Coltivare l'euphorbia

Euphorbia: una varietà di piante resistenti e longeve

Se vi è stata regalata questa bellissima pianta grassa, oppure l'avete acquistata, avete in ogni caso fatto un ottimo affare! Infatti, è una pianta robusta, quindi richiede solo le cure indispensabili.

Al genere dell'Euphorbia appartengono piante erbacee, arbustive e succulente (o grasse): la più famosa, tra quelle non grasse, è la specie Pulcherrima o Stella di Natale, ove le brattee cambiano pigmentazione (da verdi a rosse). Comunque, la caratteristica principale che accomuna tutte queste piante è data dal fatto che il fiore è unisessuale, dunque, presenta entrambi gli organi riproduttivi. Inoltre, se recise, rilasciano una sostanza bianca e lattiginosa, urticante e tossica, perciò non sono soggette a malattie e non sono attaccate da insetti, come le cocciniglie o gli afidi. Insomma, sono piante resistenti e longeve.

Le piante succulente e quelle arbustive sono maggiormente indicate come piante da interni, mentre quelle erbacee, essendo più resistenti, sopravvivono anche se posizionate all'esterno, nei giardini o sui balconi. Da tutte le specie di Euphorbia esistenti in natura è possibile estrarre gomma e caucciù.

Euphorbia

PIANTE GRASSE VERE RARE 20 PIANTE PICCOLE 5,5 VASO COLTIVAZIONE SENZA SPINE SUCCULENTE MINI SET PRODUZIONE VIGGIANO CACTUS

Prezzo: in offerta su Amazon a: 27,9€


Quante sono le specie di Euphorbia presenti in natura?

Fiore dell'Euphorbia Le specie di Euphorbia sono più di 1200.Tra le specie "grasse" più importanti ci sono: Splendens o Milii, Trigona e Triaculeata.Consideriamo la Milii, nota anche come Spine di Cristo. Questa specie, infatti, è caratterizzata da fusti con spine prominenti ed acuminate; è una semi-succulenta, ossia una via di mezzo tra le piante grasse e le altre, più cespugliose. Le infiorescenze sono molto piccole e caratterizzate da fiori gialli e brattee rosse, ma ne esistono anche con differente pigmentazione. È una pianta da appartamento, non sopporta la siccità ed il caldo torrido. La Trigona è una pianta succulenta, i suoi fusti sono molto allungati e ramificati e la loro base è triangolare. Ai lati dei fusti, nelle parti più strette, si sviluppano le spine acuminate. Sono di colore verde scuro, con leggere macchie bianche o rosate. Hanno una crescita molto rapida e crescono bene negli appartamenti.

La Triaculeata deve il suo nome alla particolarità delle spine: per ogni tubercolo, infatti, si sviluppano tre spine. È una pianta che cresce molto lentamente ed è, comunque, consigliata solo a persone esperte.

  • Malattie piante grasse Le piante grasse, anche apostrofate come succulente, si differenziano dalle altre tipologie di piante, per una serie di caratteristiche peculiari. Le piante grasse, crescono in ambienti desertici, dov...
  • piante grasse Rigogliose, spinose, voluminose, piccole, fiorite: le succulente sono piante particolarissime, che assumono forme e dimensioni diverse, che affasciano per il loro essere meravigliose specie della fami...
  • Cactus Le piante grasse, sono caratterizzate da tessuti presenti nelle foglie e nelle radici definiti “succulenti”, perfettamente in grado di conservare l’acqua per lungo tempo per liberarla in piccole quant...
  • lithops Le piante grasse con le loro forme particolari sono la manifestazione più evidente di adattamento a condizioni di vita difficilissime, caratterizzate da caldo intenso e aridità estrema.La forma roto...

Fertilizzante liquido concentrato Cactus and Succulent Focus 300ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€


Come coltivare l'Euphorbia?

Varietà di euphorbia Vediamo alcune nozioni di base.

A differenza delle altre piante grasse, che sopportano temperature anche molto rigide, questa pianta preferisce vivere con un clima non troppo rigido e temperature di 10 - 15°C.

Inoltre, va annaffiata regolarmente, ma con moderazione, evitando i ristagni d'acqua. Dunque, durante il periodo invernale, gli interventi d'innaffiatura devono essere notevolmente ridotti, mentre vanno incrementati durante l'estate e in primavera, quando fa più caldo.

Per quanto riguarda l'esposizione al sole, bisogna ricordarsi che questa pianta necessita di luce. Nello specifico, va esposta alla luce diretta per almeno due o tre ore al giorno.

Riguardo, invece, la concimazione, poiché è una pianta che non è in grado di assorbire sali minerali, è fondamentale adoperare un concime ricco di potassio e fosforo. Ricordarsi, comunque, di bagnare prima la pianta con solo acqua e, solo in un secondo momento, diluire il concime in altra acqua e annaffiare.

Il substrato da utilizzare, per coltivare l'Euphorbia, deve essere sabbioso, misto a torba, in modo che sia drenante, non produca ristagni ma che rimanga umido.

I fiori di queste piante sono piccoli e poco appariscenti e prendono il nome di ciazi.


Coltivare l'euphorbia: Riproduzione dell'Euphorbia

La riproduzione può avvenire attraverso la germogliazione dei semi oppure attraverso il taglio per talea. È bene ricordarsi che, una volta recise, queste piante secernono un liquido irritante e a volte tossico, quindi bisogna maneggiarle con cura. Per eliminare questa sostanza, bisogna immergere la talea in acqua calda e, successivamente, lasciarla essiccare per venti giorni, prima di interrarla.


Guarda il Video
  • euforbia pianta L'euforbia è un genere di piante che comprende numerosissime dicotiledoni che appartengono alla famiglia Euphotbiaceae,
    visita : euforbia pianta

COMMENTI SULL' ARTICOLO