Creare un bonsai di acero

Creare un bonsai di acero: il bonsai.

Creare un bonsai di acero è molto semplice e si può scegliere tra diverse tecniche. Prima di procedere è utile sapere che, questa pianta, normalmente raggiunge tra i 10 e i 20 metri di altezza ma, se si decide di creare un bonsai, esso può raggiungere i modesti 50 o 60 centimetri massimo. Questa tecnica è nata in Cina ma, principalmente utilizzata in Giappone, ha come principale obiettivo quello di educare, coltivare e curare la pianta, creando una sorta di sigillo tra la natura e l’arte. Per realizzare il bonsai di acero si può scegliere tra le seguenti tecniche: margotta, semina o talea. Esse si differenziano le une dalle altre, per via delle diverse modalità di nascita e creazione di una nuova pianta. Nel caso specifico del bonsai, la tecnica più utilizzata è quella della talea perchè, a differenza della semina, la nascita della pianta figlia impiega meno tempo.
Esempio di bonsai di acero. Fonte: www.bonsaiclubtorino.it.

Kit albero bonsai, cresci il tuo albero bonsai a partire dal seme – Il set regalo include 5 varietà di alberi da piantare – Coltivazione al chiuso con istruzioni dettagliate in Italiano

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,9€
(Risparmi 3,09€)


Creare un bonsai di acero: tecniche.

Esempio di semina bonsai di acero. Fonte: www.forum.gairdinaggio.it Per creare un bonsai di acero occorre, in primo luogo, scegliere la tipologia di pianta che meglio si adatta a questa pratica. L’acero palmato e quello giapponese sono tra le specie che meglio si adattano alla coltivazione in vaso e quindi, più adatte alla realizzazione di un bonsai da mettere nella propria casa o nel giardino. Riguardo alla realizzazione si può scegliere tra la semina tradizionale, coltivazione mediante talea o margotta. La semina porta all’ottenimento di una pianta partendo da zero, mettendo i semi dell’acero e aspettando che esso cresca fino alle dimensioni volute. La margotta e la talea invece, permettono l’ottenimento di una pianta figlia che presenta dimensioni notevolmente maggiori. Quando le radici si saranno formate, basterà tagliare la pianta figlia e piantarla su un vaso a parte. La seconda, si pratica staccando un ramo di acero e posizionandolo in un bicchiere pieno d’acqua.

  • bonsai ficus I bonsai, sono alberi in miniatura, che vengono realizzati grazie ad un’arte manuale, ed a tecniche che favoriscono la fedele riproduzione di alberi e piante presenti in natura. Il ficus, include una...
  • Curare bonsai olivo L'olivo è una pianta sempreverde, ampiamente diffusa in tutta la macchia mediterranea. Il bonsai appartenente a questa specie, presenta le stesse caratteristiche della pianta: ha foglie molto appuntit...
  • bonsai azalea Il bonsai azalea, è una tipologia di pianta particolarmente vistosa, dai colori variegati forti e sgargianti. Tra tutti è il bonsai più amato dagli artisti bonsaisti, sia per la sua peculiare e rara ...
  • bonsai ginseng Il ficus ginseng è una delle moltissime specie appartenenti alla famiglia dei Ficus. Questo particolare bonsai, è stato apostrofato con il nome di “ficus ginseng”, per la notevole somiglianza tra le s...

HomJo 2 pz Electronic Killer Insetto Giardino Alimentato a Energia Solare Percorso Illuminazione da Prato Lampada Notturna Protettore 2 in 1 Zapper e luce Ampliato Zanzara da Esterno Mosche Repeller , A

Prezzo: in offerta su Amazon a: 29,12€


Creare un bonsai di acero.

Esempio di riproduzione acero mediante talea. Fonte: www.forum.giardinaggio.it. Come affermato in precedenza, l’acero palmato e quello giapponese sono le tipologie di piante che meglio si adattano per creare un bonsai di acero. Tra le innumerevoli tecniche di riproduzione abbiamo la talea, semina e innesto. Quella più utilizzata e più pratica è la riproduzione mediante talea. Essa si ottiene staccando un ramo dalla pianta madre con dimensioni comprese tra i 6 e i 10 centimetri. È bene rimuovere il rametto proprio sotto l’attaccatura di una foglia, il quale ha almeno due nodi e qualche foglia. In seguito occorre posizionarlo in un terreno formato da sabbia e torba (terreno molto drenato) e dopo qualche settimana s’inizieranno a formare delle radici dal nodo di base e un germoglio da quello intermedio. È utile ricordare che il ramo che andrà a formare il bonsai di acero, deve essere staccato dalla pianta madre in primavera.


Creare un bonsai di acero: accorgimenti.

Coltivare il bonsai di acero. Fonte: www.grandigiardini.itDopo aver compreso come creare un bonsai di acero, occorre seguire alcuni accorgimenti atti al mantenimento e alla crescita di questa pianta. In primo luogo è bene disporlo in una zona soleggiata ma lontana da correnti d’aria e fonti di calore. Annaffiare la pianta solo quando essa lo necessita, in modo tale da evitare il marciume della stessa o attacchi per opera di funghi e parassiti dannosi che, aggredendo le foglie (ma anche rami, boccioli e fiori), seccheranno le zone colpite e, si avrà in questo modo la morte della pianta. Bisogna fertilizzare il bonsai di acero impiegando un prodotto liquido da miscelare con l’acqua, ogni 20 o 30 giorni massimo. Infine, per mantenere le dimensioni tipiche del bonsai, occorre eliminare le radici della pianta, ed evitarne quindi la crescita delle dimensioni.



Guarda il Video
  • bonsai acero La traduzione letterale dal giapponese del termine bonsai è "albero in vaso", non è una semplice parola, ma racchiude ne
    visita : bonsai acero
  • creare bonsai Benché prediliga soprattutto l’ambiente esterno, il bonsai olivo, così come la maggior parte dei bonsai da frutto (dal m
    visita : creare bonsai

COMMENTI SULL' ARTICOLO