Caratteristiche dello stucco veneziano

Caratteristiche dello stucco veneziano

Lo stucco veneziano è un tipo di rivestimento murale per ambienti interni, grazie al quale si ottiene una finitura decorativa molto particolare, che ricorda le pareti stuccate degli antichi palazzi di Venezia. Lo stucco veneziano si può applicare, oltre che sulle pareti, anche su elementi tridimensionali quali colonne e cornici. Anche seguendo tecniche applicative comuni, il prodotto darà un risultato sempre , che si distingue per sfumature ed effetti dipendenti dall'abilità del decoratore. Questo tipo di stucco può essere utilizzato su vari tipi di superfici: intonaco nuovo o vecchio a base di leganti idraulici, calcestruzzo, pitture vecchie e rivestimenti minerali o oppure organici, compatti, asciutti ed assorbenti, gesso e cartongesso e truciolato. La tecnica fondamentale prevede di applicare, con una spatola, più strati di stucco in modo che diano un effetto di rilievo.
Locale con stucco veneziano sul soffitto

Veneziani Resina 2000 Sistema epossidico per legno, colore: Trasparente, size: 750 ml A+B

Prezzo: in offerta su Amazon a: 27,99€


Vantaggi dello stucco veneziano

Stanza da bagno con stucco veneziano Il nome stucco veneziano deriva dal fatto che probabilmente in Italia è stato usato per la prima volta a Venezia, città dalle peculiari condizioni ambientali che richiedevano di proteggere le pareti dall'umidità dell'aria e dall'alta marea che toccava le mura delle case fin dalle fondamenta. Tuttavia la tecnica è antichissima ed era già conosciuta oltre 5.000 anni fa, nell'antico Iran. Le caratteristiche dello stucco veneziano lo rendono indicato soprattutto per locali raffinati ed eleganti. I colori possono tenui e delicati, come le tinte pastello, ma volendo anche più forti. Comunque, data la particolare tecnica, la lavorazione può essere adattata agli ambienti moderni e più informali. In ogni caso, questi tipo di decorazione darà stile e luce alla casa. Inoltre è semplice da applicare, non ha odori, è ignifugo, non attira la polvere, si può anche riparare ed è traspirante.

  • Parete con stucco veneziano Lo stucco veneziano fai da te è un rivestimento adatto ad ambienti lussuosi e raffinati, in grado di conferire alle pareti lucidità rendendole lisce al tatto. E' ottenuto da una miscela realizzata con...
  • Lavorare con la spatola La spatola è uno di quegli attrezzi che non manca mai in una casa perché è essenziale. Deve essere custodita gelosamente e mai prestata, altrimenti si corre il rischio che non torni più nella cassetta...
  • La posa tradizionale del mosaico Il mosaico permette di creare pavimenti e pareti di grande qualità estetica utilizzando materiali che offrono suggestivi effetti di luce, colori e movimento. La tradizionale tecnica del mosaico, risal...

Mungo MQLK-STB 1060308 Tassello con Collare Contro i Ponti Termici con Vite Flangiata Esagonale, 10x80 mm, 50 Pezzi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20,26€


Caratteristiche tecnico-artistiche

Stucco veneziano in soggiorno Lo stucco veneziano è un eccellente esempio dell'attenzione nella selezione dei materiali e delle tecniche di applicazione per ottenere un risultato durevole nel tempo e, contemporaneamente, dotato di valore artistico. Al tempo della Repubblica di Venezia, questo particolare tipo di intonaco decorava pareti e soffitti dei palazzi, arricchito dalla speciale finitura superficiale, da pitture e fregi in basso ed alto rilievo. Lo stucco veneziano classico è caratterizzato da una sovrapposizione di 6 strati. I primi 3 interni, composti principalmente da acqua, calce spenta e sabbia, formano uno spessore di 2 cm, e gli altri 3 esterni, in cui la sabbia è sostituita da polvere di marmo, hanno uno spessore di 5 mm e costituiscono il cosiddetto marmorino. Allo stucco venivano aggiunti pigmenti coloranti estratti dalla terra oppure polvere di vetro colorato. Poi la successiva lucidatura con cere vegetali o animali, conferiva l'aspetto di un vera pietra di marmo.


Lo stucco veneziano moderno

Stucco veneziano in cucina, su cappa Al giorno d'oggi, lo stucco veneziano a spatola prevede non più di tre mani, effettuate con prodotti pronti composti principalmente da calce, cemento bianco e gesso. Va utilizzato 1 kg di prodotto per ogni mq a cui si aggiunge il colore. La miscelazione deve essere omogenea e si attua tramite la frusta di un trapano. Si stende la prima mano di stucco e, dopo che si sarà ben asciugato, si carteggia con grana sottile. Si passa poi la seconda e la terza mano, dividendo il chilo di stucco in questo modo: 700 g per la prima passata, 200 g per la seconda e i rimanenti 100 g per l'ultima. Si utilizza il frattazzo per levigare lo stucco veneziano sulla parete. Quando saranno passate 36 ore dalla fine del lavoro, si dovrà stendere della cera sintetica o naturale, da lucidare, dopo qualche minuto, con un panno. Le caratteristiche dello stucco veneziano esalteranno il valore e la bellezza dell'ambiente domestico.




COMMENTI SULL' ARTICOLO