Come sceglieri i timbri

Come scegliere i timbri: occhio alla forma e ai modelli

Ogni azienda, impresa, associazione o ente che si rispetti deve avere dei propri timbri. Questi valgono come una vera e propria firma, un segno di riconoscimento per ogni persona giuridica che si rispetti. Ma come scegliere i timbri più adatti alle proprie esigenze? Da questo punto di vista ci sono diversi fattori da tenere conto. La scelta deve essere accurata in quanto esistono diversi tipi di timbri. A variare è per prima cosa la forma. I timbri possono avere una forma quadrata, rettangolare, circolare, solo per citare i più diffusi. Poi ci sono i vari modelli. Tra questi vanno citati i timbri in gomma spesso montati su cubi di legno. Si tratta della tipologia di timbri forse più usata in assoluto. Sono molto maneggevoli e facili da usare. Ci sono poi i timbri trasparenti, che sono più economici e i timbri auto inchiostranti. Per scegliere e comprare i timbri più adatti alle proprie esigenze, basta recarsi in un qualsiasi negozio che venda oggetti di cancelleria. Per limitare i costi si può acquistare via internet.
timbri

Draper 72376 - Pinza piegatubi 8/10/12 mm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,7€


Tutte le informazioni che il timbro deve riportare

timbro1 Oltre a come scegliere i timbri bisogna anche chiedersi quali informazioni questi devono riportare. Il timbro, infatti, rappresenta un vero e proprio segno identificativo della propria azienda e società, quasi una firma vera e propria. Le informazioni che il timbro deve riportare vengono scelte a discrezione del proprietario dello steso. In linea generale, comunque, è bene sempre che sia indicato il nome la denominazione della società, sia fiscale che sociale, e tutte le informazioni che si ritengono utili. Tra queste può esserci, per esempio, l'indirizzo della sede sociale, un recapito o anche il numero della partita Iva. Sul timbro si può anche decidere di inserire un acronimo oppure una sigla, al posto del nome completo della società. Tutti i dati devono essere elaborati prima di passare alla realizzazione vera e propria del timbro. Quando ci si reca in un negozio specializzato per chiedere la realizzazione del timbro, infatti, bisogna fornire tutta la dicitura che questo dovrà riportare.

  • Prodotti e Marche Tutti coloro che fanno del fai da te un vero e proprio hobby sicuramente non possono contare su un livello di esperienza proprio di chi è un professionista del settore, ma in poche parole si tratta di...
  • Viti e Chiodi Nel momento in cui si fa riferimento al fai da te, bisogna sicuramente sottolineare tutte le attività che vengono svolte in maniera autonoma possono rappresentare nel corso del tempo un bellissimo hob...
  • gli Utensili Le attività fai da te prendono questo nome proprio in virtù del fatto che vengono svolte da tutte quelle persone che non hanno un’esperienza da professionista in un gran numero di settori.Fai da te ...
  • Attrezzi per giardino Gli attrezzi da giardino sono davvero indispensabili nel momento in cui si ha intenzione di dedicarsi alla cura del terreno: ce ne sono alcuni che, molto più rispetto ad altri, non si possono assoluta...

Rolson tools 10019 - Martello da carpentiere 283 g

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9€


Come pulire i timbri

sapone I timbri sono destinati ad essere usati spesso e per questo necessitano di pulizia e manutenzione. Questo perché l'usura potrebbe provocare danni alla scritta che potrebbe risultare non più nitida o addirittura illeggibile. Le imperfezioni, il più delle volte, riguardano singole lettere o parte delle informazioni riportate dal timbro. Ma questo già basta per rendere il tutto poco comprensibile. Per pulire il timbro bisogna usare i prodotti adatti per non rischiare di peggiorare ulteriormente la situazione. Una soluzione ideale è quella di usare acqua e sapone. In questo modo si ammorbidisce l'inchiostro. Si tratta della prima fase dell'operazione. Dopo questo, infatti, per ridare piena efficienza al timbro bisogna usare un tampone con alcool e ovatta. L’alternativa è quella di comprare alcuni prodotti specifici per la pulitura dei timbri. Si tratta sostanzialmente di detergenti liquidi che si vendono in tutti i negozi e sono disponibili soprattutto in confezione spray. In questo modo sono sicuramente più comodi da usare e garantiscono un minore spreco di prodotto.


Come sceglieri i timbri: Quando usare i timbri

Una volta valutato bene come scegliere i timbri, tocca capire quando questi vanno usati. Il timbro è uno dei segni di riconoscimento per un’azienda, associazione, ente e qualsiasi organismo di questo genere. Per questo, il timbro generalmente va usato in calce a documenti ufficiali. Si tratta per lo più di comunicazioni che sono rivolte all’esterno. Queste vanno scritte su carta intestata e validamente vidimate. Ci deve essere il timbro, riportante i dati importanti della società, e anche la firma che può anche essere sovrapposta al timbro stesso. Ci sono timbri interstati anche ad una persona specifica, magari un dirigente nel caso di un ente pubblico o l’amministratore nel caso di un’impresa. In questo caso, il timbro va usato per ogni comunicazione ufficiale da parte dei soggetti titolari. Ogni società che si rispetti ha comunque più timbri a disposizione. In questo caso, in base alla tipologia e della provenienza del documento, bisognerà scegliere il timbro più adeguato da apporre in calce.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO