Malva coltivazione

La malva

La malva è una pianta aromatica appartenente alla famiglia delle Malvaceae, che cresce selvaggia e spontanea nelle terre aride della collinari del Mediterraneo. Ha un portamento cespuglioso, con foglie di un verde opaco e scuro espressamente tondeggianti e steli sottili e ricoperti da una peluria leggera; i fiori hanno diversi petali vellutati sfumati tra il rosa ed il viola. Per le sue caratteristiche estetiche, la malva viene apostrofata come pianta ornamentale, coltivata come annuale o pluriennale. La malva è una pianta aromatica conosciuta sin dall’antichità per le sue proprietà benefiche notevoli: essa veniva utilizzata come antinfiammatorio, come rimedio per l’occlusione intestinale, per favorire la guarigione da dolori gengivali e dentali, per prevenire e curare patologie relative alle vie urinarie e all’apparato vaginale; i decotti preparati con infuso di malva, aiutano a contrastare infiammazioni delle vie respiratorie, tosse, e raffreddori. La malva possiede notevoli proprietà benefiche grazie alla presenza di mucillagini, polisaccaridi che attivano una barriera protettiva contro le irritazioni e infiammazioni.
malva

Il Kit Piante da Cocktail di Plant Theatre - 6 varietà da coltivare - Un fantastico regalo per gli amanti del giardinaggio che non disdegnano di farsi un bicchierino.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


Coltivazione malva

fiori malva Il clima ideale per lo sviluppo della malva, è un clima temperato, tendenzialmente mite, equilibrato sotto il punto di vista delle temperature. Predilige location soleggiate o a mezz’ombra, leggermente ventilate. Il terreno ideale per questo tipo di pianta, è un terreno tendenzialmente ghiaioso e drenante, anche è possibile che la malva cresca spontanea anche in terreni molto aridi, argillosi e pesanti. La scelta del terreno tende dunque a ricadere su un composto misto. La malva può essere riprodotta per talea, come la maggior parte delle piante, prelevando un ramo e mettendolo a dimora in vaso, fino alo sviluppo di nuove radici; può essere riprodotta per seme, seguendo la metodologia classica e per divisione in cespi. I periodo ideale per avviare la semina, o la messa a dimora, corrisponde all’inizio della primavera. La metodologia di coltivazione cambia per la messa a dimora in terra ed in vaso: nel primo caso, il terreno dovrà essere preparato accuratamente un paio di stagioni prima della messa a dimora, con operazioni di concimazione e vangatura costanti. I semi andranno gettati a spaglio e poi interrati con estrema delicatezza.

    TecTake Semenzaio a letto caldo in legno per TecTake aiuola rialzata 402212

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 46,99€


    Terreno e clima

    malva in terra Se la semina viene effettuata in un semenzaio, si dovrà seguire un iter differente: il terreno composto di sabbia e torba, dovrà essere perfettamente distribuito all’interno di una cassetta di legno. Nel terreno, andranno interrati i semi, e esattamente come per la semina in terra e in vaso, bisognerà concludere l’operazione con un’innaffiatura leggera. Il semenzaio dovrà poi essere coperto da un telo di plastica bucherellato che protegga i semi, lasciando passare l’aria. La crescita e lo sviluppo delle piantine, andrà controllato costantemente: solo quando queste saranno completamente cresciute potranno essere prima diradate e poi estirpate dal semenzaio, per essere collocate in una dimora definitiva. Le innaffiature vanno effettuate con una certa costanza durante il periodo estivo, quando scarseggiano le piogge e la pianta necessita di un’irrigazione più costante. Durante l’inverno invece, le irrigazioni vengono diradate. La concimazione va effettuata prima di eseguire la semina, mentre a seguito, potrà essere diluito dell’azoto per favorire lo sviluppo della pianta.


    Malva coltivazione: Malva in cucina

    malva piantine La malva è una pianta che non necessita di operazioni di potatura, salvo in rare occasioni; per favorire lo sviluppo della pianta, è preferibile eliminare costantemente le erbe infestanti eseguendo contemporaneamente operazioni di zappettatura. Il periodo migliore per raccogliere la malva è quello della primavera, anche se esistono diverse fasi per effettuare la raccolta delle foglie e dei fiori. Questi ultimi vanno raccolti manualmente una volta sbocciati, mentre le foglie vanno recise e vengono fatte essiccare per poterne sfruttare le proprietà benefiche. La malva viene utilizzata in cucina in particolare con ortaggi e verdure, perché grazie al suo gusto delicato, dona alle pietanze un tocco in più.


    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO