Migliore concimazione per l'orto

Migliore concimazione per l'orto

Da secoli i contadini utilizzano nei campi lo stallatico, che resta ancora oggi la migliore concimazione per l'orto. Esistono in commercio decine di fertilizzanti di origine chimica, che contengono precise quantità di sostanze minerali, utili per la vita delle piante; questi concimi si utilizzano con parsimonia, per correggere alcune particolari carenze del terreno; ma la concimazione di base, che va fatta nel momento in cui si lavora la terra dell'orto per porre a dimora le giovani piantine, si pratica ancora oggi come secoli fa, utilizzando lo stallatico. Si tratta di una miscela costituita dalla lettiera della stalla (paglia, foglie, residui di cibo), e dalle deiezioni degli animali. Il composto va fatto maturare: viene accumulato in mucchi, dove può fermentare. In questo modo eventuali batteri, semi di piante infestanti o parassiti, vengono resi completamente innocui dal calore raggiunto dalla massa in fermentazione. Il risultato è un composto organico che migliora la fertilità del terreno, e anche l'impasto e la tessitura.
Terriccio ricco e soffice

Erbe Aromatiche 240 Semi In 12 Varietà, Collezione 1, Più Piccola Guida Alla Coltivazione: Basilico Genovese, Salvia, Origano, Rosmarino, Prezzemolo, Timo, Erba Cipollina, Finocchio Selvatico, Menta, Lavanda, Camomilla, Valeriana

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,9€


Da cosa è costituito lo stallatico

Coltivazione di verdureIl letame, o stallatico, contiene una buona quantità di composti organici, che vengono utilizzati nell'orto per migliorare l'impasto del terreno; una piccola percentuale di letame permette di alleggerire i terreni più argillosi e di rendere più fertili i terreno sabbiosi. Oltre ad una buona dose di carbonio organico, questo fertilizzante contiene gli elementi che sono necessari per lo sviluppo delle piante, ovvero Azoto, Fosforo e Potassio. In particolare questi elementi sono presenti in formulazioni tali da risultare in parte a lenta cessione, e in parte disponibili all'istante. In questo modo si garantiscono alle piante sostanze nutritive che rimangono a lungo nel terreno, e che non vengono dilavate dalle piogge od alle annaffiature. Generalmente lo stallatico viene utilizzato congiuntamente ai fertilizzanti chimici, perché avere un'azione sinergica dei vari prodotti, ottenendo così la migliore concimazione per l'orto.

    Il Kit ortaggi stravaganti di Plant Theatre - 5 straordinari ortaggi da coltivare - un regalo ideale

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


    Quando utilizzare lo stallatico

    Stallatico sul campo Nonostante si tratti di un composto con grandi pregi, non è opportuno utilizzare lo stallatico puro per le coltivazioni: alcune piante possono venire completamente bruciate da eccessi di letame nel terreno, mentre altre possono tollerarne quantità maggiori. L'utilizzo dello stallatico avviene sempre in soluzione all'interno della terra, ad essa mescolato. L'aggiunta dello stallatico all'orto deve venire effettuata prima di porre a dimora le piante. Si procede qualche tempo prima della semina o dell'impianto, nel momento in cui si prepara la terra per le future coltivazioni. Prima di rivoltare le zolle e di romperle, si cosparge il terreno con lo stallatico, sfarinandolo bene e cercando di produrre uno strato uniforme. Quindi si lavora bene la terra in profondità, con una pala o con un forcone, in modo da rendere più soffice ed uniforme l'impasto del terreno. Dopo qualche giorno sarà possibile cominciare a porre a dimora le piantine o i semi per la futura produzione.


    Altri concimi

    HumusEsistono altri tipi di fertilizzanti, sia organici, sia minerali. Uno dei migliori concimi organici, assieme allo stallatico, è l'humus di lombrico: si tratta della lettiera degli allevamenti di lombrichi, costituita da terriccio digerito dai piccoli animaletti. Anche in questo caso è concime organico, che condivide con il letame pregi e difetti. Si utilizzano poi nell'orto anche fertilizzanti di origine chimica, costituiti in genere da minerali, subito disponibili non appena li si cosparge sul terreno, o anche in formulazioni a lenta cessione, che rimangono disponibili per 4-6 mesi. Questi fertilizzanti si utilizzano anche durante la coltivazione, per garantire la presenza dei minerali essenziali per le piante, o per correggere particolari carenze, o ancora per favorire alcune caratteristiche organolettiche dei frutti. Ad esempio i fertilizzanti ricchi in potassio migliorano il sapore dei frutti, come nel caso di pomodori o angurie. Importante è evitare di cospargere fertilizzanti sul terreno nel periodo scorretto o in quantità eccessiva: seguire sempre attentamente le istruzioni in etichetta; gli eccessi possono anche uccidere le piante.



    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO