Come curare un bonsai di rosmarino

Bonsai rosmarino

Il bonsai rappresenta la fedele riproduzione miniaturizzata di diverse specie di piante: oltre che complemento estetico, i bonsai, sono la massima espressione delle piante madri, di cui racchiudono tutte le caratteristiche estetiche e fisiologiche. La coltivazione dei bonsai, necessita di diversi interventi colturali, che si differenziano in parte, in relazione alla specie e alle specifiche esigenze legate al singolo albero in miniatura. Il bonsai è un capolavoro naturale, che ingloba il fascino di elementi maestosi, in dimensioni ridotte. La cura di questi piccoli alberi è il presupposto di base della stessa coltivazione. Sono diverse le pratiche colturali volte alla formazione e conservazione di un bonsai: le comuni innaffiatura, rinvaso e concimazione, sono affiancate da altre operazioni (eseguite con frequenza meno cadenzata), quali pinzatura, defogliazione, applicazione di fili e pesi, innesto, legature. Il bonsai conserva la sua forma naturale, mediante l’intervento umano, e attraverso una serie di tecniche specifiche, che ne favoriscono la sopravvivenza. La maggior parte delle piante, tende ad adattarsi perfettamente all'artistica riproduzione da bonsai, ad eccezione di alcuni casi rari: il rosmarino, è una pianta dalle dimensioni ridotte, che necessita di una serie di manovre particolari per essere conformato come bonsai.
rosmarino bonsai

SAFLAX - Set per la coltivazione - Fico sacro - 100 semi - Ficus religiosa

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,75€


Rosmarino tecniche colturali

rosmarino foglie Il rosmarino è una pianta sempreverde, che si sviluppa principalmente nelle zone del mediterraneo. E’ un bonsai selvatico, da esterno, che necessita di un clima mediterraneo, e di una location ben illuminata dal sole. Resiste anche alle basse temperature, ma teme le gelate e i repentini sbalzi di temperatura. Le pratiche colturali di base, sono l’innaffiatura, la concimazione, il rinvaso. L’innaffiatura è un’operazione che varia in relazione alla tipologia di clima, in relazione al quantitativo di terreno, alla grandezza del vaso e alla capacità di resistenza di ogni singola pianta alla carenza d’acqua. Gli interventi di irrigazione vanno misurati con estrema cautela, soprattutto durante il periodo delle piogge e del freddo pungente. Durante la stagione estiva invece, le innaffiature andranno incrementate con interventi di nebulizzazioni sulla parte aerea della pianta. Nel periodo estivo bisognerà evitare gli interventi di irrigazione durante le ore più calde, prediligendo invece fasce orarie fresche, come al mattino, o a sera.

    Rack di fiori di bambù multifunzionale per vaso da fiori, balconcini Bonsai per barche

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 90,23€


    Bonsai rosmarino cure

    rinvaso Prendersi cura di un bonsai, significa effettuare una serie di operazioni coordinate che aiutano a prolungarne la sopravvivenza e a conservarne la bellezza. In particolare durante la fase di sviluppo, risulta essere fondamentale la concimazione: essa serve ad integrare i principi nutrienti necessari a rendere fertile il terreno; per favorire un rapido assorbimento delle sostanze fertilizzanti, si sceglie un concime liquido che va sparso sul terreno già umido. La concimazione aiuta il terreno a conservare le sue proprietà essenziali, favorendo in questo modo, un ottimale sviluppo della pianta. Il rinvaso, è invece un’operazione che va effettuata necessariamente ad anni alterni: il terreno infatti andrà sostituito con un terreno composto da sabbia, torba e ghiaia, affinchè sia fresco, soffice e drenante cosi da evitare spiacevoli ristagni idrici. L’operazione di rinvaso, prevede inoltre l’eliminazione di tutte le radici grosse e legnose, che impediscono la crescita di quelle nuove. Queste vanno recise con delle tronchesi ben disinfettate, in modo tale da evitare che le radici recise, diventino veicolo di possibili infezioni.


    Come curare un bonsai di rosmarino: Pratiche colturali bonsai rosmarino

    bonsai rosmarino curvo La potatura, è un’operazione che viene effettuata raramente, poiché il bonsai rosmarino, non necessita di particolari interventi di recisione. La pinzatura, viene effettuata con le foglie ed i rami secchi. Si recidono inoltre i rami con portamento irregolare, o quelli colpiti da particolari insetti e muffe, che potrebbero contagiare la parte sana del bonsai, compromettendone in questo modo la sopravvivenza. Gli interventi di innaffiatura, concimazione, rinvaso e potatura, sono sempre accompagnate da una serie di altri interventi come l’applicazione di pesi e fili tiranti che aiutano a creare un contro-peso che aiuta il bonsai a conservare la sua postura.


    Guarda il Video
    • bonsai rosmarino Il rosmarino, è una pianta che per specifiche dimensioni e caratteristiche peculiari, non tende ad adattarsi all’arte co
      visita : bonsai rosmarino

    COMMENTI SULL' ARTICOLO