I segreti per potare la vite

Potatura

I segreti per potare la vite sono dei punti importanti atti ad avere come risultato un tipo di uva dal sapore inconfondibile e del vino dal gusto unico e inebriante. La potatura è una pratica indispensabile che è compiuta con molta cura, avvalendosi di svariate tecniche e mezzi. In linea generale si può affermare che non dipende tutto dalla pratica di tagli ma anche dalla manipolazione di tralci e rami indispensabili per dare una certa forma al complesso di viti presenti su quel determinato terreno. La forma dello stesso, connessa al tipo di vite coltivata, al tipo di terreno e al clima a cui la vigna è soggetta, dipende la potatura stessa.
vite

Sellery Heavy Duty forbici professionali 205 mm, lame in acciaio al carbonio SK5, easy lock System per utilizzo a una mano, presa antiscivolo per un comodo uso

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,43€
(Risparmi 16,45€)


Obiettivi

vite1 Gli obiettivi dei segreti per potare la vite sono di raggiungere un certo livello vegetativo e produttivo. La potatura è praticata per dare alla pianta una forma specifica in modo tale da resistere alle avversità climatiche e sopportare il carico dei grappoli. Uno dei segreti per potare la vite è quello di permettere, attraverso la potatura, la nascita di grappoli d’uva dal gusto, dalle dimensioni, colore, sapore inconfondibile. Il secondo obiettivo è più tecnico che produttivo in quanto, il coltivatore procede nella eliminazione di foglie, rami e gemme in eccesso. Ciò avviene proprio per evitare un eccessivo carico della pianta con la nascita di troppi grappoli (proprio perché sono state lasciate tutte le gemme). Se si venisse a creare una condizione simile si potrebbe produrre una qualità di uva di poco valore a livello qualitativo ed estetico.

  • Potatura La potatura riduce le fronde e modifica l’aspetto; presenta dei vantaggi, ma può anche comportare dei rischi. Allora, perché potare un albero? Un albero si pota innanzitutto per farlo crescere meglio,...
  • olivo Gli strumenti da taglio adoperati per le potature degli ulivi debbono essere di acciaio temperato e ben affilato, così da permettere un taglio netto senza sbavature. Gli arnesi da adoperare per potare...
  • È bene potare gli alberi Avere un bel giardino presuppone dedicargli le cure adeguate. Tra queste vi è la potatura delle piante, in particolare degli alberi da frutto. Le operazioni di rimozione dei rami in eccesso e di quell...
  • Una pianta del tipico gelsomino dai fiori bianchi Il gelsomino è tra le piante rampicanti più diffuse, perché è facile da coltivare, bello da vedere e soprattutto profumato. Per mantenerlo bene, però, è necessario eseguire diverse operazioni di potat...

Ciliegio da fiore Kojo-no-mai, Bonsai, 6 anni, 32cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 33,3€


Come potare

potatura I tagli della potatura sono gli stessi che sono praticati sulle gemme degli altri alberi. Per raggiungere un ottimo risultato occorre mettere in pratica alcuni segreti per potare la vite. Prima di tutto praticare dei tagli tenendo conto dei grappoli che si vogliono produrre nell’anno e il periodo stesso in cui essi devono avviare il loro sviluppo. Due principali segreti per potare la vite sono: cordone permanente e il tralcio di rinnovo. Con il primo tipo, la potatura si pratica nel cordone libero. In pratica sul cordone dei tralci corti si lasciano 2 o 3 gemme massimo. Nella potatura a tralcio ( almeno 3 gemme) di rinnovo i tagli hanno varie dimensioni e lunghezza; il risultato è la formazione di capi a frutto dai quali si origineranno i grappoli d’uva e dei tralci improduttivi (tralci a legno). Dai 2 tipi di tralci (a frutto e a legno) questa potatura prende il nome di potatura mista. È utile sapere che questi non sono gli unici segreti per potare la vite perché, a ogni tipologia di pianta occorre praticare delle precise potature, in modo tale da raggiungere un ottimo risultato. È utile ricordare che questi tagli vanno fatti tra gennaio e febbraio.


I segreti per potare la vite

Riguardo i segreti per potare la vite è utile affermare che i tagli non si limitano al cordone permanente e al tralcio di rinnovo. La prima tipologia si divide a sua volta in: cordone speronato (e in tecniche meno note che prendono il nome di doppia cortina e cordone libero). Con questa tecnica il ceppo della pianta è legato in orizzontale con del semplice fil di ferro, in modo da permettere uno sviluppo della pianta in questa direzione e di conseguenza facilitare la raccolta dei grappoli d’uva. Al tralcio di rinnovo o potatura mista appartengono: Guyot, pergola e il doppio capovolto. Il più noto è il Guyot e, come nel cordone speronato, la pianta è legata con del fil di ferro in orizzontale, a 80 cm da terra e in questo caso la vite si sviluppa con i rami verso l’alto. Questi sono solo alcuni dei segreti per potare la vite in quanto a ogni specie, condizione climatica e altro, dipende la potatura.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO