Realizzare una talea

Cos'è una talea?

La talea è un taglio, un frammento che può appartenere a diverse appendici di una pianta, il quale immesso in un apposito substrato di terra o acqua, si rigenera nelle sue parti mancanti, originando una nuova pianta.

E’ certamente tra i metodi di propagazione più comuni e diffusi sia per la semplicità di esecuzione che per la facilità con cui, rispettando una serie di buone norme, si può promuovere la crescita di una nuova piantina identica alla pianta madre.

Bisogna unicamente prestare attenzione alle possibili infestazioni di batteri e microbi che possono approfittare delle ferite aperte, che abbiamo causato col taglio, per invadere la piantina. Tuttavia tramite una serie di piccoli accorgimenti si può facilmente effettuare l’operazione senza correre rischi, adattando mezzi e procedure al tipo di talea che vogliamo interrare.

taglio

Fungicida PREVICUR ENERGY ML 50 fosetil alluminio propamocarb

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,94€


Realizzare una talea

taglio ramo Per realizzare una talea dobbiamo prima valutare il tipo di appendice che vogliamo interrare e la sua consistenza. Genericamente possiamo avere tre tipi di materiale:

- un ramo o un fusto: fra i campioni migliori e più facilmente gestibili se forniti di almeno un nodo fogliare (esempio gerani e rose);

- una radice: ideali sono le radici esterne della pianta madre, meglio se spesse e robuste (esempio molte specie di piante aromatiche);

- delle foglie: a seconda della tipologia di pianta anche le foglie, collocate in un terreno appropriato, possono dar vita al completo sviluppo di una pianta (esempio begonie).

Il periodo dell’anno in cui si effettua l’operazione è di vitale importanza per la riuscita: le talee erbacee e quelle di radice si effettuano a fine inverno, mentre quelle legnose in estate.

  • Substrato di coltivazione Si tratta dell'elemento fondamentale per la crescita delle piante che non sono state messe a dimora nel terreno, ma in vasi o contenitori. Il substrato viene infatti usato nelle cosiddette "coltivazio...
  • Prodotto bosch Il marchio Bosch è tedesco, ma ormai la sua affidabilità è nota a livello internazionale, ed anche in Italia. La storia della ditta comincia oltre cento anni fa, sul finire dell'ottocento, quando il s...
  • Pianta di bonsai Prima di tutto, bisogna essere a conoscenza del fatto che queste piccole piante sono, di solito, da interno. Sono talmente delicate, infatti, che non possono essere esposte alle intemperie. Si tratta ...
  • vanga Spesso erroneamente confusa con il più noto badile, non può mancare nella dotazione del perfetto giardiniere: è la vanga, strumento tanto semplice nella sua composizione, quanto fondamentale per otten...

VASETTI BIODEGRADABILI PER LA PROPAGAZIONE DELLE PIANTE DA 8 CM DI DIAMETRO IN CONFEZIONE DA 16 VASETTI 3 CONFEZIONI (48 PEZZI)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 36€


Il taglio

rinvaso Anche il taglio stesso segue delle regole: la parte che sarà interrata deve essere di forma obliqua, in questo modo si espone al contatto col terreno la maggior superficie possibile ed in più si ha una maggior protezione da attacchi esterni essendo il fusto ricoperto lateralmente da un ampio strato di rivestimento.

Gli strumenti adoperati devono essere assolutamente puliti, è bene utilizzare dei guanti da giardinaggio e per il taglio un coltello affilato e sterile, questo perché andando a perpetuare una ferita sulla pianta si potrebbe facilmente incorrere in infezioni o in attacchi parassitari.

Qualora la talea non fosse provvista di punta questa va ricreata manualmente, incidendo la parte apicale in modo da formare appunto una piccola puntina, così che la crescita verso l'alto venga facilitata.


La radicazione

Il periodo di radicazione può variare da una o due settimane fino ad anche un mese, a seconda della tipologia di pianta e talea.

Per realizzare una talea è preferibile scegliere un terreno di coltura morbido, leggero e un po’ umido, si può inoltre pensare di arricchirne il substrato con integratori appositi: ormoni radicati, carbonato di calcio, humus, argilla, torba, ecc.

Durante questa fase, oltre ad un'annaffiatura costante e leggera, è bene tenere a mente che la talea deve essere tenuta al riparo da vento, sbalzi termici e luce solare eccessivamente forte (sebbene occorra una luminosità costante).

La radicazione può avvenire in vaso, in terra o in aiuola;

ovviamente nel caso volessimo praticarla in un vaso la concimazione è ancora più importante per mantenere nel terreno un corretto apporto di nutrienti.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO