Utilizzo dei collettori solari

L'utilizzo dei collettori solari

Il collettore solare è utilizzato principalmente per trasformare l’energia del sole in energia termica ed è noto anche con il nome di ‘pannello solare termico’. Il procedimento, raccontato in sintesi, è abbastanza semplice. Il calore del sole scalda l’acqua che scorre all’interno di condotti, distribuiti in un pannello piano generalmente trasparente. Da qui l’acqua riscaldata viene trasferita in un serbatoio di accumulo dal quale viene prelevata ogni volta che l’utente ne ha necessità. Il pannello solare viene utilizzato sia in piccoli impianti monofamigliari che in impianti condominiali, favorendo un comportamento ecosostenibile che riesce ad avere un impatto positivo sull’ambiente. Spesso si confonde il ‘pannello solare termico’ con il ‘pannello fotovoltaico’ ma mentre l’uno serve per produrre acqua calda il secondo viene installato per la produzione di energia elettrica. Anche se alcuni tipi di pannello termico sono in grado di produrre anche energia elettrica non si tratta comunque di pannelli fotovoltaici che si distinguono visivamente per il caratteristico colore blu.
collettore solare


Usi del pannello termico: l’orientamento

I collettori solari vengono installati sui tetti o su superfici scoperte che non risentano dell’ombra di vegetazione ed edifici circostanti. La superficie esterna deve essere il più possibile esposta al sole nelle ore diurne quindi orientamento e posizione sono determinanti. La direzione ideale della superficie inclinata del pannello è verso sud ma sono accettabili anche variazioni verso est o verso ovest. Ricordandoci che il sole invernale è più basso rispetto a quello estivo, e che l’angolo coperto è di circa 105° anziché 230°, per ottenere il massimo dal pannello converrà installarlo per il massimo sfruttamento del sole invernale. Se il pannello si trova su una superficie aperta o su falde non troppo inclinate continuerà a scaldare l’acqua anche quando il sole arriverà lateralmente, quindi per diverse ore al giorno. Un pannello installato in modo corretto è in grado di produrre acqua calda anche nella stagione invernale. L'utilizzo dei collettori solari in aree particolarmente fredde o inverni particolarmente rigidi è comunque conveniente. L’acqua verrà preriscaldata dal pannello mentre un maggiore innalzamento della temperatura potrà essere ottenuto con una caldaia di supporto.

  • Alcune note Da sempre più tempo si sta diffondendo all’interno del nostro Paese e non solo una nuova attenzione ed una sensibilità crescente a tutte le questioni inerenti alle energie rinnovabili, al loro utilizz...
  • pannelli solari I collettori solari termici, comunemente chiamati 'pannelli solari', convertono la radiazione solare in calore sfruttabile per diversi utilizzi, differenziandosi così dai pannelli fotovoltaci che dall...
  • Impianti eolici Con la crisi energetica galoppante e gli alti costi di carburanti e combustibili tradizionali, si è reso necessario trovare una fonte energetica alternativa in grado di coprire il fabbisogno delle fam...
  • Ristrutturazione casa La prima cosa da fare, ancor prima di dare mandato a un tecnico, è recarsi nella casa oggetto di ristrutturazione e immaginare come la si vorrebbe vivere. Ci vuole solo un pizzico di fantasia per visu...


Utilizzo dei collettori solari: Usi del pannello termico: la convenienza

pannello termico Gli impianti di produzione di energia sostenibile possono necessitare di una fonte secondaria in quando la produzione di enrgia o di calore dipende dai fattori climatici o dalle ore del giorno. L’apporto di energie tradizionali è però minimale rispetto a quanto ottenuto dall’energia alternativa, motivo per cui l’impiego di rinnovabili è quasi sempre un buon investimento. Esistono in commercio più tipologie di collettore solare che hanno caratteristiche piuttosto differenziate con costi e benefici diversi. In aree particolarmente calde si possono ad esempio installare pannelli non vetrati che hanno elevati rendimenti e basso costo di installazione. Tuttavia questi pannelli non sono adatti alle aree fredde che invece necessitano di un vetro che faccia entrare il calore del sole ma ne impedisca l’uscita. Nelle zone del paese più fredde il massimo dell’efficienza si ottiene dai pannelli termici sottovuoto, più costosi ma funzionanti anche con ridotta presenza di sole e basse temperature. Il primo passo per un buon utilizzo dei collettori solari è quindi una progettazione specifica del sito cui consegue la scelta ottimale.



COMMENTI SULL' ARTICOLO



sitemap %>