Caratteristiche della ventilazione meccanica controllata

Caratteristiche della ventilazione meccanica controllata

Per creare un ambiente comfort si è solito utilizzare dei materiali isolanti di buona qualità e con l'impiego di ottimi serramenti. Ma non possiamo vivere in un ambiente completamente sigillato perché cucinando si creano odori e vapori poco piacevoli. Occorre favorire un corretto ricambio dell'aria attraverso un idoneo sistema di ventilazione. Gli odori e i vapori che si vengono a formare per via del cucinare o anche con la doccia sono degli agenti inquinanti. Per eliminare questi agenti inquinanti esistono dei tipi di ventilazione come ad esempio la ventilazione meccanica controllata che favorisce il ricambio d'aria. Nel caso decidessimo di avere un sistema di ventilazione automatica potremmo controllare la situazione senza dover ogni volta stare a contare quante volte apriamo la finestra.
Ventilazione meccanica

XCSOURCE carica Intercom Wireless Voice Timbre 2 vie citofono dispositivo mobile 1 unità di funzionamento a batteria 1 unità USB HS842

Prezzo: in offerta su Amazon a: 27,09€


Risparmiare attraverso la ventilazione meccanica controllata

Ventilazione meccanica Con un sistema di ventilazione meccanica controllata si avranno dei dosaggi d'aria controllati e quindi risparmieremo in termini di energia. Grazie a questo tipo di ventilazione non avremo più bisogno di aprire le finestre che provocano quelle fastidiose correnti d'aria fresca: infatti avremmo aria fresca e pulita in qualsiasi momento senza sentire quei fastidiosi rumori provenienti dall'esterno, eliminando così anche il problema della muffa. Se un impianto di ventilazione meccanica controllata viene dimensionato e poi installato in casa potremmo avere delle condizioni termiche adeguate risparmiando in termini di energia. Se un ambiente è particolarmente umido, naturalmente necessiterà una quantità maggiore di energia. Infatti le pareti umide tendono a disperdere più energia rispetto a un ambiente normale.

    Travel Adapter Adattatore Universale da Viaggio Milool Universal Multipresa Internazionale (US / EU / UK / AUS) Caricatore Doppia Porte USB Multi-nazione per Oltre 150 Courties–Milool (Verde)

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,99€
    (Risparmi 13€)


    Tipologie di ventilazione meccanica controllata

    Casa con ventilazione meccanica Ci sono varie tipologie di ventilazione meccanica: a due flussi o a doppio flusso e monoflusso. Quello a doppio flusso è quello più diffuso. Andiamo a vedere i vantaggi e come funziona questo tipo di ventilazione meccanica controllata. Ha la capacità di trattare, di riscaldare o raffreddare e filtrare l'aria esterna garantendo così un continuo ricambio continuo recuperando l'aria esausta. Attraverso questo recupero del calore dell'aria esausta si riesce a sfruttare i vantaggi della ventilazione meccanica garantendo così dei bassi consumi di energia. Attraverso lo scambiatore d'aria passa l'aria esausta che cede una parte di calore all'aria pulita. Oggi il rendimento dello scambiatore d'aria è del 90% riuscendo a limitare al minimo le dispersioni termiche che sono causate dalla rinnovazione dell'aria.


    Come funziona la ventilazione meccanica controllata

    Impianto di ventilazione meccanica Infine andiamo a vedere come funziona la ventilazione meccanica controllata. E' dotata di bocchette di estrazione. Queste sono messe negli spazi più umidi come ad esempio il bagno e la cucina. Hanno la funzione di controllare i flussi d'estrazione d'aria. La ventilazione meccanica più essere di diversi tipi: 1) autoregolabile: è un sistema di ventilazione a portata costate. Il principio di questa tipologia di ventilazione è l'estrazione dell'aria usata dei posti umidi, immettendo aria nuova negli altri posti. 2) Igroregolabile: con questo sistema l'aria nuova penetra nell'edificio attraverso apposite prese che si aprono a seconda degli ambienti e dell'umidità presente. 3) Con recupero di calore: questo sistema si basa sul concetto dello scambio di calore; l'aria usata viene filtrata e rinnovata.




    COMMENTI SULL' ARTICOLO