Il migliore concime orchidee

Il migliore concime orchidee: cosa significa migliore concime per orchidee? Ecco la risposta

Alcune note

La fase di concimazione è da sempre una di quelle operazioni che, in merito allo svolgimento di tutto quanto riguarda i cosiddetti annessi e connessi in materia di piante e fiori, è fonte di discussione. In primo luogo stiamo facendo riferimento a tutto quanto ruota intorno più in generale al mondo di piante e fiori e che, almeno sula carta, stride non poco con quelli che sono i numeri del settore, vale a dire il fatto che oggigiorno all’interno del nostro paese, sono sempre più coloro che sono appassionati di giardinaggio e non solo. E che, non battono ciglio, come si è soliti dire in questi casi, dinanzi alle difficoltà che riguardano la cura di piante e fiori. Perché, obiettivamente, è corretto riconoscere che si tratta di un impegno a tutti gli effetti.

Cambiando adesso per un momento la nostra prospettiva e restringendo il nostro raggio di azione dal punto di vista concettuale – facendo riferimento a specie di piante singole – ma, allo stesso tempo, giustapponendo i concetti base di concimazione e cura delle piante con le particolarità tipiche di una specie vegetale così singolare come lo sono le orchidee, ecco che il nostro discorso raggiunge un livello differente. Più complesso da un punto di vista strettamente operativo ma, forse proprio per questo, più interessante. Diciamo anche che occorre sfatare un mito in questo ambito e che quindi occorre comprendere che non vi è per forza di cose un rapporto di proporzionalità diretta tra singolarità della pianta e mole delle cure da applicare. Ed è questo il caso della concimazione delle orchidee e di tutto quanto riguarda la ricerca del cosiddetto migliore concime per orchidee.

Occorre comprendere quando è che veramente abbiamo a che fare con quelle che gli esperti del settore o gli addetti ai lavori non esiterebbero a definire come il migliore concime per orchidee. Le orchidee devono essere concimate con una certa regolarità, ogni 3 settimane circa, ma nel complesso, possiamo dire che si tratta di una delle pochissime cure ad hoc che le orchidee richiedono differentemente rispetto a tante altre. Dopo l’annaffiatura della pianta si procede con la fase della concimazione. Si utilizzano prodotti a base di azoto, potassio e fosforo secondo la dose 20:20:20. E, ovviamente, da considerare ci sono sempre le differenze che intercorrono tra le molteplici differenti tipologie di orchidee che si riflettono parzialmente sulla ricerca del singolo migliore concime per orchidee.

Alcune note

VASO TRASPARENTE IN PLASTICA IDEALE PER LE ORCHIDEE IN CONFEZIONE DA 6 PEZZI (17 Centimetri, 16 Centimetri)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,9€


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO