Scegliere i concimi organici

Il concime

Il concime è un mezzo che viene utilizzato per la fertilizzazione di un terreno aggiungendo uno o più elementi nutritivi che possono essere successivamente utilizzati dalle piante, per la composizione delle strutture o degli enzimi e degli ormoni. Le sostanze che vengono sparse sul terreno per concimare possono essere classificate in base alla essenzialità verso le specie di piante: per tutte le tipologie di vegetali, solo per alcune o per nessuna. Gli ultimi si possono trovare nel terreno in modo accidentale e possono provocare azione tossica nell'uomo e negli animali. Gli elementi essenziali per ogni pianta che devono essere introdotti con il concime sono: l'azoto, il fosforo, il potassio, il calcio, lo zolfo, il magnesio, il cloro, il ferro, il rame, lo zinco, il manganese, il boro, il molibdeno.
Spargimento dello stallatico

CellMax TERRA Bloom Mix 5L

Prezzo: in offerta su Amazon a: 49,79€


Classificazione dei concimi

Deposito di guano I concimi si possono dividere in base alla composizione chimica, quindi possono essere semplici, quando contengono un solo elemento, oppure complessi o composti quando invece sono presenti più macroelementi insieme. I concimi composti, poi, vengono divisi ulteriormente in binari, in cui vi è la presenza solamente di due elementi principali, oppure in ternari, quando contengono tutti i macroelementi principali. Una ulteriore distinzione si basa sul contenuto di carbonio nel concime e a come è legato ad un macroelemento, quindi si distinguono concimi: organici, organominerali e minerali. Organici sono i concimi prodotti in seguito ad attività biologica, organominerali sono concimi ottenuti per miscelazione di più concimi organici, minerali sono, invece, i concimi derivati da giacimenti minerali.

  • Semina del giardino Prima di effettuare la semina, bisogna adeguatamente preparare il terreno su cui cresceranno le verdure. Innanzitutto bisogna scegliere la zona dove far sorgere l'orto con molta cura. Ortaggi e insala...
  • camelia La camelia dà fiori bellissimi indicati per balconi, terrazzi e giardini. Comprende numerose specie originarie dell'Asia orientale, come Giappone e Cina. Vediamo adesso le tecniche di coltivazione per...
  • ortensia1 Il nome scientifico dell'ortensia è 'hydrangea' ed appartiene alla famiglia delle hydrangeaceae. La pianta proviene dall'Estremo Oriente, precisamente dal Giappone e dalla Cina e il nome ortensia semb...
  • terriccio Quando si decide di coltivare delle piante in giardino, prima di posizionarle è importante conoscere le caratteristiche del terriccio presente, e se necessario aggiungere le sostanze nutritive e/o mod...

CellMax TERRA Bloom Mix 1L

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11€


Concimi organici

Cornunghia Esistono moltissimi concimi organici derivati dalla lavorazione di sostanze molto diverse. La borlanda si ricava dalla lavorazione della barbabietola da zucchero. La cornunghia si ottiene dalla macinazione, essiccazione e sterilizzazione delle corna e degli zoccoli degli animali macellati, in misura maggiore deriva da bovini. Lo stallatico deriva dalle deiezioni di bovini, equini, ovini e caprini, mentre la pollina da quelle di animali avicoli e il guano da quelle di uccelli marini. La farina di ossa e quella di sangue derivano dalla macellazione degli animali, dopo opportuna sterilizzazione. Si possono utilizzare anche composti derivati da altre piante come il lupino macinato, il panello di ricino oppure il litotamnio derivato dalla macinazione di un'alga rossa calcarea dell'Atlantico, la Lithothamnium calcareum.


Scegliere i concimi organici: Come scegliere i concimi organici

Pollina La scelta del corretto concime organico deve tenere in considerazione sicuramente che ogni varietà di pianta necessita di un fabbisogno diverso di macroelementi, soprattutto di azoto, di fosforo e di potassio. Per quanto riguarda per esempio una copertura erbosa sono molto importanti elementi come il magnesio e il ferro. Per esempio la borlanda è molto utilizzata per la frutticoltura, la cornunghia per manti erbosi e piante ornamentali principalmente. Lo stallatico, il guano e la pollina sono fra i più utilizzati, in proporzione diversa derivando da deiezioni differenti, soprattutto la pollina deve essere usata in moderate quantità a causa dell'alta percentuale di ammoniaca presente che brucerebbe le radici. Anche la farina di sangue andrebbe usata in moderate quantità per non bruciare le radici.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO