Riconoscere e coltivare un terreno roccioso

Le informazioni di base per sfruttare un terreno roccioso

Il terreno roccioso è una delle evenienze meno positive in cui ci si può imbattere qualora avessimo intenzione di procedere ad un qualsiasi tipo di coltivazione all’interno di un determinato spazio come potrebbe essere quello del nostro giardino. A conti fatti occorre comprendere come se da un lato è giusto mettere ai primissimi posti della sfortuna per gli amanti del giardinaggio avere a disposizione esclusivamente un terreno roccioso da rendere coltivabile, allo stesso modo c’è da dire come avere per le mani un terreno roccioso non sia una soluzione senza via di uscita. Senza dubbio il terreno roccioso non è il più facile da rendere fertile e fecondo ma le soluzioni ci sono comunque. Di qui la necessità di maneggiare con più cura del solito il terreno roccioso, con solo qualche accortezza in più.
Alcune note

Misuratore pH del suolo, Kit 3 in 1 per testare il terreno, l’umidità, la luce e il pH, attrezzo per giardini, prati, piante, erba, per interni ed esterni, 100% di precisione (senza batterie)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,6€


Le caratteristiche principali di una coltivazione adatta ad un terreno roccioso

Pregi e difetti Ma, come è nostra buona abitudine consolidata ormai da lungo tempo, procediamo con ordine e iniziamo a comprendere alcuni degli elementi di base che più potrebbero esserci di aiuto e di sostegno nel corso della nostra analisi in tema di terreno roccioso, una disanima la nostra anche abbastanza sintetica a dire il vero ma che ci auguriamo rimanga sempre e comunque sufficientemente chiara ed esauriente per tutti coloro che ci leggono. In effetti occorre subito evidenziare alcuni dei lati negativi che sono universalmente riconosciuti da tutti come caratteristiche proprie del terreno roccioso, vale a dire l’impossibilità o comune le straordinarie difficoltà che un tipo di terreno di questo tipo ha nell’ospitare e nel riuscire a far crescere le piane ad alto fusto. Tutte le piante ad alto fusto indipendentemente dalla loro specie.

  • Siepe Le siepi sono piante, spesso sempreverdi, a volte stagionali, che servono da recinzione della casa che con esse non solo si completa, ma acquista un certo grado di privacy, utile in ogni ambiente. Con...
  • motozappa La motozappa è un attrezzo agricolo a motore che viene in genere utilizzato per preparare il terreno alla successiva semina, sostituendo le più tradizionali zappa e vanga, cui oggi si ricorre solo per...
  • zappa1 La zappa è un utensile molto usato in agricoltura ed è costituita da una lama robusta di ferro che in genere è quadrata, ma a volte può essere anche trapezoidale oppure triangolare. Questa lama taglie...
  • concimare La concimazione è una tecnica di fertilizzazione: modifica e migliora alcune proprietà del terreno, ossia la sua composizione chimica, allo scopo di soddisfare al meglio il fabbisogno delle colture da...

Piante servizio 010 840 secchi, plastica Umtopf Saluto mondo, tra cui 4 coni concimazione, 30 cm, 8 litri gratitfarben Bianco,

Prezzo: in offerta su Amazon a: 30,4€


Riconoscere e coltivare un terreno roccioso: Consigli pratici per scegliere cosa coltivare in un terreno roccioso

Pro e contro E questo innanzitutto per una ragione molto semplice, vale a dire che, dal punto di vista squisitamente strutturale, le piante ad alto fusto sono dotate di radici lunghe e profonde che hanno bisogno di uno strato di terreno abbastanza duttile e malleabile al di sotto di esse per poter attecchire e allignare fecondamene. Ne consegue che le piante ad alto fusto siano assolutamente inadatte al terreno roccioso che non ha questo spazio nell’immediato sottosuolo. Per quanto riguarda altre caratteristiche proprie del terreno roccioso occorre comprendere che questa tipologia di terreno appare decisamente sfavorevole anche ad altre tipologie di piante, come, ad esempio , tutte quelle piante che hanno bisogno di un substrato molto ricco di nutrienti, nutrienti di cui il terreno roccioso è sempre carente.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO