La coltivazione del porro

Il porro: descrizione

Il porro, è una pianta erbacea, che appartiene alla famiglia delle Liliaceae: pianta aromatica dalle proprietà diuretiche, antisettiche e lassative, ampiamente utilizzata da Romani ed Egizi per la preparazione di unguenti e come spezia per insaporire diverse pietanze. Il porro, ha un sapore dolciastro, estremamente delicato, ideale per insaporire carni, pesci, zuppe e minestre, tagliuzzato, sminuzzato, cotto, crudo. Esistono due varietà differenti di porro: una invernale ed una estiva; la prima viene piantata in estate, ma cresce in inverno, la seconda viene piantata in inverno, per fiorire in primavera-estate. Il porro ha radici fascicolate, ed un fusto eretto di colore bianco, con foglie di un verde brillante, che possono assumere diverse tonalità, i fiori invece, hanno una forma sferica, di colore chiaro. Il porro, è una pianta coltivata nella macchia mediterranea, infatti essa predilige un clima fresco ma mite, tendenzialmente soleggiato.
porro

Mescolare minimun $ 5 pacchetto originale la coltivazione di ortaggi Porro Bolt Semi per diy giardino casa erba cipollina Moss semi, 50pcs per sacchetto

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,97€


Coltivazione del porro

piante di porro Il terreno migliore per il porro, è un terreno leggero, areato, con un ph che vari tra un valore pari a sei ed un valore pari a sette. Il terreno va preparato in profondità, poiché la pianta è dotata di un apparato radicale fascicolato che può raggiungere anche i cinquanta centimetri di profondità. Il terreno deve essere misto, composto da sabbia, torba e ghiaia, elementi che favoriscono il drenaggio, evitando la formazione di ristagni idrici. Il terreno va fertilizzato prima della semina, o della messa a dimora delle piante; la concimazione va effettuata con del letame maturo, che potrà essere acquistato in specifici punti vendita. Il terreno deve essere vangato e preparato prima della semina, mentre a seguito, non sono necessari ulteriori interventi di concimazione. Il porro, predilige un clima fresco e mite, tipicamente mediterraneo, mentre non trova condizioni ideali di crescita nei climi umidi e fortemente piovosi.

    Fungo Box Natalizio: il Kit per Coltivare in Casa Funghi Ostrica (Commestibili e Buoni), dai Fondi del Caffè espresso. Il regalo più originale (e saporito) del natale 2016

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,95€


    Tecniche di coltivazione

    porri Del porro, viene utilizzata principalmente la parte bianca, mentre le foglie verdi vengono completamente eliminate. Per favorire un maggiore sviluppo della parte bianca, viene rincalzato il terreno intorno al fusto, coprendo la parte bianca, per evitare che il terreno stesso, arrivi alle foglie. Nel periodo della stagione vegetativa, il terreno tende alla secchezza, per cui è preferibile che venga effettuata la pacciamatura, operazione che consente di aumentare il tasso di umidità. Il porro è una pianta facilmente incline all’attacco di inetti che potrebbero comprometterne la crescita: la coltivazione ideale, va effettuata dunque insieme ad altre verdure ed ortaggi, come le carote, i cavoli, il sedano, i pomodori, l’insalata, che tendono ad allontanare mosche e insetti, particolarmente dannosi, per la crescita della pianta. Il porro è una pianta che necessita di moltissima acqua, circa tre litri per ogni singola fila; le irrigazioni vanno eseguite con una frequenza media di tre volte a settimana, in piena estate, e di una sola volta a settimana durante i periodi freddi.


    La coltivazione del porro: Benefici del porro

    Porri tagliati Se le piantine vengono messe a dimora direttamente in terra, sarà necessario eseguire un’operazione di diradamento che consiste nell’estirpare le piante meno cresciute, per lasciare spazio solo a quelle sane. Oltre alla pacciamatura e all’irrigazione, bisognerà eliminare dal terreno le erbe infestanti ed eseguire operazioni di vangatura del terreno, se necessario. La raccolta va effettuata servendosi di una zappa, scavando attorno ai bulbi e facendo sempre attenzione a non danneggiarli. Il porro, come la maggior parte delle piante, non è immune dall’attacco di insetti, funghi e muffe: In particolare, può essere vittima di patologie crittogame, come la poronospora e la ruggine, causate da un accumulo di acqua. Gli insetti, invece tendono ad attaccare i bulbi: se l’attacco avviene in modo massiccio, la pianta va estirpata o bruciata, per evitare che danneggi anche le piante limitrofe. Il porro è una alimento benefico, ampiamente utilizzato in diete equilibrate: combatte diverse patologie come l’artrite, la gotta, la stipsi, e diversi altri disturbi relativi all’apparato digerente, poiché contiene molta acqua, Sali minerali e vitamine.


    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO