Soppalco in vetro

Come creare un soppalco in vetro

I soppalchi più comuni vengono realizzati in legno, in muratura, in ferro e misti tra ferro- legno o legno-muratura, oggi grazie alle tecnologie innovative si ha la possibilità di costruire strutture del genere utilizzando anche il vetro, che può essere adoperato sia per la pavimentazione del soppalco sia come guarnitura della struttura, essendo un materiale resistente. Questa è un ottima soluzione per risparmiare spazio ed avere comunque un aspetto estetico molto bello. Ora vediamo come creare un soppalco fai da te. Prima di tutto dobbiamo recarci in un centro specializzato per materiali edili o un negozio che vende del vetro e i suoi derivati, acquistiamo delle lastre spesse tre centimetri.

Adesso dobbiamo scegliere l'ossatura della struttura che sarà in ferro, con esso realizziamo i quattro angoli di sostegno ed il piano per l'appoggio della pavimentazione creando una griglia, per essa devono essere usati dei profilati ad elle di circa 4x3 centimetri. La parte più larga va orientata in direzione del pavimento, mentre l'altra parte più piccola ci consente di creare la griglia sotto forma di vari quadrati tutti uguali. Prendiamo le lastre di vetro e le appoggiamo sulla base del soppalco incollandole con del silicone, essi possono essere acquistati in vari colori e misure in base alle calettature a disposizione. Le restanti parti del soppalco possono ugualmente essere realizzate in vetro, non necessariamente del tipo rinforzato. Alla fine della costruzione del soppalco si otterrà una superficie liscia, molto luminosa, altamente moderna ed esteticamente bella da guardare.

soppalco in vetro

UEETEK Viti di legno in acciaio inox da 0,5 kg. Kit da viti a testa piatta

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,29€
(Risparmi 10,29€)


Vantaggi e svantaggi del soppalco

Il soppalco è un'ottima idea per sfruttare al meglio gli spazi delle case che hanno soffitti molto alti perchè è molto economico ed è anche esteticamente ricercato.

Ecco alcuni vantaggi:

• è ottimo per chi ha poco spazio in casa perchè consente di recuperare spazio in verticale e quindi utilizzare gli spazi che altrimenti rimarrebbero vuoti;

• è ideale per dare un tocco di raffinatezza alla casa, infatti grazie al vetro è un open space da favola;

• è molto economico, infatti il materiale anche se economico non è scadente;

• è leggero e robusto, grazie all'evoluzione dei metodi di lavoro del vetro;

• creano un ambiente più luminoso proprio perchè il vetro fa passare la luce;

• è facile e veloce da montare, anche per chi non è un professionista;

• il vetro è un materiale fonoassorbente e isolante, quindi mantiene gli ambiente alle temperature giuste.

Gli svantaggi invece sono:

• il materiale è soggetto a graffi e segni dell'usura, proprio perchè il vetro è molto delicato e deve essere trattato con riguardo;

• il periodico bisogno di pulire il vetro, infatti esso si sporca molto facilmente;

• può causare cadute a causa della sua superficie liscia. Con esso bisogna stare attenti perchè può essere scivoloso;


  • soppalco Avere un soppalco oggi è una fortuna dato che le case hanno camere piccole e non hanno ripostigli. Il soppalco, tradizionalmente viene utilizzato per riporre oggetti in disuso, vecchi bauli e roba vec...
  • soppalco in legno Ah il soppalco in legno, che meraviglia! Quante volte lo avrete pensato mentre sognavate di avere anche voi un soppalco in casa vostra? Già perchè una stanza soppalcata non è solamente piacevole all'e...
  • camera1 Problemi di spazio? In famiglia necessitate dei propri spazi ma di cambiar casa non se ne parla neanche per scherzo? Non serve montare una tenda da campeggio in salotto, una soluzione ottimale per ric...
  • soppalco in muratura Il soppalco è un elemento della casa molto utile quando si ha a disposizione uno spazio con un'altezza elevata in quanto permette di sfruttare in maniera efficiente questo tipo di spazio. Un soppalco ...

CONTROSOFFITTO PLANET KNAUF - Pannelli modulo cm 60x60

Prezzo: in offerta su Amazon a: 57€


Quali vetri scegliere?

soppalco di vetro Per la realizzazione di questi pavimenti bisogna utilizzare solo i vetri più robusti e resistenti, infatti sono indicati per essere utilizzati come superfici calpestabili. Quello più utilizzato è il vetro di sicurezza temperato o stratificato, ma in alcune persone adottano anche il vetro di cemento. Il vetro per poter essere utilizzato come pavimento deve essere in grado di sostenere carichi di 7.000 N/m², esso è il valore minimo necessario che deve poter sostenere in caso della rottura di una delle lastre che costituiscono lo stratificato.

