Miglior intonaco per esterno

Miglior intonaco per esterni

L'intonaco è una parte essenziale di una costruzione dal momento che oltre a fornire un impatto estetico notevole provvede anche alla protezione delle facciate dagli agenti atmosferici che potrebbero provocare problemi di infiltrazioni negli ambienti esterni. La scelta quindi del miglior intonaco per esterno è indispensabile per abbattere i costi di manutenzione e per preservare l'integrità delle costruzioni. Infatti il rifacimento di un intonaco richiede costi notevoli e tempi non indifferenti per la sua realizzazione. Un buon intonaco deve avere delle caratteristiche particolari, non deve essere troppo grossolano, avere un peso specifico adeguato e garantire un efficace mezzo per proteggere dagli sbalzi termici. Gli intonaci possono variare in base alla composizione e agli utilizzi specifici.
Intonacatura

Concime GERANI e fioriere, per un esterno resplendissant di colore.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,9€


Composizione dell'intonaco

Intonaco per isolamento termico Il miglior intonaco per esterno deve possedere caratteristiche particolari e può essere scelto in base alla composizione della malta. In caso l'intonaco venga realizzato con calce idraulica naturale formata da argilla, risulta sufficientemente traspirante, presenta un'ottima aderenza alla muratura e protegge adeguatamente dagli sbalzi termici. Miscelando la calce idraulica con della pozzolana, l'intonaco risulta particolarmente resistente all'umidità e all'acqua oltre a presentare interessanti caratteristiche meccaniche. La miscela di calce idraulica e cemento presenta un'ottima resistenza all'acqua e all'usura dovuta alle precipitazioni alle condizioni atmosferiche. Gli intonaci possono essere sia premiscelati, quindi con caratteristiche fissate dal produttore e specifiche per ogni utilizzo, oppure preparati in cantiere con le particolarità necessarie al lavoro.

  • Intonaco grezzo La ristrutturazione di uno spazio, ingloba una serie di passaggi obbligatori, che hanno una specificità funzionale, oltre che una spiccata esaltazione estetica. Le mura di uno spazio, rivestono una do...
  • cappotto termico Il cappotto termico è un sistema di isolamento per far sì che, in inverno, il calore resti all'interno della casa e non vi entri invece in estate. L'isolamento consente di diminuire conseguentemente l...
  • Alcune note Nell’ambito della vita di tutti i giorni sono tante le occasioni in cui ci sentiamo infastiditi a causa del rumore che ci circonda: sia se ci troviamo in ufficio sul posto di lavoro sia che facciamo r...
  • Confezione di calce idraulica Una calce si definisce idraulica quando contiene elementi chimici che a contatto con l'acqua determinano il processo di indurimento (idratazione). Se questi elementi sono presenti nel calcare d’origin...

Shabby Chic Furniture Paint - Vernice per mobili, ideale per creare uno stile shabby chic, 1 l, colore: bianco gesso

Prezzo: in offerta su Amazon a: 34,99€
(Risparmi 5€)


Preparazione dell'intonaco

Stesura dell'intonaco Per realizzare il miglior intonaco per esterno si deve miscelare correttamente la giusta quantità di malta, di materiali inerti e di acqua. La proporzione fra malta e materiali inerti dovrebbe essere di uno a tre, mentre l'acqua andrebbe aggiunta in piccole quantità miscelando con molta attenzione fino a realizzare un impasto che abbia una adeguata morbidezza e che sia privo di grumi. L'impasto per piccole quantità può essere effettuato sia in un secchio sia direttamente a terra (esclusivamente su una superficie che risulti pulita per evitare intrusioni di materiali estranei). In caso di necessità di quantità maggiori è necessario utilizzare una betoniera che consenta una migliore miscelazione. La malta dovrebbe essere lasciata circa un'ora a riposo prima di poter essere stesa sulle superfici.


Miglior intonaco per esterno: Stesura dell'intonaco

Posa dell'intonaco Per stendere correttamente l'intonaco da esterno si deve preparare correttamente la superficie, affinché il prodotto aderisca perfettamente. I muri da intonacare infatti devono essere perfettamente puliti e con una adeguata ruvidezza in modo che la malta aderisca correttamente. La superficie su cui si deve applicare la malta deve essere bagnata, in modo che non venga eliminata dell'acqua dall'intonaco rovinandone la composizione. In caso di sovrapposizione di più strati di intonaco è essenziale che i rivestimenti successivi vengano stesi una volta che quello sottostante sia asciutto. Un intonaco realizzato al meglio dovrebbe essere composto da tre strati, il primo per fare da legante con la muratura, il secondo per fornire un adeguato spessore e il terzo per effettuare una corretta finitura.



COMMENTI SULL' ARTICOLO