Come curare un bonsai di olmo

Il bonsai di olmo

L’area di origine dell’olmo è molto vasta, si sviluppa in natura dall’Asia fino all’Europa, dall’America arrivando fino in Africa. Si presenta come un albero maestoso e di forte suggestione: può arrivare fino ai 20 metri d’altezza, possiede una robusta corteccia di colore grigiastro mentre le foglie caduche, di forma ovale e seghettate ai bordi conferiscono alla chioma un aspetto fitto, denso e arrotondato.

L’olmo viene da sempre adoperato come bonsai in virtù della sua resistenza: è infatti una pianta perenne, resistente e molto versatile rispetto al clima. Il suo uso in medicina, nell’arte e in altri tipi di lavorazione è testimoniato sin dai tempi più antichi.

Simbolo al pari della quercia di saggezza e sapienza, viene consacrato dai Greci a Morfeo e gli viene attribuita la capacità di evocare sogni e una funzione oracolare.

Simbolo anche di amicizia e fortezza d’animo, è uno degli alberi più ammirati in natura e più utilizzati come bonsai.

bonsai olmo

Semi Gardenia (Capo Jasmine) -DIY giardino della casa in vaso bonsai, odore sorprendente e bellissimi fiori - 5pcs / lot

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,94€


Come curare un bonsai di olmo

bonsai di olmo L’esposizione può essere sia esterna che interna, andiamo subito a scoprire come curare un bonsai di olmo con esposizione esterna!

Bisogna tener conto della stagione in cui ci troviamo per poter collocare l’olmo in una giusta posizione:

· Primavera: il bonsai può essere esposto direttamente al sole, in quanto l’aria non è ancora eccessivamente calda e la vegetazione può avvenire senza problemi, permettendo alla pianta di irrobustirsi e svilupparsi;

· Estate: è preferibile collocare l’alberello all’ombra, lontano dalla luce solare troppo forte.

Laddove ciò non fosse possibile è importante almeno coprirne le radici, meno forti rispetto alla chioma;

· Autunno: come in primavera il bonsai può essere collocato alla luce diretta del sole;

· Inverno: il bonsai può rimanere fuori, ma occorre proteggerne le radici dalle gelate utilizzando delle coperture in plastica e prestando attenzione al vento.

Per l’esposizione interna bisogna certamente prestare una maggiore attenzione: si all’esposizione diretta ai raggi del sole magari sotto una finestra, importante è però l’utilizzo di una tenda che li schermi leggermente.


  • Bonsai stili Un errore comune è definire i bonsai delle piante geneticamente nane. Gli alberi di Bonsai sono delle normalissime piante, ma curate con tecniche sofisticate che le permettono di rimanere in miniatura...
  • bonsai ficus I bonsai, sono alberi in miniatura, che vengono realizzati grazie ad un’arte manuale, ed a tecniche che favoriscono la fedele riproduzione di alberi e piante presenti in natura. Il ficus, include una...
  • Curare bonsai olivo L'olivo è una pianta sempreverde, ampiamente diffusa in tutta la macchia mediterranea. Il bonsai appartenente a questa specie, presenta le stesse caratteristiche della pianta: ha foglie molto appuntit...
  • bonsai azalea Il bonsai azalea, è una tipologia di pianta particolarmente vistosa, dai colori variegati forti e sgargianti. Tra tutti è il bonsai più amato dagli artisti bonsaisti, sia per la sua peculiare e rara ...

GRÜNTEK Giardino Forbici CACATUA Interruttore der cricchetto, Cesoie Spessore Sezione 24 mm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,75€
(Risparmi 6,23€)


Annaffiatura, potatura e concimazione

bonsai di olmo L’annaffiatura deve essere regolare e abbondante soprattutto d’estate, facendo attenzione ai ristagni d’acqua. Se il bonsai è posizionato all’interno sarebbe ottimo utilizzare un sottovaso pieno di ghiaia così da mantenere una certa umidità costante.

La potatura si effettua in inverno.

E’ preferibile usare una tronchese concava, e i rami da tagliare sono quelli che si incrociano, quelli storti, quelli verso l'alto, o quelli che si sviluppano sotto la base altri.

Fondamentale è ricordarsi di medicare le ferite da taglio con una pasta cicatrizzante. L’applicazione del filo può avvenire tutto l’anno e serve per dare la forma desiderata.

La pinzatura serve invece per mantenere la forma originale: ci serviremo di una forbice lunga per spuntare dall’alto l’eccesso di nuovi germogli, prestando attenzione a non tagliarne troppi.

L’ultimo passaggio della guida "come curare curare un bonsai di olmo" non può che essere la concimazione: essa va effettuata nel periodo vegetativo della pianta, in primavera e in autunno. Basta scegliere un fertilizzante a lento rilascio per non sovraccaricare l’olmo di troppe sostanze che potrebbero minarne le radici.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO