Rivestimenti

Piastrelle adesive

Le piastrelle adesive appartengono a quelle tipologie di rivestimenti caratterizzate da un ottimo rapporto qualità-prezzo e possiedono una versatilità molto elevata. Queste tipologie di prodotti sono realizzate in vinile, minerali, sostanze chimiche o compositi, i quali fanno variare la struttura estetica delle piastrelle. Le dimensioni variano da un minimo di 40,60x40,60 centimetri e un massimo di 60,90x60,90 centimetri circa; per quanto riguarda lo spessore, si va da un minimo di 2 millimetri (per quanto riguarda le piastrelle da interno) e un massimo di circa 9 millimetri per le piastrelle adesive da posizionare all’esterno, e quindi più resistenti agli agenti atmosferici e all’usura. Questi rivestimenti adesivi devono essere posizionati su una base ben liscia e levigata, successivamente si può incollare la piastrella con un foglio retrostante di colla o in alternativa, basta utilizzare del silicone adatto a questo tipo di prodotti. I vantaggi di queste pavimentazioni sono innumerevoli: i bassi costi, la facile e veloce posa e la facile sostituzione.
piastrelle adesive

Rullo pittura anti gocciolamento Pintar Facil ricaricabile fornito di serbatoio di facile utilizzo non sporca utilizzabile sulla maggior parte delle superfici, compresi carta da parati, cartongesso, rivestimenti strutturali ed intonaci rustici.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10€


Piastrelle in PVC

pvc tiles Le piastrelle in PVC sono dei rivestimenti adatti sia per gli ambienti interni e sia per quelli esterni dell’abitazione. Una delle caratteristiche principali di queste piastrelle è la loro versatilità, in quanto, secondo il materiale di realizzazione hanno un’estetica simile al marmo, alla maiolica, al parquet etc. Le piastrelle in PVC possono essere: omogenee, eterogenee e flessibili. Quelle omogenee hanno come componente principale il PVC, sono adatte a qualsiasi tipo di locale e ambiente, e sono impermeabili. Le piastrelle eterogenee sono multistrato (antiusura, insonorizzante e uno per la sopportazione di cariche pesanti) e sono il risultato di processi di calandratura e pressatura. Le piastrelle in PVC flessibili invece, come si può capire dal nome, sono state realizzate con materiali atti a rendere questi prodotti molto flessibili.

    COM-FOUR® Set di 2 guanti da giardinaggio per donna, motivo floreale, rivestimento in lattice, antiscivolo, taglia unica S

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,99€


    Gres porcellanato

    gres porcellanato Uno tra i rivestimenti più utilizzati e con un ottimo rapporto qualità-prezzo è il gres porcellanato. Questo tipo di pavimento è molto resistente, compatto, adatto sia per ambienti esterni e sia per quelli interni, non assorbe le macchie ed è facile da lavare. Sul mercato è possibile trovare delle piastrelle in gres porcellanato che riproducono le caratteristiche estetiche del comune parquet. Ciò che lo rende migliore rispetto a quest’ultimo è la capacità di resistenza, la maggior durevolezza, e cosa molto importante, ai costi molto contenuti e alla facilità di posa. È bene ricordare che il gres porcellanato a effetto legno, è uno di quei rivestimenti che non necessita di cure o manutenzioni specifiche. Il parquet, con il passare del tempo è soggetto a usura e la posa dei listelli è più complessa e lunga.


    Rivestimenti: Pavimentazioni in pietra

    pavimento in pietraI rivestimenti in pietra sono delle pavimentazioni adatte sia per interni e sia per esterni, conferendo quel tocco di rustico e anticato. Questo tipo di piastrelle sono molto resistenti, facili da posare, antiscivolo e semplici da lavare. È possibile scegliere tra innumerevoli materiali, tra i quali: marmo, porfido, arenaria, ardesia e granito. La manutenzione di queste pavimentazioni è molto semplice ed è possibile realizzare una sorta d’impermeabilizzazione per facilitarne la pulizia praticata con detergenti neutri. Nel caso in cui non sono stati trattati, sono più esposti all’assorbimento di liquidi, macchie e quindi si danneggiano molto più velocemente. Il lavaggio può essere effettuato anche con una spazzola e dell'acqua miscelata a del cloro (5 litri per 250 millilitri di cloro).



    COMMENTI SULL' ARTICOLO