Coltivazione lavanda

Coltivazione lavanda

La coltivazione della lavanda è un’operazione piuttosto semplice e adatta per gli amanti del giardinaggio di tutti i livelli. Bisogna sapere che si tratta di una pianta rustica molto resistente: ciò vuol dire che riesce a sopportare sia il caldo torrido che il freddo rigido. Solo nei casi di gelo prolungato ha bisogno di essere coperta con del tessuto specifico per piante. La lavanda ama le posizioni soleggiate e ventilate; è una pianta mediterranea, dunque preferisce ambienti con clima asciutto e temperature miti o calde. La lavanda si adatta al terreno da giardino, purché sia ben drenato e preferibilmente calcareo; non ama, invece, i terreni aridi e secchi. La terra può anche non essere troppo fertile, ma l’importante è che non sia acida. La lavanda ha bisogno di annaffiature non troppo abbondanti e non troppo frequenti, bisogna aspettare che il terreno sia asciutto. Con questa pianta non serve del fertilizzante, al massimo si può somministrare solo del concime ad aprile, ossia all’inizio della stagione vegetativa.
Campi di lavanda coltivata

Erbe Aromatiche 240 Semi In 12 Varietà, Collezione 1, Più Piccola Guida Alla Coltivazione: Basilico Genovese, Salvia, Origano, Rosmarino, Prezzemolo, Timo, Erba Cipollina, Finocchio Selvatico, Menta, Lavanda, Camomilla, Valeriana

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,89€


Lavanda caratteristiche

Spighe floreali di lavanda La lavanda è una pianta erbacea, perenne, sempreverde e originaria dell’area mediterranea. Le sue foglie sono argentee, profumatissime, strette e lunghe; in estate produce tantissimi fiori raggruppati in mazzetti simili a spighe, fiori piccoli, fragranti e viola, colore che ormai è rappresentativo della lavanda. Quasi tutte le varietà sono resistenti al freddo e anche per questo vengono usate come piante ornamentali per formare siepi o cespugli nei giardini, una vera e propria macchia di colore che vivacizza e profuma gli ambienti. Si può anche coltivare in ampi vasi, ma bisogna ricordare che cresce molto in fretta e raggiunge anche più di un metro di altezza. Queste sono le specie più comuni: lavanda angustifolia, detta lavanda inglese, che ha le spighe dei fiori più piccole rispetto a quelle delle altre varietà; lavanda dentata, che ha fiori più chiari e un odore particolare; la lavanda lanata, che ha foglie bianche coperte da una sottile peluria e spighe floreali molto lunghe. Alcune varietà hanno i fiori di colore blu, rosa, bianco o lilla; questa pianta rustica fiorisce dagli inizi della primavera fino alla fine dell’estate.

    kit Erbe Aromatiche 240 Semi strani In 12 Varietà, Collezione 1, Più Piccola Guida Alla Coltivazione: Basilico Genovese, Salvia, Origano, Rosmarino, Prezzemolo, Timo, Erba Cipollina, Aneto, Menta, Lavanda, Camomilla, Valeriana

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,8€


    Lavanda origini e usi

    Olio essenziale di lavanda dalle proprietà terapeutiche Il nome della lavanda sembra derivare dal latino e pare faccia riferimento all’antico uso dei fiori di questa pianta come essenze profumate per il bagno. Fino a non molto tempo fa non era molto usata a scopo ornamentale, soprattutto nel nostro paese; ma poi anche in Italia è stata riscoperta, sia per il suo colore caratteristico, sia perché si adatta bene ai diversi tipi di terreno e di clima e perché non richiede particolari cure. In totale comprende circa venticinque specie. In molte zone, come ad esempio in Francia, viene coltivata per la raccolta dei suoi fiori, usati nell’industria profumiera per saponi, essenze per il corpo o da mettere nell’armadio per proteggere e profumare i vestiti. Dalla lavanda si ricava poi un olio essenziale molto venduto in erboristeria e molto apprezzato per le sue proprietà terapeutiche: rilassa, agisce come antidepressivo e cicatrizzante ed è efficace anche contro ansia, insonnia, sindromi da raffreddamento e ipertensione. Per ottenerlo bisogna usare solo le sommità fiorite, dalle quali si ricava un liquido viscoso verde dall’odore molto intenso.


    Lavanda cura e moltiplicazione

    Un cespuglio di lavanda Per moltiplicare la lavanda si possono operare delle talee in primavera: bisogna tagliare porzioni di pianta di circa dieci centimetri, per poi farle radicare in un composto formato da torba e sabbia in parti uguali. Le talee così formate vanno poste a dimora l’anno successivo. In alternativa, la talea si può fare a fine estate, ossia al termine della fioritura: bisogna in questo caso prelevare dei singoli rametti di circa 10-15 centimetri, facendo tagli netti e precisi per evitare sfilacciature. Questi rametti andranno poi immersi in una polvere rizogena per favorire la radicazione e poi messi a radicare nel composto di sabbia e torba. Il terreno della lavanda non dovrà mai essere troppo bagnato o si rischia di far marcire le radici; spesso accade che la pianta venga attaccata da funghi e larve di insetti. In particolare, molto temuto e dannoso è il fungo di Septoria che attacca le foglie alla base della pianta: lo si nota quando le foglie in questione presentano delle macchie chiare. Per risolvere il problema basta eliminare le foglie malate e applicare dei prodotti fungicidi.



    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO