Scegliere il diserbante

Perché si usano i diserbanti

I diserbanti o erbicidi vengono usati per prevenire o rallentare la crescita di erbe non desiderate o anche per eliminarle qualora queste fossero già cresciute. Infatti un'abbondante crescita di erba indesiderata in orto o in giardino avviene specialmente perché il terreno viene abbandonato, per un certo periodo di tempo. La crescita delle erbacce è più veloce quanto più il terreno riceve una quantità d’acqua sufficiente a far sì che le erbe proliferino. Mese dopo mese le erbe infestanti lasciano i loro semi che, entrando nel terreno, consentono la crescita di nuove erbe che diventano sempre più resistenti e numerose di prima.

diserbante

Esterna del LED luci leggiadramente della stringa batteria, Moliker 10M 100 luci LED per Starry giardino, Matrimonio, Party, casa con telecomando senza fili / Funzione Timer (10 M Bianco Caldo)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€


Tipi di diserbanti

I diserbanti più utilizzati sono principalmente di due tipi: i prodotti pre-emergenza e quelli post-emergenza. Il termine fa riferimento al momento nel quale il diserbante deve agire: i diserbanti pre-emergenza riescono a distruggere le erbe indesiderate prima che queste germoglino, mentre i diserbanti post-emergenza distruggono quelle erbe infestanti che sono già cresciute e attive.

I diserbanti pre-emergenza agiscono interrompendo la fase di germinazione per i semi delle erbe infestanti, nei momenti precedenti a quando il germoglio esce sul terreno. La maggior parte di questi richiede una bagnatura della zona dopo l’applicazione al fine di far assorbire il diserbante bene nel suolo e per consentirgli di raggiungere più facilmente i semi.

I diserbanti post-emergenza funzionano per assorbimento delle foglie che, risucchiando il prodotto, lo trasportano nelle radici. È necessario che la pianta che si vuole eliminare sia abbastanza sviluppata. Esistono anche altri tipi di diserbante che agiscono sulle radici tuttavia sono inquinanti e di questi per fortuna molti sono fuori commercio.


  • prato inglese Prima di coltivare il prato inglese, è fondamentale preparare il terreno a dovere. Come prima cosa è necessario estirpare ogni pianta o manto erboso su di esso presente. Bisogna spargere del diserbant...
  • Infestanti a foglia larga Esistono differenti tipologie di diserbanti selettivi; il diserbante più comunemente utilizzato è quello contro le piante infestanti a foglia larga: il tappeto erboso è in genere costituito da piccole...
  • Sverniciatura del legno Quando si vuole fare un lavoro definitivo, creando le condizioni ottimali per un restauro, un rinnovo, una tinteggiatura o una levigatura bisogna, innanzitutto, sverniciare il legno, riportare la supe...
  • tasselli Il tassello è un sistema per fissare le viti al muro in modo più stabile del normale. Esso è formato da un involucro esterno di plastica o gomma o metallo e da una vite interna. I tasselli sono usati ...

TTLIFE barbecue Grilling cucina Guanti - 932 ° F calore estremo guanti resistenti - 1 coppia (long) - 14 "a lungo per la protezione dell'avambraccio Extra

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€
(Risparmi 13€)


Come agisce un diserbante

diserbante2 I diserbanti di tipo chimico si dividono essenzialmente in due tipi: "ad azione totale" e "ad azione selettiva". La differenza consiste nel fatto che il tipo totale agisce, o meglio dovrebbe agire, sulla totalità delle erbe presenti sul terreno che si intende trattare. Il secondo tipo invece agisce soltanto su alcune erbe. L’azione totale in genere viene utilizzata nei vialetti all’ingresso delle case, agli angoli di strade e di marciapiedi, nei parcheggi, nei capannoni industriali e in tante altre situazioni. È evidente però che il prodotto è molto più forte e inquinante di quello con azione selettiva.

I diserbanti selettivi sono classificati in base al principio attivo o alle erbe che debellano. Queste possono essere a foglia larga o stretta e la presenza di uno o dell’altro tipo di pianta consente di sapere come scegliere il diserbante giusto per la situazione. Comunque il diserbante che è destinato a una certa pianta viene assorbito anche dall'altra venendo poi neutralizzato.


Diserbanti naturali

Esiste anche un sistema naturale per diserbare, usato prima che venissero messi in commercio quelli chimici. Si strappavano o tagliavano le erbacce o al massimo si riduceva la loro crescita attraverso il metodo di pacciamatura. La pacciamatura consente di preservare le radici d’inverno e rallenta l’evaporazione d’acqua in estate. La pacciamatura, detta anche mulching, è una tecnica usata anche come sistema naturale per ridurre una eccessiva crescita di erba indesiderata: l'erba tagliata non si rimuove dal terreno ma si lascia sul posto facendo sì che si crei uno strato protettivo che riesce a rendere più difficile la ricrescita delle erbe infestanti.

Esiste anche un sistema biologico che si può fare a casa, ma a volte risulta meno potente del chimico. Si tratta di una miscela fatta con aceto (10%), sale (10%) e acqua (80%): si riscalda e si irrora sulle piante. Si è certi che il terreno non si inquina e non si fa danno al cane o al gatto, ma è sicuramente meno efficace. Inoltre i diserbanti chimici attuali non risultano dannosi agli animali.


Scegliere il diserbante: Come scegliere il diserbante

malattiafogliaMettendo insieme tutte le informazioni sopra riportate non è difficile riuscire a sapere come scegliere il diserbante giusto per le nostre esigenze. Tra i numerosi sistemi di controllo o di eliminazione delle malerbe, la cosa più efficace da fare è alternare i vari metodi per il diserbo. Infatti la situazione nel giardino o nell’orto può variare a seconda della zona o del periodo dell’anno e alternare i sistemi consente di effettuare un controllo molto più efficace delle erbe infestanti. Se si utilizzano diserbanti, la cui azione è più rapida, combinata con altre pratiche colturali come la pacciamatura, i risultati sono garantiti.



COMMENTI SULL' ARTICOLO