Martello da carpentiere

Le informazioni di base sul martello da carpentiere

In molte occasione abbiamo sentito parlare di quello che in gergo o comunque nel linguaggio di tutti coloro che rientrano nella più o meno ristretta cerchia degli addetti ai lavori come il cosiddetto martello da carpentiere. A conti fatti una definizione del genere non deve trarci in inganno e non deve neanche farci erroneamente pensare al fatto che il martello da carpentiere sia un oggetto, o forse è meglio parlare di strumento da lavoro in questo caso, particolarmente tecnico o comunque uno strumento professionale. Perché se da un lato è un dato incontrovertibile che oggi alcuni tra i modelli di martello da carpentiere siano molto professionali, dall’altro lato è assolutamente vero che un buon martello da carpentiere non dovrebbe comunque mai mancare all’interno delle nostre abitazioni e nelle nostre cassette degli attrezzi.
Alcune note

Stanley, Martello da carpentiere curvo, in vetroresina

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,72€


Le caratteristiche principali di un martello da carpentiere

Pro e contro Ma, come è nostra buona abitudine consolidata ormai da lungo tempo, procediamo con ordine e iniziamo a comprendere gli elementi di base che più potrebbero esserci di aiuto nel corso della nostra disanima in materia di martello da carpentiere, una riflessione la nostra abbastanza sintetica per le ben note ragioni di spazio ma che speriamo rimanga sempre e comunque sufficientemente chiara ed esauriente per il nostro lettore più affezionato. A questo punto, stando così le cose, il nostro obiettivo è in primo luogo quello di descrivere a cosa è giusto fare riferimento ogni qual volta sentiamo parlare di martello da carpentiere. A conti fatti il comune martello da carpentiere è formato dalle classiche sue parti: da un lato la testa (spesso definita anche come botta o bocca) di forma indifferentemente tonda o quadrata e, dall’altro lato, la penna che è caratterizzata da uno spazzo centrale a forma di “V”.

  • martello1 Il martello ha in genere una massa non superiore al chilogrammo. Se il martello ha una massa maggiore allora si chiama mazzetta. Se poi ha masse ancora più elevate si chiama invece mazza ed è, da imp...
  • martello1 Il martello è uno degli strumenti per la storia dell'umanità, alla base di ogni tipo di costruzione e lavoro. Già in piena diffusione dal Medioevo, quando veniva usato per percuotere la pietra, il mar...
  • Martello elettropneumatico L'utilizzo del martello pneumatico comprende la demolizione e la perforazione di varie tipologie di materiali, tra i quali calcestruzzo, roccia e pietra, terra battuta, asfalto e diversi generi di cos...
  • Alcune note Ogni qual volta parliamo in prima persona o sentiamo parlare, semmai ad onor del vero non propria da persone appartenenti al più o meno ristretto cerchio degli addetti ai lavori dei differenti tipi di...

Bgs - Martello Da Carpentiere, Manico In Fibra Di Vetro, 600 G

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,33€


Martello da carpentiere: Consigli pratici per l'acquisto di un martello da carpentiere

Pregi e difetti Ed è proprio questa la principale tra le particolarità che non possono non risaltare alla vista quando abbiamo a che fare con un normale martello da carpentiere, vale a dire la penna a forma di “V”. E la scelta di realizzare lo strumento con questa specifica particolarità non è di certo casuale, anzi si tratta di una scelta specifica e studiata e, anzi, particolarmente calibrata per uno dei principali impieghi cui il classico martello da carpentiere è destinato, vale a dire l’estrazione di chiodi conficcati un po’ in tutti i tipi di superficie e sui altrimenti, senza la forma a “V” della penna del classico martello da carpentiere, sarebbe quasi impossibile o comunque assai più difficile. Anche perché questa particolare forma è tipica del martello da carpentiere, differenza di quanto accade per il martello da fabbro, da meccanico, da falegname o da tappezziere.



COMMENTI SULL' ARTICOLO