monofase e trifase: principali differenze

Le informazioni di base sugli impianti monofase e trifase

I concetti di monofase e trifase appartengono all’universo dell’energia e, in maniera più specifica, a tutto quanto è più o meno strettamente connesso ai discorsi che riguardano l’energia e la corrente all’interno delle nostre abitazioni. A conti fatti potremmo definire i concetti di monofase e trifase come due differenti possibilità, o meglio, come due modalità distinte e separate che caratterizzano l’emissione di corrente e quindi, in fin dei conti, due differenti modalità di erogazione o di alimentazione dell’energia elettrica negli impianti a uso domestico che tutti noi, tranne qualche rara eccezione dovuta o esigenze particolari o un fabbisogno speciale, abbiamo all’interno delle nostre case. Ovviamente, non è obbligatorio conoscere le differenze tra monofase e trifase ma, come dire, male non fa.
quadro per impianto trifase

AWE-LIGHT Tutto in uno Adattatore universale di corsa con il 2 porte USB caricatore US / EU / UK / AUS Plug Multi-nazione Plug Versatile adattatore standard del caricatore-International per oltre 150 Courties (Nero)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,85€
(Risparmi 5,15€)


Le caratteristiche principali degli impianti monofase e trifase

Pregi e difettiMa, come è nostra buona abitudine consolidata ormai da lungo tempo, procediamo con ordine e iniziamo a comprendere alcuni degli elementi di base che più potrebbero esserci di aiuto e di sostegno nel corso della nostra disanima in tema di monofase e trifase in senso stretto e di modalità di alimentazione di corrente elettrica in senso lievemente più ampio, una analisi la nostra anche abbastanza sintetica per le ben note ragioni di spazio ma che ci auguriamo rimanga sempre e comunque sufficientemente chiara ed esauriente per chi ci legge. Ovviamente, in maniera intuibile, una certa preparazione di base o comunque una discreta dimestichezza con l’argomento se non proprio d’obbligo è comunque consigliata: di qui la necessità di venire a contatto con qualche definizione. Non proprie tutte, ma quelle necessarie alla comprensione delle differenze tra monofase e trifase.

  • Normative impianti Gli impianti sono un elemento di fondamentale importanza all'interno delle nostre abitazioni. A conti fatti sono un elemento di fondamentale importanza non solo all'interno di un'abitazione privata ma...
  • pompa di calore Uno dei grandi elettrodomestici che molti di noi hanno in casa è la pompa di calore. Ma di cosa si tratta in realtà? E' un macchinario in grado di trasformare la temperatura esterna più calda in una i...
  • boiler In casa e in ogni famiglia, la caldaia si attesta come uno strumento del quale non poter fare a meno. Consente, infatti, di distribuire il calore e l'acqua calda all'interno dell'appartamento. Spess...
  • mantenimento casa Le superfici esterne della casa sono esposte a diversi tipi di aggressione. Agenti atmosferici, inquinamento, crescita di vegetazione apparentemente innocua. La prima cosa da fare per difenderla è con...

12000mAh Power Bank Portatile VTIN 3 Porte USB Caricabatterie Portatile Batteria Esterna per iPhone 7 7 Plus 6S 6 Plus, iPad Air, Galaxy S7 Edge S6 S5 S4, Huawei P9, Xiaomi LG e gli altri Smartphone, Nero

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,99€
(Risparmi 20€)


monofase e trifase: principali differenze: Consigli pratici per scoprire le differenze tra impianto monofase o trifase

Pro e contro In primo luogo c’è da dire che, anche se è vero che le principali differenze tra monofase e trifase sono sempre le stesse e che quindi il concetto di base vale sia se siamo di fronte ad un impianto elettrico di enormi dimensioni che se stiamo facendo riferimento ad un impianto elettrico in grado di coprire il fabbisogno di corrente elettrico per uso domestico, è meglio per noi comunque contestualizzare i concetti di base di quello che stiamo dicendo nel contesto di un impianto elettrico domestico. In linea di massima, in un caso come questo, quello che accade è che i vari carichi vengono distribuiti secondo il classico metodo delle tre fasi e neutro, vale a dire quelle che vengono comunemente classificate come R, S, T, N. A questo punto quello che succede è che: questo è il metodo classico di erogazione trifase mentre se si calcola la differenza di tensione tra il neutro (N) e un’altre delle fasi si genera la classica tensione alternata monofase.



COMMENTI SULL' ARTICOLO