Scegliere il terriccio

Componenti principali del terreno

Quando si decide di coltivare delle piante in giardino, prima di posizionarle è importante conoscere le caratteristiche del terriccio presente, e se necessario aggiungere le sostanze nutritive e/o modificarne la composizione. Lo strato di suolo che interessa ai fini della coltivazione arriva ad una profondità di 1-1,5 m. La parte sottostante ha scarsa se non nulla importanza. Le componenti che costituiscono il terreno sono le seguenti: sostanze minerali, sostanza organica, organismi terricoli, acqua e aria.

La loro interdipendenza determinerà la qualità del terreno.

Le sostanze minerali rappresentano circa il 95% della parte solida e derivano dalla disgregazione delle rocce. La sostanza organica ha origine dai residui animali e vegetali e costituisce il 2-5%. Nonostante questa piccola quantità, la sostanza organica è di fondamentale importanza, da essa per decomposizione si ottiene l'humus, il principale responsabile della fertilità del suolo.

Gli organismi terricoli comprendono insetti, acari, funghi, batteri, nematodi e lombrichi.

La presenza di aria nel terreno determina la nutrizione e l'ossigenazione delle radici. L'acqua è il solvente dei sali minerali e si trova tra le particelle solide.

terriccio

BIO TERRICCIO PER ORTO E SEMINA CONFEZIONE DA 80 LITRI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 23,5€


Caratteristiche del terriccio da giardino

terriccio1 Per capire che tipo di terreno è quello del nostro giardino dovremo valutare le sue caratteristiche chimiche e fisiche.

Queste ultime comprendono la tessitura, la porosità e la struttura. Per tessitura si intende il rapporto tra le diverse dimensioni delle particelle solide. La predominanza di una specifica classe di particelle definirà il tipo di terreno, che potrà essere dunque di tipo argilloso, limoso o sabbioso. I primi sono più pesanti e difficili da coltivare, quelli sabbiosi invece sono più leggeri e garantiscono un buon drenaggio. Il terriccio ideale dovrà contenere il 50-80% di sabbia, 10-15% di limo e 5-10% di argilla. La scelta del terriccio più adatto sarà di fondamentale importanza per la crescita e salute delle piante.

La porosità, è importante per lo sviluppo delle radici. La struttura, determinata dall'aggregazione delle particelle solide, influirà sulla fertilità.

Tra le caratteristiche chimiche vanno valutati il pH, la capacità di scambio e la salinità. Dal pH deriva la concentrazione dei sali minerali.

La capacità di scambio definisce la capacità del terreno di trattenere le sostanze nutritive. La salinità indica la quantità di sali minerali presenti.

  • Materiali per giardini Grazie alle tecniche del fai da te, c’è la possibilità di svolgere davvero un gran numero di operazioni e di attività, in particolar modo all’interno della propria abitazione.Mediante il fai da te, ...
  • quale giardino Tutti coloro che sono appassionati di tecniche fai da te, sanno alla perfezione come il giardinaggio rientri di pieno diritto tra le attività maggiormente diffuse ed apprezzate.Tramite il giardinagg...
  • Casette per giardino Affidarsi al fai da te sicuramente può avere un gran numero di significati, dal momento che è possibile cimentarsi in un gran numero di settori: tra gli altri, il giardinaggio è sicuramente uno dei ca...
  • Fiori in giardino I fiori si caratterizzano per essere l’apparato riproduttivo delle piante, ma al tempo stesso rappresentano anche la componente più interessante dal punto di vista estetico. Gran parte del mondo veget...

Compo Terriccio Bio 50 Lt

Prezzo: in offerta su Amazon a: 21,5€


Scegliere il terriccio: Miglioramento e lavorazioni del terreno

terriccio2 Il miglioramento di un terreno di tipo sabbioso va eseguito in quanto troppo arido e povero di sostanze nutritive. Aggiungendovi della sostanza organica si migliora la struttura e la fertilità. Il fertilizzante più adatto è il concime di capra e pecora, anche quello di stalla può andar bene ma è importante conoscere il tipo di mangime fornito all'animale. E' molto utile anche la torba bionda disidratata che va somministrata previa diluizione. La concimazione va fatta in autunno quando le prime piogge favoriscono l'attivazione dei microrganismi.

Il miglioramento di un terreno acido (pH< 7) va fatto sempre tranne quando si devono coltivare specie acidofile. In questo caso infatti va lasciato inalterato. Per correggere il terreno è necessario conoscerne il pH e aggiungere calce o calcare. Per valutare in quali proporzioni vadano aggiunti, si deve conoscere il giusto valore di pH e per farlo ci si può rivolgere ai laboratori specialistici che analizzeranno il tipo di terreno dopo avervi indicato come eseguire la raccolta di un campione. La correzione andrà fatta ogni 2-3 anni e per verificare l'efficacia del trattamento si andrà per tentativi verificando il pH la primavera successiva.



COMMENTI SULL' ARTICOLO