Utilizzo della calce

Un po' di storia sulla calce

La calce, conosciuta anche come calce comune o viva, è un materiale utilizzato in campo edile sin dai tempi antichi e viene ottenuto dalla cottura a temperature molto elevate di una roccia composta quasi interamente da carbonato di calcio. La materia prima è costituita da calcare che viene estratto in apposite cave. Anche il marmo può essere utilizzato per tale scopo. Le sue origini risalgono ai Fenici e ai romani che la utilizzavano mescolandola con la sabbia e andando così a formare la cosiddetta malta. Successivamente, si cominciò a mischiarla con altri materiali come argilla e pozzolana che ne andavano ad aumentare le caratteristiche in termini di resistenza e impermeabilità. In tempi più vicini a noi, esattamente nel 1750, alcuni ingegneri francesi cominciarono ad utilizzare la calce per la fondazione di ponti mescolandola con il cemento.
La calce è utilizzata sin dai tempi dei Fenici

Einhell TC-MX 1400 E Miscelatore Elettrico

Prezzo: in offerta su Amazon a: 65,44€


Tipologie di malta di calce

Le malte di calce sono usate per intonaci e come legante per mattoni Le malte si creano impastando l'acqua con altri leganti come la calce, il cemento o il gesso e altri materiali inerti come la sabbia o la ghiaia. La calce è uno degli elementi più utilizzati in edilizia, essa viene mischiata con altri materiali per ottenere una serie di malte di caratteristiche e utilizzi diversi. Le malte di calce sono due, in base alla tipologia di calce usata, entrambe vengono usate come legante per mattoni o per intonaci, esse sono: la malta di calce idrata e la malta di calce idraulica. Le malte di calce si ottengono impastando insieme la calce, la sabbia e l'acqua. Le proporzioni sono le seguenti: 1 parte di calce, 3 parti di sabbia e 1 parte di acqua. In commercio ci sono malte per tutti i tipi, ma qualora la si voglia realizzare da soli occorre considerare la quantità da realizzare: per un impasto da 6-7 kg esso può essere eseguito in un secchio per muratori miscelando i materiali mediante l'uso di una cazzuola; per impasto da 30-40 Kg può essere eseguito a terra con l'ausilio di un badile. Per impasti superiori si consiglia l'uso di una betoniera.

  • Alcune note Il concetto di muri e muratura rappresenta da sempre un elemento di notevole importanza nell'ambito dell'arredamento. O, anche, nell'ambito di tutte quelle che sono le principali questioni relative al...
  • Alcune note In molte occasioni sentiamo parlare di materiali in edilizia e anche di edilizia fai da te: talvolta nella giusta proporzione e qualche altra volta in contesti completamente differenti e anche fuori l...
  • cartongesso Il cartongesso è un materiale assai usato in edilizia, principalmente per le sue caratteristiche di leggerezza e maneggevolezza. Esso è costituito da gesso di cava, minerale molto diffuso, compresso t...
  • lavorazione creta La creta, comunemente nota anche come argilla, è un elemento naturale di costituzione fine, usato nell'ambito delle costruzioni a partire dal periodo Neolitico. In antichità la creta veniva utilizza...

Karcher Pulitore A Vapore - SC1 Kit Pavimento

Prezzo: in offerta su Amazon a: 82,89€
(Risparmi 4,84€)


La malta di calce idraulica

La calce idraulica è usata per intonaci esterniLa calce idraulica è un legante idraulico, ovvero che indurisce a contatto con l'acqua. Tale calce è un materiale ecologico ottenuto mediante la cottura di una pietra calcarea, che però contiene tracce di argilla. La calce idraulica si divide in naturale e artificiale. La differenza sta nelle rocce usate: marne naturali per il primo tipo, calcare e materiale argilloso il secondo. In entrambi i casi vengono immessi in forni con temperature intorno ai 700-1100 gradi, successivamente le pietre vengono estratte, fatte raffreddare e poi frantumate. Le malte di calce idrata vengono utilizzate per la realizzazioni di intonaco esterno. Molto diffusa è, oggi, la pratica di eseguire intonaci naturali a base di malta di calce idraulica per case in legno prefabbricate usate in bioedilizia.


Utilizzo della calce: La malta di calce idrata

Calce idrataLa malta di calce idrata viene solitamente venduta in sacchi semiliquidi, quindi con calce già spenta. La malta di calce idrata è usata per intonaci e come legante per i mattoni negli interni. Tale malta si lavora con molta facilità. Le proporzioni per la sua realizzazione sono 1 parte di calce, 3 di sabbia e 1 di acqua. Per preparare l'impasto è preferibile mescolare prima la calce e la sabbia e aggiungere solo alla fine l'acqua. Qualora si debba utilizzare la malta di calce idrata per intonaci le proporzioni sono: 1 di calce, 1.5 di sabbia e 1 di acqua per intonaci rustici; 1 di calce, 1 di sabbia e 1 di acqua per intonaci civili di pochi millimetri di spessore. Allungando maggiormente con acqua si ottiene il cosiddetto latte di calce, che è utilizzato tradizionalmente come pittura muraria.



COMMENTI SULL' ARTICOLO