Combattere la cavolaia

Un nemico dalle ali bianche

Quando si coltivano delle piante in giardino, o dei vegetali nell'orto, si è sempre pronti a fare guerra a malattie, come funghi o muffe, e parassiti. Tra questi ultimi ce n'è uno che è anche piacevole veder svolazzare tra aiuole e prati, ma a cui si deve fare moltissima attenzione, ed è la farfalla detta volgarmente e comunemente cavolaia o rapaiola. Il suo nome scientifico è pieris rapae, ed è un lepidottero della famiglia delle pieridae. All'aspetto, come si diceva, è molto gradevole: si tratta di un farfalla con delle ali bianche, molto luminose in primavera, che presentano due macchie scure in alto nei soggetti femmina. Le larve che però essa depone sui cavoli e su altre piante della famiglia delle crucifere, che sono le sue predilette e da cui deriva il suo nome, possono essere letali per la pianta stessa.
Un esemplare di pieris rapae, o farfalla cavolaia

Bayer Fungicida Teldor Plus 100 ml contro botrite,monilia e sclerotinia

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,38€


Come agisce la cavolaia

Larve di cavolaia che mangiano una fogliaCome sempre si dovrebbe avere l'accortezza di fare, bisognerebbe cercare di non ricorrere a pesticidi chimici, necessari una volta che la pianta è stata compromessa, ma si dovrebbe sempre cercare di fare prevenzione in anticipo. La cavolaia agisce nel modo seguente: la farfalla depone le sue uova sulle foglie della pianta, le quali poi si schiudono e danno vita alle larve. Le larve iniziano a divorare la parte piena delle foglie, lasciando intatte le nervature. A volte scavano delle vere e proprie gallerie, che quindi indeboliscono la pianta dall'interno e portano inevitabilmente alla sua morte. Va da se, quindi, che il modo principale in cui si può combattere la cavolaia consiste nella prevenzione, ovvero nel trovare il modo di non farla avvicinare, e nell'individuare le uova prima che si schiudano.

  • oziorrinco L'oziorrinco è un insetto di colore scuro o nero, e le sue uova vengono deposte dalle femmine nel mese di giugno. Le uova possono essere di diverso colore quali bianco, giallo o grigio scuro, ed ogni ...
  • Esempio di botrite. La Botrite, nota anche con il nome di Botrytis cinerea, è un fungo parassita che attacca molte piante, causando non pochi danni. Essa nel momento in cui attacca una specie, produce innumerevoli spore ...

sepradina dodina FUNGICIDA CONTRO LA BOLLA DEL PESCO ED ALTRE MALATTIE FUNGINE IN CONF. DA 1 LT

Prezzo: in offerta su Amazon a: 21,9€


La prevenzione

Pomodori: tengono lontane le cavolaie A livello puramente preventivo, ci sono alcuni accorgimenti che possono essere adottati affinchè la cavolaia nemmeno si avvicini all'orto. Ad esempio, si dovrebbe avere cura di annaffiare sempre a pioggia, diminuendo il più possibile le innaffiature e facendo in modo che il terreno sia sempre ben drenato. Infatti le larve proliferano nei terreni in cui vi siano dei ristagni di acqua. Inoltre si dovrebbero sempre piantare vicino ai cavoli, alle rape, e alle altre piante oggetto di attenzione da parte della cavolaia, dei pomodori, della menta, del sedano e della salvia. Queste varietà vegetali infatti hanno il potere di tenere lontana la cavolaia. Un altro modo per combattere la cavolaia consiste nel piantare del trifoglio nano tutt'intorno ai piedi delle piante, perché è qui in genere che si annidano le larve.


Combattere la cavolaia: Come combattere la cavolaia

Uova di cavolaia Ma se la cavolaia è ugualmente riuscita ad avvicinarsi all'orto e a deporre le sue uova, cos'è che si può fare? Per prima cosa, monitorare costantemente le foglie: le uova di pieris rapae infatti sono molto piccole, è vero, ma non invisibili. Si riconoscono perchè sono ovali ed hanno un colore giallo bruno: se se ne individua un mucchietto sulla pianta, bisogna subito rimuoverlo. Basta usare un batuffolo di cotone e poi le foglie vanno lavate con dei prodotti adeguati. Se invece si individuano le larve, anche in questo caso si può tentare di rimuoverle manualmente. Se ciò non è possibile, perchè sono troppe, si può ricorrere a dei rimedi naturali come macerati di pomodoro, sambuco o assenzio. Una sostanza molto efficace è il piretro, ma sarebbe bene usarlo sono come ultima risorsa, così come per tutti gli altri prodotti chimici che si trovano in commercio.


  • cavolaia Le piante possono essere attaccate da parassiti e malattie. I parassiti sono spesso insetti che divorano alcune parti ve
    visita : cavolaia
  • farfalla cavolaia Fin dai primi giorni di primavera, la farfalla cavolaia depone approssimativamente duecento uova sulla porzione inferior
    visita : farfalla cavolaia

COMMENTI SULL' ARTICOLO