La coltivazione delle rose

Caratteristiche generali della rosa

La rosa è considerata la regina dei fiori ed è diffusa in tutto il mondo. La pianta è apprezzata per le bellissime e profumate fioriture che presentano colori, sfumature ed anche forme diverse. Il genere Rosa fa parte della famiglia botanica delle Rosaceae e comprende circa 150 specie, suddivise in molte varietà ed ibridi, per un totale di 2.000 tipi di fiore. La maggior parte delle specie è decidua e solo alcune sono sempreverdi. La pianta è arbustiva a portamento eretto, strisciante, cespuglioso o rampicante. Ci sono specie che non superano i 20 cm di altezza e rampicanti che raggiungono gli 8 metri. La coltivazione delle rose non è difficile, tuttavia bisogna fare attenzione alla prevenzione degli attacchi dei parassiti, a cui sono particolarmente soggette, ed all'impegnativa potatura che richiede la corretta formazione dei rosai. Più facile, invece, si rivela la potatura di produzione.
Pianta di rose Black Magic

Roleadro Led Grow Coltivazione Lampada da Piante Indoor 55CM 54W con Rosso e Blu Luce Led Impermeabile IP65 per Serre

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39,99€


Messa a dimora delle rose

Rosa Mister Lincoln Il successo o il fallimento delle coltivazione delle rose dipende dalla messa a dimora. Il primo passo è scavare una buca semicircolare di mezzo metro di diametro e distribuire sul fondo del letame maturo. Quindi si stende uno spesso strato di terra su cui va impiantato il panetto contenente le radici. Si inserisce poi la pianta verticalmente, si richiude la buca con terriccio universale, si pressa per bene e si annaffia abbondantemente. Non bisogna piantare rose su un terreno che ha già ospitato altre rose, in quanto le precedenti lo hanno impoverito e riempito di tossine. La rosa ha ama la luce solare diretta per almeno 6 ore al giorno ma non le temperature troppo alte, che possono bloccare la fioritura. Per evitare il surriscaldamento radicale, all'inizio dell'estate occorre sistemare della pacciamatura attorno al fusto per mantenere fresco e umido il terreno.

  • Edera L’Hedera Canariensis comunemente conosciuta con il nome di Edera delle Canarie, vive bene in appartamento, al contrario di altre varietà che in ambienti secchi deperiscono. Questa pianta ha le foglie ...
  • Potatura La potatura riduce le fronde e modifica l’aspetto; presenta dei vantaggi, ma può anche comportare dei rischi. Allora, perché potare un albero? Un albero si pota innanzitutto per farlo crescere meglio,...
  • bouquet rose Il fiore per eccellenza, simbolo di amore e passione, è certamente la rosa. Questa pianta, indipendentemente dal suo significato simbolico, viene spesso scelta per dare un tocco di colore ad un giardi...
  • camelia La camelia dà fiori bellissimi indicati per balconi, terrazzi e giardini. Comprende numerose specie originarie dell'Asia orientale, come Giappone e Cina. Vediamo adesso le tecniche di coltivazione per...

Beckmann GAQ coltivazione cassetta modello e, colore: verde

Prezzo: in offerta su Amazon a: 26,95€


Coltivazione delle rose: acqua, terreno e concime

Pianta di rose Queen Elizabeth La pianta della rosa richiede, di solito, due annaffiature a settimana, senza bagnare esageratamente il terreno. Durante la stagione estiva, è opportuno aumentare l'apporto idrico fino a tre-quattro volte a settimana. Bisogna fare attenzione a non bagnare le foglie, i fiori ed il fusto onde evitare malattie fungine. Il terreno migliore è argilloso, ricco di sostanze nutritive e ben drenato, per evitare pericolosi ristagni idrici. Eventualmente vanno aggiunte ghiaia o sabbia. La concimazione va effettuata con concime naturale come lo stallatico, che arricchisce la terra si sostanza organica. I concimi chimici dovranno essere granulari a rilascio lento a base di azoto, potassio, fosforo e microelementi, somministrati a seguito della potatura invernale. Questa concimazione potrà essere ripetuta nel corso del periodo vegetativo.


La coltivazione delle rose: Potatura e malattie delle rose

Pianta di rose Iceberg Nella coltivazione delle rose la potatura si rivela indispensabile per regolare lo sviluppo della pianta. Deve essere eseguita prima dell'inizio della ripresa vegetativa, nei mesi di gennaio e febbraio. Lo scopo della potatura è dare alla pianta una forma ordinata, eliminare i rami vecchi, deformati o troppo sottili. Inoltre l'operazione di taglio stimola la crescita di rami nuovi, riduce la grandezza della chioma e porta la pianta a produrre meno fiori ma più grandi e più belli. Ogni specie di rosa richiede un differente tipo di potatura e non si può generalizzare. I parassiti che più frequentemente attaccano la rosa sono: il ragnetto rosso, che si nutre della linfa, e l'afide verde, che distrugge i germogli. Il bruco della tentredine nera divora le foglie della rosa. In questi casi è necessario l'utilizzo di insetticidi. L'oidio si manifesta come muffa bianca, la ruggine con macchie rosse la ticchiolatura con macchie nere e gialle. si combattono con rame o fungicidi.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO