Luce artificiale

La luce artificiale

La luce artificiale è presente dalla notte dei tempi, quando l'uomo cominciò ad usare il fuoco come necessità di riscaldamento e come mezzo di controllo visivo sul buio della notte. I Fenici furono i primi ad utilizzare l'illuminazione artificiale, con le lampade ad olio, mentre il fuoco vivo serviva ad alimentare torce e focolari, lanterne, candele e candelabri. Uno dei più grandi imperi della storia, quello romano, non utilizzava illuminazione artificiale: soltanto le case dei ricchi erano illuminate di notte, il resto strade comprese, doveva accontentarsi della luce della luna. Soprattutto per una ragione di sicurezza: il fuoco utilizzato a scopo di illuminazione rappresentava un rischio enorme, per via delle case in legno con cui era costruita la città.
Antica lucerna

Liqoo Set di 3 Candele a LED Senza Fiamma in Vera Cela con Telecomando e Timer Luce Decorativa Alimentazione dalle 3 Pile AAA Decorazioni per Natale Feste Matrimonio Compleanno Casa Giardino Esterno

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,99€
(Risparmi 6€)


La luce artificiale fino al XIX secolo

Lampada a gas a Westminster Il sistema durò, praticamente immutato, per secoli. Ancora nel Medioevo l'illuminazione artificiale si affidava alle lampade e alle torce ad olio e a cera, collocate in serie lungo le pareti per creare zone illuminate. Godevano di un'illuminazione più accentuata gli edifici religiosi, mentre nelle case ci si accontentava della luce del focolare. Bisogna arrivare al 1801, all'ingegnere ed inventore Philippe Lebon, per la novità: egli aveva scoperto il grande potenziale del gas illuminante e presentò pubblicamente la sua termolampada, funzionante con il gas proveniente dalla distillazione del legno, aveva il duplice ruolo di riscaldamento e illuminazione. Il metodo cominciò ad essere utilizzato in campo domestico e nelle fabbriche, 6 anni dopo la presentazione della termolampada Londra si dotava di tredici lampioni a gas.

    Lampada Acquario Meduse Artificiali Finto Luce Comodino Notte Pila

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,86€


    La luce artificiale nel XIX secolo

    La lampadina classica In Italia i primi studi e tentativi di utilizzare l'illuminazione pubblica sono del 1818, quando Giovanni Aldini diede vita ad un progetto per illuminare il Teatro alla Scala di Milano, ma il tentativo riuscito è del 1832, anno incui si illuminò a gas la Galleria de Cristoforis a Milano. La città di Napoli cominciò ad illuminare alcune strade pubbliche con lampade a gas nel 1840, mentre nel 1847 anche Roma ottenne l'autorizzazione dal governo pontificio ad usare l'illuminazione a gas. Con la scoperta dell'elettricità e la sua utilizzazione per l'illuminazione, nel 1879 Thomas Edison iniziò una nuova era perfezionando la lampada ad incandescenza. Lo sviluppo e la diffusione del sistema furono enormi e nel 1822 la città di New York installò il suo primo sistema di illuminazione pubblica con lampade a filamento incandescente.


    Luce artificiale: La luce artificiale oggi

    Luce artificiale in casaL'Italia illuminò, nel 1884, Piazza Duomo e Piazza della Scala a Milano; successivamente videro la luce (è il caso di dirlo) i tubi di scarica che verranno impiegati per le insegne luminose. Da qui in poi è stato un continuo evolversi delle tecnologie per la luce, con lampadine sempre più efficienti e in tipologie diverse, anche se c'è il rovescio della medaglia: Charles Czeisler, del dipartimento di Medicina del sonno della Harvard Medical School ha pubblicato sulla rivista "Nature" uno studio che dimostrerebbe gli effetti deleteri sull'uomo dello stare svegli oltre la soglia fisiologica del corpo umano che per gli adulti è mediamente di sei ore di sonno. Probabilmente la verità sta nel mezzo: dormire poco non è saggio, bisogna far buon uso delle tecnologie a nostra disposizione.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO