Allestire un acquario

Allestire un acquario: info generali

Allestire un acquario è molto semplice, anche se occorre primariamente analizzare la zona della casa in cui sistemarlo e acquistare tutto il necessario in modo tale da raggiungere risultati soddisfacenti. Per quanto riguarda la posizione della struttura, quella che dovrà contenere il nostro acquario deve essere delle giuste dimensioni sia in relazione alla posizione e sia ai pesci che intendiamo posizionare al suo interno. Se si è agli inizi e non si sa prendere una decisione, è conveniente acquistare un acquario di circa 80 litri di capacità, privo di supporto, così da acquistare separatamente quello che meglio si addice alle esigenze personali. L’acquario non dovrà essere posizionato in un luogo con troppa luce. L’allestimento della sezione interna è molto importante, giacché una giusta flora e fauna dell’acquario permetterà alle stesse di convivere in armonia. I pesci da disporre non devono avere una crescita eccessiva altrimenti avrebbero poco spazio. Per ossigenare e purificare l’acqua è necessario collocare un filtro adatto; inoltre è possibile arredare l’interno dell’acquario con piante acquatiche, sabbia, vecchi cocci etc.
Esempio di acquario

Wall sticker adesivo parete Danza Tango stickers adesivi muro decoro decorazione

Prezzo: in offerta su Amazon a: 29,9€


Allestire un acquario: prima fase

Acquario La prima fase da seguire per allestire un acquario è quella di posizionare la struttura in plexiglass o in vetro, in un ambiente non troppo luminoso o in un angolo buio della casa. Fatto questo, si prosegue con il posizionare sul fondo della sabbia, tenendo presente che ogni pianta acquatica ha una sua esigenza specifica per quanto riguarda il terreno. Si segue con il posizionamento di rocce, sassolini, pezzi di legno e simili. A questo punto si prende il filtro, si sciacqua e si pongono anche il termoriscaldatore e il termometro. Si riempie l’acquario con un terzo d’acqua (metà normale e metà demineralizzata). Fatto questo, si accende il termoriscaldatore e aspettare che l’acqua arrivi a circa 20 °C. In questa prima fase di allestimento dell’acquario si mettono le piante; essendo alle prime armi è conveniente usare esemplari che hanno poche esigenze, come ad esempio: Microsorum pteropus, Cryptocoryne Wendii, Vesicularia dubyana e simili. Sistemate le piante si riempie totalmente la teca, attivando il filtro, e regolando il riscaldamento a circa 24/ 25 °C.

  • Impianti elettrici Costruire un impianto è un’impresa abbastanza complessa, che richiede una serie di passaggi e una conoscenza tecnica di base. Con il termine “impianto”, si fa riferimento ad una categoria, che ingloba...
  • Restaurare L'arte, che ha lo scopo di portare alla luce lo splendore antico di un oggetto, al quale si lega un ricordo, una funzionalità, un’espressione artistica prende il nome di restauro. Restaurare un oggett...
  • Decoupage Quante volte abbiamo desiderato realizzare una composizione per abbellire una parete un po' spoglia? Anche chi non è in grado di dipingere sarà in grado di realizzare un bel quadro con l'arte del deco...
  • Immagine pergola Fare una pergola nel proprio giardino, nell’orto o in terrazzo è un’operazione semplice e di grande effetto. Ecco come procedere rapidamente e con una spesa contenuta alla realizzazione fai da te dell...

Wall sticker adesivo parete scarpette scarpe danza balletto ballet scuola muro

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,9€


Allestire un acquario: seconda fase

Interno acquario La seconda fase per allestire un acquario è quella di creare un giusto ambiente dove dovranno convivere piante acquatiche e pesci scelti secondo gusti personali, ma anche secondo compatibilità. Dopo aver acceso il filtro e il riscaldatore, si nota un’acqua tendenzialmente torbida e poco adatta a far vivere armoniosamente i pesci. Proprio per questo è necessario aspettare che il filtro dia vita alla giusta flora batterica, la quale trasformerà le sostanze pericolose in altre meno tossiche ed eliminabili mediante frequenti sostituzioni parziali d’acqua. È conveniente acquistare presso negozi specializzati dei ceppi batterici in grado di agevolare la proliferazione della flora batterica. I risultati di quest’azione s’inizieranno a notare dopo circa 4 settimane. Tuttavia, ciò non implica la tempestiva disposizione dei pesci; bisogna fare molta attenzione sia nella scelta degli esemplari e sia in una loro compatibilità.


Allestire un acquario: terza fase

Esempio di acquario La fase finale per allestire un acquario, come si può capire, è la disposizione dei pesci. Come affermato in precedenza, quando si acquistano, occorre fare molta attenzione alle caratteristiche di sviluppo di questi esemplari e alla loro compatibilità con altri pesci. Se si è alle prime armi, bisogna acquistare delle specie resistenti e in grado di convivere tra loro all’interno di uno spazio di certe dimensioni. Per esempio, è possibile scegliere tra: Poecilia reticolata, Xiphophorus variatus, Ancystrus, Poecilia velifera e lo Xiphophorus helleri. In altre parole, occorre acquistare dei pesci che occupino tutti i livelli dell’acquario, in modo tale da avere spazi completamente vuoti. È bene sapere che alcuni tipi di pesci prediligono i fondali sabbiosi, altri amano nascondersi tra le rocce, stare nella parte più buia dell’acquario, e altri ancora preferiscono la luce della superficie.




COMMENTI SULL' ARTICOLO