Irrigazione a goccia

I vantaggi dell'irrigazione a goccia

Con il termine di irrigazione a goccia si intende un tipo di irrigazione con il quale si va a somministrare ad ogni singola pianta la giusta quantità d’acqua, quando serve. Esso è costituito, generalmente, da una centralina programmabile che gestisce la quantità e la frequenza delle irrigazioni, da una linea di distribuzione principale e da una serie di linee di gocciolamento che dalla linea principale raggiungono ogni singola pianta. L’irrigazione a goccia presenza diversi vantaggi: in primo luogo consente un’irrigazione personalizzata per ogni singola pianta ed evita che l’acqua vada a contatto con il fusto e le foglie riducendo le possibilità che si sviluppino malattie fungine; inoltre, ma non meno importante, consente un notevole risparmio di acqua con grandi benefici per il nostro ambiente.
Schema di un impianto a goccia

Claber 90764 Kit-Drip 20 Vasi Kit Rainjet Goccia

Prezzo: in offerta su Amazon a: 25,25€
(Risparmi 6,65€)


Gocciolatori ed ali gocciolanti

Ala gocciolante La somministrazione di acqua con impianto a goccia avviene tramite gocciolatori o per mezzo di ala gocciolante. I gocciolatori sono elementi singoli, che vanno posizionati alla base di ogni singola pianta. Sono tarati per erogare un flusso costante di acqua alla pressione di un bar (possono andare da 2 a 8 litri per ora o più) ed alcuni modelli sono anche regolabili per dosare la giusta quantità di acqua in funzione del tipo di terreno e del clima. L'ala gocciolante, invece, è costituita da un tubo all'interno del quale sono posizionati appositi erogatori che rilasciano un flusso costante di acqua e sono muniti di appositi filtri per evitare l'intasamento. La distanza tra gli erogatori viene definita passo, e va dai 20 centimetri fino ad arrivare anche a 50 centimetri ed oltre.

    Tubo capillare 1/4 m.20 MICRO 90370 CLABER [CLABER ]

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,49€
    (Risparmi 4,01€)


    Impianto di irrigazione a goccia fai da te: la progettazione

    Kit per impianto a goccia fai da te Realizzare un proprio impianto di irrigazione a goccia fai da te è veramente semplice. In commercio sono in vendita appositi kit che contengono tutto il necessario per creare un mini impianto di qualche decina di gocciolatoi, altrimenti, in alternativa, è possibile acquistare i pezzi singolarmente. Il primo passo da compiere consiste nella progettazione su carta del nostro impianto di irrigazione: planimetria del nostro giardino, numero di piante da irrigare, distanza tra le stesse, tipi di colture e relativi fabbisogni idrici. Sulla base delle informazioni raccolte si dovranno individuare i posti migliori per far passare il tubo collettore della linea di distribuzione e le successive linee di gocciolamento e calcolare il tipo e la quantità di gocciolatori ed i relativi accessori (raccordi, tubi capillari) da acquistare.


    Irrigazione a goccia: Impianto di irrigazione a goccia fai da te: la realizzazione

    Fiori annaffiati a goccia Terminata la fase di progettazione è tempo di andare sul campo a sporcarsi le mani. Se abbiamo optato per una irrigazione a goccia temporizzata in automatico, la prima cosa da fare è installare la centralina ed agganciare il regolatore di pressione. Quindi si passa a sistemare la linea di distribuzione avendo cura che i tubi non intralcino le normali operazioni che si fanno in giardino. Infine, tramite la fustella foratubo si andranno a praticare dei fori in corrispondenza delle derivazioni che si intendono fare e, per mezzo dei raccordi a due vie, si collegano i tubi capillari a cui saranno collegati i gocciolatori da posizionare in corrispondenza di ogni pianta. Prima dell’arrivo delle gelate invernali, è buona prassi scollegare il programmatore dall’impianto e, tolta la batteria, riporlo in un luogo riparato ed asciutto.


    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO