Realizzare un bagno per disabili

Prendere le misure

Per realizzare un bagno per disabili a norma, bisogna seguire le metrature standard che consentono il maggior movimento possibile al disabile, specie se dotato di protesi o carrozzina. Il bagno, innanzi tutto, dovrà presentarsi ampio e a pianta quadrata, non stretto e lungo perché potrebbe impedire qualsiasi movimento. Il bagno dovrebbe avere all'incirca una metratura di 200x200 in modo da poter inserire tutti i sanitari e, al contempo, garantire al disabile dotato di carrozzina un ampio spazio di manovra nelle sue abluzioni quotidiane. Se il vostro bagno presenta già uno sviluppo in lunghezza, piuttosto che in ampiezza, potrete disporre vasca, bagno e lavandino uno vicino all'altro: l'importante è ricordarsi di collocarli a una distanza di minimo 30 cm, sempre per non ostacolare il passaggio della carrozzella.
Metratura adeguata per realizzare un bagno per disabili

GBT Massaggio Foot Bath Barrel Basamento elettrico Foot Bubble Rolling Scrapping Vibrazioni Heat Soak Massaggio in bagno

Prezzo: in offerta su Amazon a: 104,9€


Sanitari per disabili

Wc con maniglione Una volta che fatto le misurazioni necessarie, non vi resterà che occuparvi dei sanitari da installare. I disabili non sono in grado di usare i normali sanitari, ma ne hanno bisogno di specifici per aiutarli nei movimenti e negli spostamenti. Come gabinetto si può scegliere sia quello sospeso che quello a terra, ma ovviamente bisognerà sempre badare alle misure: sempre assumendo che il disabile sia dotato di carrozzina, bisognerà fare in modo che il gabinetto abbia una sporgenza dal muro di quindici centimetri e che ci sia spazio sufficiente tra sanitari e sanitari. E' molto importante che vicino al gabinetto siano posizionati dei particolari maniglioni antiscivolo, in modo che il disabile possa sollevarsi da solo e aiutarsi durante il passaggio dalla carrozzina alla tazza. Dev'essere installato un maniglione orizzontale e uno verticale a ottanta centimetri da terra circa. Per facilitare le cose e risparmiare spazio in bagno, possono essere acquistati dei gabinetti che fungono anche da bidet, che seguono le specifiche norme per i disabili.

    Piatto doccia, quadrato 90 x 90 cm | Nordona® SIMPLEX | altezza di costruzione super sottile di 3 cm | costruzione stabile, di alta qualità

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 99,9€


    Doccia per disabili

    Doccia senza piatto La doccia è un altro elemento molto importante in un bagno, ancor più per chi è impossibilitato a muoversi da solo. A maggior ragione bisogna fare molta attenzione al tipo di doccia che si sceglie. Sebbene esistano in commercio vasche da bagno progettate appositamente per disabili e persone anziane autosufficienti, è più comodo fornirsi di doccia. La doccia per disabili non dev'essere dotata di piatto, ovvero quella lastra poco sopraelevata in cui è presente lo scarico: il piatto, infatti, rischierebbe di far inciampare e cadere il disabile e, cosa importante, non lascerebbe passare la carrozzina. Anche se sarebbe preferibile non mettere il piatto, per chi lo gradisse sono in vendita piatti completamente invisibili che si fondono completamente con la pavimentazione. Per garantire la dovuta privacy in doccia vanno bene sia delle normalissime tendine, che un box doccia con ante ribassate a scorrimento. Anche nella doccia dovranno trovarsi i maniglioni per garantire la sicurezza del disabile.


    Realizzare un bagno per disabili: Lavabi per disabili

    Lavabo adatto per disabili Anche il lavabo dovrà seguire specifiche norme per consentire al disabile dotato di protesi o carrozzina di utilizzarlo. Innanzi tutto è preferibile che il rubinetto non abbia manopole, ma una leva che sia di semplice fruizione: ancora meglio sarebbe possedere un rubinetto estraibile, come se fosse una specie di doccetta, in caso di emergenze. Il rubinetto dev'essere installato a un'altezza consona per una fruizione semplice e senza intoppi; il lavabo dovrà avere il lato frontale concavo, in modo da poter fare avvicinare il disabile al rubinetto senza eccessivi sforzi; le tubature non dovranno essere sporgenti, quindi sarà meglio munirsi di scarichi flessibili in modo che la persona con handicap fisici possa far rientrare la carrozzina e avere tutto lo spazio di manovra necessario per muoversi con la dovuta autonomia.


    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO