Come curare un bonsai di glicine

Come curare un bonsai glicine

Il glicine è una pianta dal portamento armonico e sinuoso, con rami ricoperti di una pioggia delicata di fiori piccoli e delicati, dai colori chiari. L’arte bonsaista, rivede in questa pianta una miniaturizzazione elegante, regale, quasi sognante. Il bonsai glicine è l’espressione di una bellezza rara, di una magnificenza ed una regalità senza precedenti. L’impatto estetico è molto forte, per la sua struttura, per i colori vivi della sua fioritura e per la sua longevità. Predilige un clima tendenzialmente soleggiato e fresco: va collocato in un luogo arioso ma non ventilato, e illuminato in modo costante. Il glicine è una pianta forte, poco sensibile agli sbalzi di temperatura, al freddo e al caldo eccessivi. Il suo tasso di tolleranza è notevole, infatti è un bonsai che ha sviluppato una forma di autotutela molto forte: ciò nonostante, è consigliabile proteggerlo da condizioni climatiche estreme, che potrebbero compromettere la bellezza dei suoi fiori.
Glicine bonsai

Rotondo trasparente vetro decorativo terrario cloche con cupola in vetro di aria con foro per piante grasse in miniatura Storage

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,61€


Moltiplicazione e innafiatura

Bonsai glicine I bonsai glicine si moltiplicano per seme o per margotta ed entrambe le tecniche sono funzionali e consigliabili. Lo sviluppo e la conservazione dell’aspetto estetico, sono strettamente correlati a diverse pratiche colturali che costituiscono la base della difesa e della crescita e dello sviluppo della pianta. A differenza di tutti gli altri bonsai, il glicine, necessita di moltissime innaffiature, infatti non teme i ristagni e il marciume radicale. Durante i periodi di caldo intenso, il glicine andrà irrigato con una frequenza media di due volte al giorno; l’acqua andrà versata direttamente sul terreno, a piccolissime dosi, senza eccedere. Durante le stagioni intermedie, le irrigazioni, saranno diradate: il glicine dovrà essere irrigato una o due volte a settimana, e in pieno inverno, dovranno ridursi ad una sola volta al mese.

  • Alcune note Qualsiasi sia il nostro contesto di partenza e ogni qual volta iniziamo ad affrontare una serie di questioni più o meno vicine al mondo dei bonsai, l’interesse che ne nasce è sempre notevole ed indisc...
  • Alcune note Nell’ambito delle classiche discussioni in ambito botanico, riferendoci sia a quelle fatte dagli addetti ai lavori che da tutti coloro che si avvicinino al mondo delle piante in generale e al mondo de...
  • bonsai ficus I bonsai, sono alberi in miniatura, che vengono realizzati grazie ad un’arte manuale, ed a tecniche che favoriscono la fedele riproduzione di alberi e piante presenti in natura. Il ficus, include una...
  • Curare bonsai olivo L'olivo è una pianta sempreverde, ampiamente diffusa in tutta la macchia mediterranea. Il bonsai appartenente a questa specie, presenta le stesse caratteristiche della pianta: ha foglie molto appuntit...

cdblchandelier Fiore Rack, a più strati della Assemblea Flower Pot Rack, Fiore Legno Rack, Soggiorno Balcone Piano-Stile semplice Bonsai Telaio chandelier ( Colore : 1* )

Prezzo: in offerta su Amazon a: 108,98€


Concimazione e potatura

Potatura bonsai La concimazione è un’operazione che può essere eseguita quasi in tutti i periodi dell’anno, tranne che nel periodo di pieno sviluppo vegetativo, ovvero in estate. Il terreno ideale per il glicine è molto compatto e duro, per cui, le componenti nutritive vengono velocemente esaurite: le integrazioni di concime, vengono iniettate nel terreno precedentemente bagnato. La potatura del bonsai glicine è un’operazione molto delicata, volta ad eliminare i rami secchi, i fiori appassiti e le parti della pianta non più vivaci. Va eseguita sempre con forbici sterili e con lame ben affilate che non lascino cicatrici di alcun genere. Trattandosi di una pianta con atteggiamento pendente, il glicine, va tutelato con interventi di fili, pesi e tiranti, preferibilmente in rame, che aiutano la pianta a recuperare il suo portamento ed il suo equilibrio. I fili sono malleabili e vanno applicati sulla corteccia o ai rami solidi.


Come curare un bonsai di glicine: Il rinvaso e i parassiti

Bonsai di glicine Una delle operazioni più impegnative è il rinvaso che prevede l’eliminazione delle radici più corpose e legnose e la sostituzione del terreno e del vaso. Il terriccio nuovo, seppur compatto, deve garantire un buon drenaggio: l’ideale è quello di argilla, sabbia e terreno. Prima di eseguire il rinvaso, ci si dovrà procurare una griglia che andrà messa al di sotto del vaso stesso, sul quale andranno praticati dei fori, per favorire il drenaggio. Come tutti gli altri, anche il bonsai glicine può essere attaccato da diversi insetti, come gli afidi e le cocciniglie: la sintomatologia è chiara poiché la pianta tende a palesare sofferenza, i fiori appassiscono, il terreno secca e le foglie cadono. Per salvaguardare il benessere della pianta, sarà necessario attivare misure preventive, e curare il glicine bonsai con antiparassitari e antifungini, per recuperarne almeno la struttura. Alcuni insetti possono essere rimossi con sapone liquido neutro e l’ausilio di un batuffolo di cotone o di uno spazzolino.


Guarda il Video
  • bonsai glicine Il bonsai di glicine è uno tra i più belli. Questa pianta mignon si ricava infatti dal glicine, specie rampicante a fog
    visita : bonsai glicine
  • glicine bonsai ho una splendida pianta di glicine di almeno dieci anni. Vorrei sapere se fosse possibile creare da essa un bonsai.
    visita : glicine bonsai

COMMENTI SULL' ARTICOLO