La resistenza al carico del vetro viene calcolata applicando la formula di Timoshenko con la quale si garantisce il massimo coefficiente di sicurezza per una superficie calpestabile in vetro. Per quanto riguarda, invece l’aspetto estetico, i pavimenti in vetro sono realizzati con vetri stratificati o temperati calpestabili, essi possono essere trasparenti o colorati, satinati o decorati, a seconda delle proprie richieste e preferenze, e si prestano alla realizzazione di diverse forme e geometrie. La pavimentazione in vetro può essere personalizzata, anche attraverso l’inserimento di tessuti, immagini e altre decorazioni, che verranno inserite durante le fasi di lavorazione del vetro.

Essi possono essere abbinati a strutture in metallo, in legno e per massimizzare l’effetto di leggerezza della struttura, anche a travi di vetro. Le forme geometriche realizzabili devono tenere conto di una corretta distribuzione delle tensioni tra centro e contorno della lastra di vetro, oltre queste considerazioni di carattere tecnico-produttivo, queste pavimentazioni in vetro possono avere lastre di qualsiasi forma, anche a geometria irregolare.


La normativa da rispettare

Se costruiamo un soppalco abitabile, secondo la legge è definito come “soppalco con permanenza di persone”, quindi si tratta di una zona rialzata in un secondo momento rispetto al livello del resto dell’appartamento, calpestabile da persone comodamente in piedi. La legge ha stabilito a questo proposito delle regole e delle misure per far si che si possa costruire un soppalco, esse però cambiano a seconda del Regolamento Edilizio e di Igiene del proprio Comune di residenza, ma in linea generale queste sono le regole:

• l'altezza minima del locale da soppalcare deve essere di almeno 430-440 cm e le altezze sopra e sotto il soppalco non possono essere inferiori a 210 cm, soletta compresa;

• la superficie soppalcata non deve essere superiore a 1/3 della superficie del locale, ma può arrivare massimo a metà della superficie di esso, solo on caso che le altezze sopra e sotto il soppalco raggiungono i 220 cm;

• l'altezza della zona sottostante deve essere di almeno 240 nel caso in cui la si voglia utilizzare come bagno o come cucina;

• la superficie finestrata non può essere inferiore a 1/8 della superficie del locale soppalcato;

• la documentazione del progetto deve essere presentata all’Ufficio Tecnico del proprio Comune da parte di un professionista (ingegnere, architetto o geometra);

• una volta conclusi i lavori, questi vanno documentati all’Ufficio del Catasto, poiché aumenta la superficie calpestabile e quindi la metratura dell’appartamento.

Per chi abita in un condominio non è obbligatorio chiedere l'autorizzazione all'assemblea condominiale, ma per evitare contestazioni da parte dei vicini è consigliabile depositare presso l'Amministratore la documentazione relativa ai permessi comunali ottenuti e la perizia del professionista.


Soppalco in vetro: A cosa puo' essere adibito il soppalco

scheletro per soppalco Dopo aver creato e terminato il soppalco in vetro e aver così recuperato spazio e metri quadrati, dobbiamo solo capire come impiegarlo.

Gli ambienti che possiamo realizzare sul soppalco sono:

• la zona notte. In cui poter inserire un letto basso molto semplice e comodo, con due comodini ad altezza, un guardaroba a misura con ante scorrevoli, delle lampade da atmosfera, circondato da tappeti e cuscini e se si vuole qualche tenda-zanzariera, per creare il perfetto nido per riposare, nascosto alla vista di chi sta di sotto;

• la zona giorno. In cui inserire un divano a due posti, una poltrona comoda, un tappeto, una lampada d’atmosfera, una piccola parete attrezzata per quello che si vuole ad esempio una libreria;

• la palestra casalinga. In cui possiamo inserire tutti gli attrezzi che utilizziamo per l’allenamento quotidiano;

• la zona studio e lavoro. Qui possiamo aggiungere una libreria, una scrivania grande e cassetti vari;

• la zona hobby. Dove possiamo mettere l’occorrente per il fai-da-te, il cavalletto per la pittura, gli strumenti per suonare e tutto quello che serve per il nostro hobby preferito;

• l'angolo relax. Nel quale inserire una morbida chaise longue, uno stereo per la musica, un tappeto con tanti cuscini;

• la zona per la visione di film e per giocare con i videogiochi insieme ai propri amici,

con una grande televisione e tante sedute comode: poltroncine, pouff, cuscini;

• la stanza per gli ospiti. In cui inserire un letto sempre pronto e un armadio per biancheria e vestiti, oppure un divano-letto da aprire all’occorrenza;

• la cabina armadio chiusa da ante scorrevoli o da tende, dove si può tenere in ordine e a portata di mano vestiti, scarpe, giacche e molto altro.



COMMENTI SULL' ARTICOLO