Potare gli ulivi

Gli strumenti da taglio. Arnesi per una corretta potatura

Gli strumenti da taglio adoperati per le potature degli ulivi debbono essere di acciaio temperato e ben affilato, così da permettere un taglio netto senza sbavature. Gli arnesi da adoperare per potare gli ulivi sono: accetta, forbici, segaccio. L’accetta serve per tagliare rami anche di una certa consistenza così da ottenere tagli precisi e netti. L’utilizzo non è facile, infatti c’è bisogno di una mano esperta per evitare incidenti. Le forbici servono per il taglio di rami teneri; devono essere leggere e calibrate alla mano dell’operatore. Il segaccio può essere a molla semplice o a molla rigida; consente un lavoro più spedito anche se poi occorre intervenire con l’accetta per levigare la superficie di taglio. Serve per tagliare tronchi e rami grossi. Se i rami sono posti troppo in alto, in commercio è reperibile lo svettatoio telescopico, una lama seghettata fissata su un manico telescopico che può raggiungere anche i quattro metri di altezza, altrimenti se gli ulivi hanno chiome vaporose e rami di modeste dimensioni si possono utilizzare strumenti professionali con motore elettrico o a scoppio.
olivo

Tenartis 254 Forbice per Potare Ulivi 23 cm - Made in Italy

Prezzo: in offerta su Amazon a: 34,9€


Tipi di potatura. Quando potare gli ulivi

olivo Le piante di ulivo vanno potate in inverno, quando la pianta non è più produttiva e sta a riposo. Nei primi anni di vita, la pianta non subisce una vera potatura, ma gli interventi si limitano al taglio di succhioni e polloni, la cui presenza possono sconvolgere l’equilibrio della pianta. Nella fase di accrescimento, la pianta di ulivo subisce una potatura più contenuta, quando l’ulivo è adulto, si interviene in maniera energica. Gli obiettivi principali per potare gli ulivi sono due: ornamentali e produttivi. La potatura ornamentale serve a conformare la chioma della pianta, la potatura produttiva serve per consentire alla pianta di produrre abbondanti frutti. La potatura può essere: secca, verde e straordinaria. La potatura secca viene praticata nel periodo invernale, tra gennaio e marzo, quando la pianta è a riposo. La potatura verde viene eseguita nei mesi estivi, e toglie succhioni e polloni che sono cresciuti da aprile a luglio. La potatura straordinaria viene praticata in casi eccezionali e va a sconvolgere l’assetto della pianta. Infatti serve ad eliminare la pianta oramai invecchiata, lasciando in vita un pollone che andrà a sostituire l’ulivo precedente.


    SEGHETTO A MANO PROFESSIONALE - Seghetto per potatura e giardinaggio con lama dentata robusta per tagli precisi. Taglia con facilità arbusti, tronchi e rami difficili - Perfetto per giardinaggio, attività all'aria aperta, campeggio, e tanto altro. Impugnatura ergonomica anti-fatica. La sua leggerezza e la sua lama resistente in acciaio pieghevole lo rendono uno strumento INDISPENSABILE. Segaccio per potatura. Sega per potatura. Attrezzi per potare. GARANZIA 100% SODDISFATTI O RIMBORSATI!

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,97€
    (Risparmi 10€)


    Potare gli ulivi: Come potare gli ulivi. Consigli pratici

    taglio olivo Il periodo migliore per potare gli ulivi è marzo. La tecnica di potatura è semplice, occorre un po’ di memoria e che ad eseguirla sia la stessa persona. Infatti, di regola, i rami che hanno prodotto un anno le olive, non danno frutti l’anno successivo, quindi in fase di potatura bisognerebbe ricordarsi quali sono i rami che hanno fruttificato, perché saranno questi ad essere eliminati. L’ulivo ha bisogno di aria e luce, tutti i rami che si trovano all’interno della pianta vanno recisi. I rami dell’ulivo tendono a inclinarsi verso il basso, sono proprio questi a contenere i frutti, per aumentarne la fruttificazione viene fatta un’incisione alla base del ramo di forma circolare. In questo modo il flusso di linfa decrescente si arresta o si riduce di intensità. L’anno successivo questi rami non daranno frutti, quindi in fase di potatura vanno eliminati. I tagli vanno eseguiti in maniera precisa e netta, senza lasciare sbavature. Nel taglio dei rami si parte dall’alto e si prosegue verso il basso. Vanno eliminati i rami che si incrociano, quelli distanti meno di cinquanta centimetri. Se la pianta ha più di due anni, si possono accorciare anche i rami produttivi.


    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO