con una lavorazione superficiale. Per realizzare la concimazione dell'olivo in questa fase si utilizza dello stallatico maturo di origine bovina o ovina o anche concimi organici come compost e pollina integrati con azoto o con la pratica del sovescio. La concimazione di allevamento si effettua nei primi 3-4 anni dall'impianto dell'olivo con l'obiettivo di velocizzare lo sviluppo della chioma dell'albero e delle radici. Le dosi di fertilizzante saranno crescenti col passar del tempo, secondo l'età, la grandezza e la crescita dell'apparato radicale. Verrà fornito solo azoto con 2-3 somministrazioni annuali, dalla ripresa vegetativa alla primavera.


Realizzare la concimazione olivo: Concimazione di produzione dell'olivo

Olive in fase di maturazione La concimazione di produzione va praticata quando la pianta ha concluso lo sviluppo vegetativo ed inizia a produrre i frutti. Questa operazione favorisce la fruttificazione e garantisce il rinnovamento della chioma e delle radici. La concimazione di produzione azotata si fraziona in due momenti dell'anno soltanto dove è prevista un'irrigazione di soccorso. Due terzi di essa vanno dati prima della ripresa vegetativa, tra febbraio e marzo, ed il resto prima della fioritura, tra maggio e giugno. In caso di scarsa produzione di fiori è consigliabile non effettuare la seconda concimazione per non stimolare lo sviluppo di succhioni e polloni. Quando a fine inverno ed inizio primavera si prevedono piogge intense è bene eseguire una concimazione azotata. Fosforo e potassio invece, già abbastanza presenti nel suolo, vanno forniti ogni 4-5 anni.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO