Gelsomino potatura

Gelsomino potatura

Il gelsomino è tra le piante rampicanti più diffuse, perché è facile da coltivare, bello da vedere e soprattutto profumato. Per mantenerlo bene, però, è necessario eseguire diverse operazioni di potatura in determinati momenti della sua vita. Questi interventi servono a migliorare la forma e i ritmi di crescita della pianta, nonché a mantenerla in buona salute, ricca di fiori e rigogliosa a lungo. Il gelsomino esiste in oltre 250 varietà diverse, ognuna delle quali ha delle specifiche caratteristiche che richiedono una particolare potatura. In generale, però, bisogna sapere che il gelsomino è un sempreverde arbustivo o rampicante, originario delle zone tropicali di Asia, America e Mediterraneo. Appartiene alla famiglia delle Olaceae e viene usato soprattutto a scopo ornamentale come rampicante, dove raggiunge fino i tre metri di altezza. La potatura su questa pianta non ha solo uno scopo estetico ma serve anche a migliorarne la crescita. A seconda delle fasi di crescita del gelsomino, si distinguono diverse potature, quelle di allevamento o formazione, e quelle di mantenimento o ringiovanimento.
Una pianta del tipico gelsomino dai fiori bianchi

Gelsomino - Trachelospermum jasminoides (Pianta sempreverde) - Vaso 1,5 litro (Pianta rampicante - Pianta adulta - Resistenza al freddo: Ottima) - Muri e recinzioni, Pergola, Balconi e terrazze | ClematisOnline - clematidi e rampicanti più economiche

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,95€


Gelsomino potatura le fasi

I fiori del gelsomino La potatura del gelsomino si può suddividere in diverse fasi, determinate dalle tappe di crescita della pianta. Nei primi tre anni di vita del gelsomino la potatura deve essere fatta in questo modo: bisogna accorciare di due terzi tutti i rami alla base della pianta, affinché compaiano nuovi germogli laterali che poi determineranno la forma e il portamento della pianta più matura. Questa potatura, detta di allevamento o di formazione, aiuta anche a infoltire la parte bassa del gelsomino, dove altrimenti potrebbero crearsi zone spoglie. Dai tre ai sei anni di vita del rampicante bisogna operare, invece, una potatura di mantenimento o ringiovanimento, ossia bisogna tagliare tutte le parti secche e tutti i rami danneggiati. In alcune specie è opportuno accorciare i rami basali anche in età adulta, ma nel gelsomino comune è meglio non farlo. Bisogna semplicemente favorire la diradazione dei rami inferiori, tagliando quelli vecchi e favorendo la nascita di quelli nuovi, ma senza mai esagerare, perché nella fase adulta bisogna focalizzarsi nell'eliminazione delle parti secche.

    Gelsomino - Siepo 1 Metro (sempreverde) - 3 Vasi 1,5 litro (Pianta rampicante - 3 Gelsomino/1 Metro - Pianta adulta) - Muri e recinzioni, Pergola, Balconi e terrazze - Colore del fiore: Bianco | ClematisOnline - clematidi e rampicanti più economiche

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 34,5€


    Gelsomino potatura quando farla

    Gelsomino rampicante L’operazione di potatura del gelsomino è estremamente importante e non va mai saltata o rimandata: va eseguita sempre con continuità nel tempo e al momento giusto per mantenere la pianta al meglio e farla prosperare, nonché favorire la fioritura di abbondanti e profumati fiori. La potatura di formazione, ossia quella che va fatta nei primi tre anni di vita, va effettuata sempre in primavera. Sempre in questa stagione, negli anni successivi, va eseguita la potatura di ringiovanimento, anche se bisogna fare una distinzione: alcune specie di gelsomino fioriscono sui rami dell’anno precedente, mentre altre fioriscono sui rami dell’anno in corso. Nel primo caso la potatura va operata prima della fioritura, minimo due settimane prima; nel caso della fioritura sui rami nuovi, la potatura va eseguita a fine inverno, dunque diciamo a fine febbraio-inizio marzo, ossia nel periodo in cui comincia per il gelsomino la fase vegetativa.


    Gelsomino potatura gli attrezzi da usare

    Un cespuglio di gelsomino Per eseguire al meglio un’operazione di potatura su un gelsomino bisogna saper utilizzare gli strumenti giusti. Innanzitutto bisogna usare dei guanti sterili: poi è sempre meglio sterilizzare anche le cesoie, per evitare la diffusione di funghi e batteri sulla pianta. Anche dopo l’uso, gli attrezzi vanno sempre ripuliti e disinfettati. Ogni taglio deve essere fatto in maniera netta, decisa e precisa, non devono mai esserci sfilacciature. Per farlo occorre avere, oltre che una mano ferma, anche degli attrezzi di qualità e lame affilate. Le sfilacciature sono pericolose, perché sono come ferite per la pianta e poi non è facile rimarginarle. Un taglio netto ai rami, invece, non comporta traumi per il gelsomino. Tra l’altro, è proprio attraverso le sfilacciature che funghi e batteri si diffondono più facilmente all’interno della pianta. Eseguire in maniera corretta la potatura in ogni singolo taglio significa ottenere una pianta rigogliosa e in salute. Nel caso in cui si debba potare una lunga siepe di gelsomino conviene rivolgersi a degli operai specializzati in giardinaggio e potature di grandi piante.



    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO