Parcheggi condominiali

Parcheggi condominiali

Il problema che si riscontra maggiormente negli ambiti condominiali è quello dei parcheggi, che riveste particolare importanza dal momento che provoca eccessivi disagi e può essere fonte di stress. Le costruzioni che sono state realizzate fra gli anni cinquanta e i sessanta non hanno tenuto in considerazione assolutamente lo spazio destinato alle automobili. I fattori possono essere molteplici, primo la minore diffusione dei veicoli, secondo una necessità di costruire case popolari, occupando tutti gli spazi disponibili a scapito di tutti i servizi che andrebbero annessi ad una nuova costruzione. Il problema dei parcheggi poi si è proposto quando le automobili hanno cominciato a diventare sempre più presenti sul territorio e di conseguenza i posti destinati alla sosta dei veicoli sono diventati sempre meno in relazione alle unità abitative.
Parcheggi condominiali

Box Doccia Venere - 1 lato, apertura laterale 70 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 58,3€


Normative che regolano i parcheggi condominiali

Parcheggio condominiale coperto I parcheggi condominiali sono diventati con il tempo un problema che non si poteva affrontare in maniera semplice e locale, quindi si è giunti alla redazione delle prime leggi, nel 1967, che ne regolamentassero le costruzioni e le assegnazioni. Fino quindi alla fine degli anni sessanta solamente il costruttore poteva scegliere come gestire gli spazi annessi agli edifici e le loro destinazioni. Purtroppo questa tendenza ha portato a massimizzare le cubature in favore di unità abitative e commerciali rispetto ad uno sfruttamento che prendesse in considerazione altre tipologie di esigenze. La prima legge che regolamentò i parcheggi condominiali fu la 765 del 1967 che obbligò i costruttori a destinare una parte della superficie assegnata per la costruzione ai parcheggi. Negli anni poi sono state fatte delle modifiche e delle integrazioni che hanno portato a fissare per i parcheggi un metro quadrato per ogni dieci metri cubi di costruzione.

  • Corretta distanza in un residence Le distanze minime tra i fabbricati sono stabilite dalla Legge e devono essere rispettate, tranne che in particolari situazioni. Grazie a queste regole si evita la presenza di spazi ridotti, invivibil...

Simpeak 100 ML Diffusore di Aroma ad Ultrasuoni Umidificatore Purificatore d'Aria Luce Fredda Foschia con 7 Colore LED per il Salone di Bellezza, SPA, Yoga, Camera da Letto, Soggiorno, Sala Conferenze

Prezzo: in offerta su Amazon a: 22,98€
(Risparmi 23€)


Come si assegnano i parcheggi condominiali

Parcheggio Le aree destinate a parcheggio sono comunque non solo pertinenziali al condominio, ma possono essere trasferite in maniera autonoma, anche se non è prevista un'area eccedente a quella assegnata. Le aree destinate invece ad autorimesse comuni e non a box che sono di esclusiva proprietà devono essere regolamentate in maniera locale e sono di competenza dell'amministratore secondo l'articolo 1130 che fissa le norme per l'utilizzo dei beni comuni. In questo modo è obbligo dell'amministratore garantire un adeguato godimento delle cose comuni a tutti i condomini. In caso quindi sia presenta un parcheggio al quale possono accedere tutti i condomini, l'amministratore può eseguire delle delimitazioni per suddividere l'area in singoli parcheggi. I parcheggi condominiali comunque non vengono assegnati in relazione ai millesimi di proprietà, ma devono essere deliberati in assemblea. La votazione deve passare con la maggioranza e con almeno 500 millesimi.


Assegnazioni particolari

Parcheggio in cortile In caso di insufficiente presenza di parcheggi condominiali, l'assemblea può deliberare una turnazione dei posti, che quindi non verranno occupati contemporaneamente, ma in tempi differenti da diversi condomini. Anche in questo caso l'assegnazione non deve avvenire seguendo i millesimi di proprietà. Solitamente in questi casi particolari si procede con un sorteggio per garantire gli stessi diritti. In molti condomini esistono aree in cui il regolamento di condominio non prevede una destinazione d'uso specifica, come potrebbero essere i cortili o le aree di fronte alle abitazioni. In questa situazione i singoli condomini possono utilizzare lo spazio rispettando però le esigenze degli altri condomini. L'assemblea poi potrà decidere , con la maggioranza, che la destinazione d'uso non sia lesiva nei confronti dei condomini. Anche i giardini possono essere adibiti a parcheggio, purché il cambiamento della destinazione non danneggi nemmeno un condomino.




COMMENTI SULL' ARTICOLO