Controparete in cartongesso

Tipi di contropareti in cartongesso

Il sistema costruttivo a secco, con l'utilizzo del cartongesso, consente una duttilità, in fase di progettazione e montaggio, tale da poter variare le prestazioni delle contropareti in funzione dei materiali scelti. La controparete in cartongesso può essere realizzata su qualsiasi tipo di supporto: è sufficiente individuare la corretta tecnica di posa e la lastra di gesso rivestito più idonea. Le contropareti possono essere costruite utilizzando due metodi: ad incollaggio che prevede l’applicazione delle lastre di cartongesso direttamente alla parete, grazie all'utilizzo di collanti specifici; su struttura metallica, che necessita di un'orditura, autoportante o vincolata alla parete esistente, sulla quale vengono fissate le lastre, con la possibilità di interporre nell'intercapedine il materiale isolante.
Struttura metallica

ST PIALLETTO SURFORM X CARTONGESSI ART.5-21-122 Confezione da 2PZ

Prezzo: in offerta su Amazon a: 48,51€


Controparete ad incollaggio

parete in cartongesso Il sistema di posa ad incollaggio è consigliato per le piccole superfici con un'altezza massima pari a quella della lastra. Questa tecnica è utile per rinnovare una muratura e migliorarne l'aspetto estetico o per creare facilmente rivestimenti isolanti, grazie all'utilizzo di lastre in cartongesso accoppiate con speciali pannelli. L’applicazione delle lastre avviene direttamente sulla muratura con apposite malte adesive. L’incollaggio può essere effettuato solo su superfici prive di polveri, grassi ed esenti da umidità. La malta adesiva viene applicata in modo diverso a seconda del sottofondo. Se il sottofondo è piano, il collante va distribuito sui bordi della lastra con una spatola dentata; altrimenti, oltre ai bordi, la malta deve essere applicata in mucchietti con diametro di 10-12 cm sul retro della lastra o direttamente sulla muratura ogni 40 cm in orizzontale e 45 cm in verticale.

    Timbertech Alzalastre per cartongesso sollevatore lastre fino a 4,70 metri

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 173,95€


    Contropareti su struttura metallica a parete

    Distanziatore universale Questo sistema prevede che la struttura metallica, sulla quale saranno poste le lastre in cartongesso, sia fissata direttamente alla parete che si vuole rinnovare. Le contropareti possono avere un'intercapedine con spessore sino a 12 cm. Si realizzano utilizzando profili metallici guida a "u" che sono posizionati a pavimento e soffitto e montanti a "c", da inserire nelle guide e fissare alla parete retrostante con ganci distanziatori, posti ad interasse di 60 cm sia in senso verticale che orizzontale. I ganci distanziatori sono di vari tipi: gancio semplice da 5 mm, per contropareti in aderenza; gancio distanziato da 20-25-30-35 mm, per profondità comprese tra 20 e 35 mm; gancio con dado di regolazione, ancorato alla parete con una vite di congiunzione, da usare quando la muratura non è perfettamente piana; distanziatore universale che permette intercapedini sino a 12 cm. Alla struttura metallica si fissano, con le apposite viti, le lastre di cartongesso, che vanno posizionate a 1 cm dal pavimento. Infine si passa alla stuccatura dei giunti delle lastre e delle teste delle viti e alla tinteggiatura della parete.


    Controparete in cartongesso: Contropareti su struttura metallica autoportante

    Stuccatura del cartongesso.La costruzione della controparete in cartongesso, con struttura metallica autoportante, inizia dal tracciamento della posizione della guida a "u" a pavimento, dopo avere determinato lo spessore finale della parete. Con l'aiuto del filo a piombo, riportare questa misura sul soffitto, per posizionare la guida superiore. Applicare, sull’anima delle guide, il nastro adesivo di guarnizione isolante che aiuterà a contenere le vibrazioni che possono ripercuotersi sulla struttura. Fissare la guida inferiore al pavimento con tasselli posti 50 cm l'uno dall'altro. Quindi quella superiore e poi tagliare i montanti verticali alla misura dell'altezza della parete diminuita di 1 cm e posizionarli sulle pareti con l'aiuto dei tasselli. Inserire gli altri montanti a una distanza di 60 cm l'uno dall'altro, verificarne la perpendicolarità con la livella a bolla e fissarli alle guide con la punzonatrice. Una volta completata la struttura metallica si passa a fissare, con le apposite viti, le lastre di cartongesso, che vanno posizionate a 1 cm dal pavimento. Quindi si procede alla stuccatura e si termina con la tinteggiatura.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO