Pennelli migliori

Come scegliere i pennelli migliori

Per scegliere i pennelli migliori, bisogna cominciare dalle setole che devono assottigliarsi naturalmente in punta e dividersi in filamenti ancora più sottili. Le setole artificiali, in genere di nylon, sono prodotte in modo tale da imitare perfettamente le caratteristiche di quelle naturali e grantire gli stessi risultati. Per verificare il buono stato dei pennelli, le setole devono essere fitte e quando si aprono a ventaglio con le dita, devono ritornare nella posizione originaria. Per controllare se sono allentate si flettono le punte contro la mano. Tutti i pennelli lasciano cadere qualche setola, ma mai i ciuffi. La ghiera deve essere ben fissata all’impugnatura. Per garantire il buono stato dei pennelli è necessario che quando si ripongono, le setole vengano avvolte in carta morbida da fermare con l’elastico sulla ghiera.
pennelli

Pennello Bill Buchman Zen Sumi-e - Sensei 3 - Pennello per Sumi-e - Giappone - Molto Fine - Pelo di martora/capra - Pennello professionale per calligrafia cinese, pittura Sumi-e e arte contemporanea

Prezzo: in offerta su Amazon a: 34,95€


Classificazione

pennello I pennelli si distinguono in: pennelli piatti, pennelli rotondi, pennellesse, pennelli a scalpello. I pennelli migliori piatti sono quelli con le setole ancorate nella gomma, e fermate all’impugnatura con la ghiera in metallo stampato. Per l’applicazione al legno di vernici, vernicette e tinture sono necessari pennelli di varie misure sino a 5 centimetri. I pennelli rotondi hanno le setole legate al manico cilindrico con filo di ferro o con la ghiera metallica. Il modo con cui sono raggruppate le rende molto elastiche, ma quando si premono contro la superficie devono aprirsi a ventaglio come quelle dei pennelli piatti. Per applicare a pennello le emulsioni si usa la pennellessa da 15 centimetri o quella a due legature, preferita da molti imbianchini e decoratori professionisti. I pennelli a scalpello, con setole tagliate inclinate, servono per verniciare i listelli di separazione dei vetri sino negli angoli e contro le lastre, in alternativa si usano i pennelli piatti.

    Alvaro Castagnet Neef, pennello con punta ad ago, #8

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 23,07€


    Pennelli per effetti decorativi

    I pennelli migliori per eseguire effetti decorativi sono i pennelli per decorazioni a stampino, i pennelli per granitura e i pennelli per venature. Con questi pennelli si riescono a tracciare sulle pareti e sul legno degli effetti decorativi davvero sorprendenti. I pennelli per decorazioni a stampino hanno setole corte e rigide. La pittura si applica con le punte delle setole attraverso lo stampino ritagliato che definisce la forma da dipingere. I pennelli per granitura sono pennelli speciali per riprodurre l’effetto del legno naturale su vernici e vernicette. Il pennello per striature, dalle setole folte e morbide, si usa per tirare bande o striature di colore a imitazione della grana dei legni duri. Il pennello per venature, dalle setole sottili divise in gruppi, serve per tracciare serie di linee parallele imitanti le fibre del legno.


    Pennelli migliori: Consigli per mantenere nuovi i pennelli

    pennello1 Terminato il lavoro si leva l’emulsione dal pennello con acqua tiepida saponata, flettendo le fibre tra le dita per eliminare la vernice dal fondo, poi si sciacqua con acqua pulita e si scrolla quella in eccesso. Si lisciano le setole e si fa scivolare un elastico sulla punta per mantenere la forma durante l’asciugatura. Se si deve sospendere la verniciatura, si immergono le setole del pennello in acqua: il giorno seguente lo si asciuga con carta assorbente e si continua il lavoro. Se si usano le vernici, terminato il lavoro si elimina la vernice passando il pennello su giornali vecchi, poi si flettono le setole nel contenitore con il diluente. Se le istruzioni non prevedono l’impiego di diluenti speciali, si usa l’acquaragia o gli appositi detergenti chimici. Utilizzando queste accortezze i pennelli migliori conserveranno un buono stato di mantenimento per lungo tempo.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO