Funzionamento e prezzi dei pannelli solari termici

Le varie tipologie di pannello solare termico

Il pannello solare termico può essere a circolazione naturale dove viene sfruttata a pieno la convezione, il liquido vettore si riscalda nel pannello che si dilata e galleggia fino a cedere il calore all'acqua sanitaria. Oppure c'è il pannello con circolazione forzata dove il liquido viaggia grazie a delle pompe ed è anche un impianto più facile da posizionare visto che non ha particolari vincoli, viene consigliato in effetti generalmente per le zone di alta montagna. Infine c'è la versione a svuotamento che funziona solamente quando c'è il sole e negli altri periodi versa in stato di riposo, si svuota proprio quando non c'è il sole o se la temperatura di accumulo è giunta a quella che desiderate. Sottovuoto, ad aria, vetrati e non vetrati sono le vere e proprie tipologie di pannelli tra cui potete scegliere.
pannelli solari


La procedura necessaria per il montaggio

montaggio pannelli Ogni volta che viene installato un pannello solare termico viene seguita una procedura ben precisa per integrare un qualsiasi impianto idraulico: il tubo che esce dal serbatoio ad una valvola che miscela l'acqua calda che proviene dall'accumulo e si mescola con quella fredda dell'impianto; la valvola è fondamentale non solo perché evita il pericolo di ustioni, ma anche la dispersione del calore all'interno dei tubi e il danneggiamento di un'eventuale caldaia. Da qui poi parte una valvola a tre vie che in base alla temperatura dell'acqua fa sì che essa giunga direttamente ai sanitari, può essere inoltre controllata non solo meccanicamente ma anche manualmente. Se si vuole poi posizionare anche una caldaia deve essere in grado di modulare la fiamma in base al fatto se è presente o meno l'accumulo.

  • impianto geotermico Un impianto geotermico è un sistema di riscaldamento e raffreddamento che sfrutta il calore prodotto naturalmente dalla terra o dall'acqua.I moderni impianti a bassa temperatura (o a "bassa entalpia...
  • collettore solare Il collettore solare è utilizzato principalmente per trasformare l’energia del sole in energia termica ed è noto anche con il nome di ‘pannello solare termico’. Il procedimento, raccontato in sintesi,...
  • lampadina A partire dal primo settembre 2014, a seguito della decisione dell'Unione Europea, non potranno più essere prodotte le vecchie lampadine elettriche a incandescenza. Entro il 2016 anche quelle alogene ...
  • conto energia Quando torniamo a casa e notiamo che nella nostra cassetta postale c'è qualcosa, partono gli scongiuri che non sia una bolletta. Ammettiamolo, succede a tutti. Complice la crisi, che enfatizza e rende...


Prezzi e detrazioni per i pannelli solari termici

pannello solare1 Per pensare al fatto che si desidera creare fai da te un pannello solare termico si è coscienti del fatto che il costo è particolarmente elevato e può arrivare anche a 6.000 euro per un impianto completo di media grandezza, costo che poi viene ammortizzato nell'arco di circa 15-20 anni nonostante comunque ci siano diversi incentivi e detrazioni dati dallo Stato per passare a questo tipo di energia rinnovabile che comunque aiuterebbe non poco il nostro pianeta. Bisogna tenere presente che un singolo pannello può venire a costare da solo quasi 3.000 e il numero di pannelli necessari deve essere poi calcolato in base alla grandezza della vostra casa direttamente da un esperto per decidere quanti ne sono sufficienti per riscaldare tutto l'ambiente, questo ovviamente è valido per qualunque tipo di pannello.


Funzionamento e prezzi dei pannelli solari termici: Realizzare fai da te un pannello solare termico

Ecco tutto ciò che serve per costruire un pannello solare termico fai da te: servono dei pannelli di compensato fenolico di 3 cm e un pannello da 5 cm di spessore, viti autofilettanti per chiudere il fondo e mettere insieme il telaio, lana di vetro, tubo di rame, pasta conduttiva, lamiera d'acciaio, lastra di vetro, 12 angolari e 4 staffe. Per mettere insieme il telaio dopo aver posizionato tutti i pannelli bisogna passare una sottilissima linea di silicone nei punti di contatto, assemblare la cassa e mettere all'interno gli angolari per poter appoggiare la lamiera d'acciaio (tra la lamiera ed il resto deve essere posizionato anche uno strato di lana di vetro). Si piega manualmente il tubo di rame e si praticano i due fori per entrata ed uscita, e per dare maggiore efficienza al pannello la cosa migliore sarebbe quella di stendere anche una base di pasta conduttiva per poi poter fissare la serpentina; la lastra di cristallo serve poi a chiudere la cassa che va fissata e scegliere l'inclinazione del pannello in base a com'è l'esposizione dei raggi solari a mezzogiorno. Ovviamente al termine del lavoro si deve posizionare un serbatoio di accumulo all'impianto idraulico di casa.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO



sitemap %>