Cos'è e a cosa serve il duplex

Cos'è un impianto elettrico duplex

Per capire che cos'è un impianto elettrico duplex bisogna fare un passo indietro e distinguere le due tipologie principali di impianto elettrico: esiste quello importante per la quantità di energia che trasporta, utilizzato per l'illuminazione o per fare andare gli elettrodomestici e le macchine industriali, ed esiste l'impianto elettrico che da importanza a come l'energia viene trasportata, e in questo caso ha senso parlare di duplex. Questo tipo di impianto elettrico viene utilizzato nativamente per le telecomunicazioni, ma era importante soprattutto negli anni '70 '80, anni in cui le comunicazioni avvenivano ancora per via analogica e le frequenze su cui le comunicazioni avevano luogo erano spesso condivise. Si pensi per esempio ai walkie talkie e alle comunicazioni radio in generale.
Walkie talkie da casco

TP-Link HS100 Presa Intelligente con Interruttore senza Fili per Gestione Luci e Dispositivi Elettronici tramite App, Accesso Remoto, 2.4Ghz 802.11b/g/n, App KASA per Android e iOS

Prezzo: in offerta su Amazon a: 32,99€
(Risparmi 2€)


Tipi di impianto duplex

Stampante duplexQuesto tipo di comunicazione avviene attraverso l'analisi della frequenza del segnale elettrico, e quindi, come dicevamo prima, non ha niente a che fare con la sua intensità. Ora esistono diverse tipologie di impianti elettrici duplex, lo half duplex e il full duplex. Il primo è tipico della comunicazione con walkie talkie e prevede l'utilizzo di una sola frequenza di comunicazione, che viene utilizzata e liberata a turno dai due poli in modo da prevedere una risposta al segnale. Di solito si da un segno di fine del messaggio e poi viene liberata la frequenza. Invece nella comunicazione full duplex, quella che noi consideriamo più comune come il telefono: si ha una comunicazione contemporanea da entrambe la parti. Questo semplicemente perché vengono utilizzate due diverse frequenze per l'invio del segnale fra il primo polo e il secondo e fra il secondo e il primo.

    Electraline 49058 Prolunga Elettrica con Avvolgicavo, Nero

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 99,99€


    Una tecnologia obsoleta

    Modem router full duplex E' ovvio che la comunicazione full duplex è quella considerata più efficiente e più comunemente utilizzata ma questo non è affatto scontato. Infatti i radioamatori e i computer hanno ancora un procedimento half duplex in cui viene prodotta una comunicazione e viene attesa una risposta in modo sincrono e non asincrono come nel caso della comunicazione full duplex. Ma nonostante la dinamica della ricezione e dell'invio del segnale non sia cambiata questo tipo di impianto elettrico duplex di telecomunicazione non è più utilizzato, e vediamo ora i motivi. Al giorno d'oggi infatti le linee telefoniche non sono più analogiche, sono digitali, quindi il cavo di rame che trasportava il segnale elettrico è stato sostituito in gran parte da fibre ottiche, ed è rimasto solo come parte finale del percorso del segnale telefonico all'interno delle nostre case.


    Cos'è e a cosa serve il duplex: Usi impropri della parola duplex

    Il termine duplex si è ora spostato a designare le capacità di un modem-router, per esempio, di comunicare con più di un computer contemporaneamente. Oppure lo possiamo trovare applicato alle specifiche di un cavo ethernet, che grazie a capacità di trasmissione del segnale in full duplex può arrivare ad avere un'efficienza di 200 mb al secondo invece che i canonici 100mb. La troviamo applicata alle stampanti che sono ora in grado di stampare sia da destra a sinistra che da sinistra a destra, in modo molto simile a come veniva applicata al telegrafo, nel 1850, quando si cercava di renderlo efficiente per più comunicazioni in contemporanea. Ma è possibile trovarla anche nella costruzione dei cavi in fibra ottica, che vengono costruiti con cavi di connessione e ricezione associati. Infine la parola duplex viene usata in modo improprio per definire le prese di corrente doppie e gli interruttori doppi negli impianti elettrici di casa.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO