Rivestimento camino in cartongesso

Cartongesso per il rivestimento del camino

Il cartongesso può essere una scelta adatta per il rivestimento del camino in un qualsiasi tipo di arredamento.

Nella soluzione più semplice, il monoblocco camino è installato senza ulteriori elementi o decori, ma soltanto con la sua cornice, in una parete realizzata in cartongesso. Si tratta di una realizzazione pulita e di grande impatto, dove il fuoco è assoluto protagonista dell’ambiente. Il cartongesso può essere lasciato completamente bianco, una soluzione molto frequente, oppure verniciato con pitture all’acqua, sintetiche o ecologiche, resistenti alle alte temperature o ancora rivestito con piastrelle o pietre. La flessibilità e versatilità del cartongesso permette anche la realizzazione di progetti molto complessi con elementi curvilinei, che dipendono anche dal tipo di camino che si andrà ad installare.

Termocamino con rivestimento in cartongesso

Pialla per cartongesso crea angolo 22 - 45 gradi in acciaio Prezzo EDMA

Prezzo: in offerta su Amazon a: 27,99€


Tipo di camino e rivestimento in cartongesso

Camino angolare in struttura in cartongesso Il camino è una struttura che permette la produzione di calore grazie alla combustione. Il camino moderno deve coniugare due aspetti fondamentali, uno funzionale e uno estetico: la produzione di calore e il fascino della fiamma di un fuoco acceso.

Il camino viene realizzato in varie dimensioni e grandezze, con forme e materiali diversi. È un sistema che ha bisogno di una canna fumaria, necessaria a convogliare il fumo, prodotto dalla combustione, al di fuori dell'ambiente. L'offerta di soluzioni già pronte è molto ampia sia per il camino a camera aperta o a camera chiusa, sia per prodotti più moderni come gli elettrocamini o i camini a bioetanolo che non hanno bisogno di canna fumaria.

Il camino a camera aperta è il camino tradizionale. Il fronte del focolare è aperto verso il locale da riscaldare, libero di diffondere direttamente il calore della fiamma. Nel camino a camera chiusa o termocamino, il focolare non è a diretto contatto con l'ambiente ma è separato da uno schermo in vetro. Oltre al legno le moderne tecniche consentono di utilizzare altri tipi di combustibili, come il gas, il pellet, il bioetanolo.

    Skil 6221AA Energy Trapano Avvitatore a Filo, Nero/Antracite

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 54,09€
    (Risparmi 5,9€)


    Rivestimento in cartongesso fai da te

    camino elettrico moderno L'installazione di un camino tradizionale deve essere fatta da personale specializzato ed esige la presenza di una canna fumaria per il rilascio dei fumi. Un elettrocamino o un caminetto a bioetanolo rappresentano una valida alternativa: non necessitano di canna fumaria e possono essere installati facilmente in qualsiasi ambiente senza particolari interventi tecnici.

    Per quel che riguarda il caminetto a bioetanolo, esso, di solito, viene appeso alla parete, senza bisogno di avere una cornice in cartongesso.

    Per il caminetto elettrico, invece, si può realizzare il rivestimento con il fai da te in modo semplice, economico e veloce.

    Innanzitutto bisogna determinare la posizione del camino, al centro di una parete o nell'angolo della stanza, e disegnare il progetto. Per la struttura interna del rivestimento si possono utilizzare i profili metallici guida a "U" 30 x 30 mm e i montanti a "C" 50 x 30 mm. Seguendo il disegno preparato, si misurano e tagliano i profili guida e si fissano al pavimento e alle pareti con tasselli in nylon da 8 mm. Si prosegue fissando i profili guida, che determineranno il perimetro della struttura, alle guide già posizionate, con viti finta rondella 4,2 x 13 mm. Si completa la struttura portante del rivestimento dell'elettrocamino con l'inserimento dei montanti ogni 30 cm.


    Rivestimento camino in cartongesso: Decorazioni e finiture del rivestimento in cartongesso camino

    rivestimento in cartongesso per camino Quando l'intero telaio è pronto, si inizia a tagliare il cartongesso. Per questo tipo di costruzione si consiglia di utilizzare lastre di cartongesso ignifugo che risultano più resistenti al calore.

    Dopo di che si assicurano le lastre di cartongesso alla struttura metallica con viti autofilettanti 5 x 25 mm. Si parte con il fissare i laterali esterni, poi i piani orizzontali, i laterali interni e si conclude con i frontali. Per gli spigoli esterni si dovranno usare i paraspigoli in metallo da fissare sempre con le viti autofilettanti. Per gli angoli e per le giunzioni del cartongesso si utilizza un nastro adesivo a rete che previene le spaccature del gesso. Quindi si passa alla fase di stuccatura dei giunti e delle teste delle viti.

    Una volta terminata la stuccatura si carteggia con carta abrasiva media per rendere la superficie liscia e uniforme. A questo punto si può decidere di tinteggiare o di applicare piastrelle o pannelli di pietra finta: la struttura in cartongesso, infatti, si comporta come una normale parete in muratura.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO