Funzionamento delle centrali a biomasse

Il funzionamento delle centrali a biomasse

Il funzionamento delle centrali a biomasse è abbastanza semplice e consiste nell'estrazione dell'energia da materiale organico. Il procedimento di estrazione può avvenire utilizzando varie tecniche, ovvero bruciando il materiale prescelto, oppure tramite la gassificazione o la pirolisi. Con il termine di biomassa vengono indicati tutti i materiali che derivino dal processo di fotosintesi clorofilliana e proprio questa specificazione rende la categoria estremamente ampia. Possono esservi inclusi infatti sia i residui dei processi industriali che la legna da ardere, oppure la parte organica dei rifiuti solidi urbani. Inoltre si possono utilizzare i cosiddetti materiali primari, ovvero il legno di specie coltivate proprio per essere usate nei processi descritti, a partire da miscanto o pioppo.
Le centrali a biomasse sono molto contestate

Set da 4 valvole elettroniche termostatiche termostato valvola termostato HT2000

Prezzo: in offerta su Amazon a: 49,99€


Centrali a biomasse: i vantaggi

Tra i vantaggi più evidenti delle centrali a biomasse c'è il bilancio complessivo di CO2 Il funzionamento delle centrali a biomasse può essere dunque considerato abbastanza semplice, mentre rimangono da stabilire i contorni dei loro eventuali vantaggi. Per quanto concerne i benefici, il più ingente è quello che riguarda il bilancio complessivo di anidride carbonica, che è praticamente prossimo alla parità, almeno nel medio-lungo termine. Bruciando un pezzo di legno, l'anidride carbonica rilasciata è la stessa accumulata dalla pianta nel corso della sua crescita. Andrebbe inoltre messo in rilievo come le piante dimostrino una straordinaria efficienza nell'immagazzinamento di energia solare all'interno del materiale organico, rivelandosi quindi dotate di un rendimento molto più elevato di qualsiasi tipo di pannello solare attualmente esistente in commercio o che possa essere prodotto dall'industria fotovoltaica.

  • L'energia eolica è una alternativa estremamente ecologica Quali sono i principali vantaggi dell'energia eolica? Naturalmente la prima risposta è quella relativa alla disponibilità del vento, del tutto gratuito e praticamente inesauribile. Ad essa si aggiung...

Leetop 10X 80W bianco caldo risparmio energetico lampada faro LED SMD, IP65 impermeabile giardino FARO LED di sicurezza

Prezzo: in offerta su Amazon a: 149,75€


Centrali a biomasse: gli svantaggi

Anche in Italia le centrali a biomasse hanno sollevato un ampio dibattito Tra i principali svantaggi delle centrali a biomasse, il primo è sicuramente quello derivante dalla scarsa efficienza in qualità di combustibile del materiale organico, almeno se lo si mette a confronto con quelli di origine fossile. Esso lascia inoltre una quantità molto ampia di scarti, sia sotto forma di cenere che originando i gas diversi dall'anidride carbonica, a partire da solfati e composti azotati i quali sono abbastanza pericolosi. Anche il potere calorico è discretamente basso, a causa della presenza di molta acqua. Un altro difetto che viene additato dai coltivatori delle aree interessate è che la destinazione di appezzamenti alla produzione di materiali organici da destinare alle centrali a biomasse, li esclude dalla coltivazione di prodotti agricoli destinati all'uomo: una cosa elimina l'altra.


Funzionamento delle centrali a biomasse: La centrale a biomasse di Crescentino, nel vercellese

Le centrali a biomasse rappresentano spesso un problema politico Nell'ottobre del 2013, è stata inaugurata la centrale a biomasse di Crescentino, nell'hinterland di Vercelli. Una inaugurazione contestata dagli agricoltori locali, nonostante le rassicurazioni provenienti dal mondo istituzionale. A motivare la protesta è stato in particolare il timore che l'impianto possa inquinare in maniera diretta il territorio. Molte però anche le perplessità esternate dagli esperti, a partire da quelli agrari, i quali hanno messo in rilievo come la produzione di bioetanolo per mezzo di alcune delle piante adottate possa provocare seri danni all'ecosistema. In particolare viene incriminata l'Arundo Donax, che fa parte della lista nera riguardante le cento specie vegetali più insidiose in assoluto, soprattutto a causa della resistenza e rigogliosità, tali da farla attecchire in maniera invasiva.



COMMENTI SULL' ARTICOLO