Come realizzare un soppalco

Come realizzare un soppalco: introduzione

Se ogni giorno che passa le vostre abitazioni vi sembrano sempre meno grandi, con meno spazi del solito, sicuramente cresce in voi il desiderio di creare un'area in più, meglio ancora se in un posto vuoto dove non mettete nulla, ad esempio nel caso in cui vogliate creare una zona dedicata allo studio o al relax. La soluzione migliore è quella di costruire un soppalco, spendendo poco. Tuttavia, specie se montato da lavoratori esperti potreste spendere molto a causa della manodopera.Se siete appassionati del fai da te potete montarlo autonomamente, ma dovete essere particolarmente precisi in quanto il più banale degli sbagli può danneggiare seriamente il materiale che utilizzerete. Questa guida vi spiegherà passo per passo come realizzare un soppalco senza errori né spese folli.
Soppalco moderno con infissi in legno

Bioecoshop Scala Da Appoggio In Legno Di Faggio Massello A 10 Gradini Con Kit Per Montaggio Bioeco DF UP Mis 44 x 8 Cm Altezza 250 Cm Tinta Naturale Made In Italy

Prezzo: in offerta su Amazon a: 262€


Accorgimenti iniziali e primi passi

Soppalco che funge da stanza da letto Riguardo il primissimo passaggio della nostra guida su come realizzare un soppalco, dovete prendere due decisioni fondamentali quanto necessarie: primariamente, che zona dell'abitazione soppalcare; secondariamente, che tipo di materiali utilizzare per la costruzione. A tale compimento ne esistono davvero tantissimi. Una lista riassuntiva in cui sono inseriti i più diffusi è la seguente: legno, metallo, vetro e acciaio. Procuratevi un metro lungo o in legno oppure a nastro ed iniziate a prendere adeguatamente le misure: misurate inizialmente la distanza che c'è tra il tetto ed il pavimento. Rammentate che i Comuni applicano delle dure leggi per le dimensioni di un soppalco. Quest'ultimo, deve essere obbligatoriamente alto dai due metri e mezzo in su. Scrivete quindi tutte le misure.

  • Intonaco grezzo La ristrutturazione di uno spazio, ingloba una serie di passaggi obbligatori, che hanno una specificità funzionale, oltre che una spiccata esaltazione estetica. Le mura di uno spazio, rivestono una do...
  • Realizzare un massetto Il massetto è la base in cemento, su cui si appoggia la pavimentazione. La posa in opera di quest'ultimo rappresenta l'ultima fase di costruzione di una pavimentazione, dalla sua realizzazione, infa...
  • pavimento in parquet Il Parquet è la scelta giusta se il vostro obiettivo è dare stile, raffinatezza, eleganza e calore alla vostra casa, e si adatta ad ogni ambiente, compresa la cucina e il bagno. Infatti, dal momento c...
  • Mosaico Il mosaico ha origini antiche e la tecnica per realizzarlo si basa sulla realizzazione di motivi geometrici più o meno elaborati o la composizione di figure molto più complesse associando dei framment...

Sfa Sanicondens Clim Mini Pompa Per Climattizatore

Prezzo: in offerta su Amazon a: 55€


La fase del montaggio

Fase di costruzione di un soppalco Il secondo passaggio riguarda l'acquisto dei materiali che sono stati menzionati precedentemente, in particolar modo ovviamente quelli che voi avete scelto in base alle vostre preferenze per la costruzione del soppalco. Fate particolare attenzione in questo caso alle dimensioni esatte corrispondenti alle misure che avete preso nella fase premessa. La prima parte che dovrete realizzare sarà quella della base, che dovrà essere sottile ma allo stesso tempo durevole. Facili e veloci da montare sono le basi in metallo industriali. Sicuramente non saranno belle da vedere, ma sfruttando la propria creatività si può trovare la soluzione a questo piccolo problema. Tuttavia, se opterete all'utilizzo del legno, richiedere assistenza ad un buon falegname con professionalità. Dopo che avrete terminato la base, questa la dovrete attaccare a terra o al muro.


Realizzare un soppalco, fase finale.

Soppalco che funge da ripostiglio Siamo giunti all'ultima parte di questa guida su come realizzare un soppalco. Come detto in precedenza, potrete attaccare la base o al muro a terra. Il tipo di ancoraggio più consigliato è quello al muro che, tuttavia, potrà essere realizzato solamente se si tratta di mura resistenti e di sostegno. Così facendo lasciate la zona in basso vuota e libera da ogni tipo di oggetto. E' ovvio che potrete effettuare questo collegamento, a scopi di sicurezza, con ambedue i metodi. Inoltre, è fondamentale che vi siano parti di supporto, intercalate nei muri di fondamento con lastre di acciaio sotto le parti in questione. Come ultimissima cosa, dovrete realizzare una copertura all'impalcatura. Se vorrete scegliere qualcosa di già costruito, esistono delle scappatoie in commercio.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO