Caratteristiche delle fibre di carbonio

Le fibre di carbonio

Chimicamente le fibre di carbonio sono polimeri di atomi di carbonio strutturato. Possiamo immaginarle come esagoni (che è la forma dell'atomo di carbonio) uniti insieme e poi sovrapposti a piani. Sono ottenute tramite la sintesi di prodotti derivanti dal carbonio e dal petrolio. La loro suddivisione avviene in base ai materiali di partenza, organici o inorganici e ai loro processi di fabbricazione. Sono utilizzate a creare i cosiddetti materiali compositi, formati per una parte dalle fibre di carbonio e dall'altra dalla cosiddetta matrice che in genere è di resina, ma anche un materiale plastico o metallo. La matrice serve per tenere le fibre ferme e disposte nella giusta posizione (adatta a sopportare gli sforzi a cui saranno sottoposte), proteggerle e dare la forma al manufatto.
Rinforzo con CFRP

WINOMO Radio Antenna Booster 8cm universale Auto auto in fibra di carbonio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,99€


Le caratteristiche delle fibre di carbonio

Laminato composito Le caratteristiche delle fibre di carbonio sono: un diametro compreso fa i 5 e i 15 μm (micrometri cioè millesimi di millimetro); esclusa l'ossidazione hanno praticamente inerzia chimica; un'altissima conducibilità termica ed elettrica; altissime flessibilità, resistenza e modulo elastico, buone proprietà ignifughe. Sono molto simili all'amianto come caratteristiche generali, ma non ne presentano i gravi rischi per la salute che invece quest'ultimo genera. I procedimenti con cui si formano sono due: la modificazione di fibre organiche oppure dai residui della distillazione del catrame e del petrolio, nel primo caso assumono la nomenclatura di PAN e nel secondo di PITCH. La sigla PAN indica la fibra di poliacrilonitrile che potremmo definire "la madre di tutte le fibre di carbonio", ottenuta dalla polimerizzazione dell'acrilonitrile.

    TRIXES Manopola per sterzo in fibra di carbonio Ausilio per curvare con stile auto sportiva barca camion

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€
    (Risparmi 7€)


    Utilizzi delle fibre di carbonio

    Posa di lamine di CFRP Il pitch, chiamato anche pece o residuo catramoso, è ciò che rimane dalla distillazione del catrame o del petrolio ed è formato da migliaia di idrocarburiaromatici. Processi chimici che in questa sede non analizzeremo, orientano le molecole lungo l'asse della fibra, a formare una struttura i cui fogli sono disposti a caso o ripiegati. Lo scopo principale nell'utilizzo delle fibre di carbonio è formare materiali compositi rinforzati dalla loro presenza, tra i quali troviamo quelli a matrice polimerica ad alte ed altissime prestazioni, denominati Fiber Reinforced Polymer; abbreviato con l'acronimo FRP. Si usano in aeronautica e in astronautica, ma anche nel restauro strutturale e per adeguare staticamente le strutture in muratura o in cemento armato, soprattutto quando costruite in zone sismiche.


    Caratteristiche delle fibre di carbonio: Le fibre di carbonio nell'edilizia

    Struttura di un CFRP Le caratteristiche delle fibre di carbonio le rendono un materiale con molte applicazioni, anche in edilizia: sono utili per le loro particolari caratteristiche meccaniche e le prestazioni, come: la grande resistenza allo strappo, anche in presenza di supporti non omogenei e su superfici non piane; l'alta resistenza chimica; la grande resistenza alla corrosione; lo scarso assorbimento di acqua, anche in ambienti umidi; lo spessore estremamente contenuto abbinato ad un peso veramente irrisorio. Per queste caratteristiche trovano impiego laddove si debba intervenire per aumentare la portanza di solai o travi; per rinforzare, nel caso dei miglioramenti antisismici, senza aumentare i pesi, ma al contempo migliorando la resistenza alla compressione e determinando un aumento della duttilità dell'intera struttura. Infine, per rinforzare strutture lesionate.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO