Come realizzare irrigazione automatica

Impianti di irrigazione automatica: cosa sono e quando servono

Chi ha un giardino è perfettamente conscio della cura e delle attenzioni necessarie a mantenerlo bello e curato. La cosa più importante è, sicuramente, quella di avere un prato ben irrigato, soprattutto nei periodi più caldi. Realizzare un impianto di irrigazione automatica è una soluzione sicuramente ideale per grandi giardini, ma che trova una sua utilità anche nelle altre situazioni. In particolare, quando gli impegni quotidiani o dei viaggi rendono impossibile garantire la costanza che questo tipo di cura per il prato richiede. Gli impianti di irrigazione automatica sono, generalmente, costituiti da tubi sotterranei che portano l’acqua ad alcuni diffusori, o sprinkler, che la distribuiscono su una parte di terreno. In genere, questo tipo di impianti è collegato ad una centralina che permette di programmare i tempi in cui avverrà l’irrigazione. In commercio esistono dispositivi sofisticati che permettono una ampia personalizzazione dei tempi consentendo una efficace razionalizzazione dell’acqua utilizzata.
Esempi di sprinkler

Placca Scarico Pucci per Cassetta ECO Bianca 80005710 pucci 5710

Prezzo: in offerta su Amazon a: 23,97€


Come realizzare un'irrigazione automatica: i materiali

Kit completo di irrigazione Come per tutte le cose, anche l’installazione di un impianto di irrigazione automatica è un compito che può essere delegato a professionisti. Chi preferisce optare per il fai da te, però, può risparmiare parecchio e, con un po’ di attenzione, ottenere un risultato di tutto rispetto. In commercio esistono diversi kit e accessori per realizzare impianti di irrigazione automatica. Il primo passo dovrebbe essere quello di familiarizzare coi prodotti alla vostra portata e capirne i limiti e i pregi di utilizzo. Per esempio, esistono fondamentalmente due tipologie di sprinkler, quelli fissi e quelli rotanti. Mentre i primi non hanno parti mobili e si limitano a irrorare a ventaglio o a cerchio il terreno circostante, i secondi compiono costanti rotazioni su se stessi. Ogni sprinkler, in base al modello e alla pressione dell’acqua, è in grado di irrigare una specifica area di terreno. Oltre agli sprinkler, serviranno dei tubi da interrare, generalmente in polietilene, una centralina di controllo e ulteriori accessori come raccordi e giunture. Il calcolo del materiale necessario prevede una accurata pianificazione.

    Tubo capillare 1/4 m.20 MICRO 90370 CLABER [CLABER ]

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,49€
    (Risparmi 4,01€)


    Alcune linee guida per progettare un impianto

    Sprinkler rotanti Per capire come realizzare un'irrigazione automatica efficacemente la pianificazione è essenziale. Potete utilizzare della carta millimetrata, per ottenere una rappresentazione più fedele e gestire in modo più semplice le misure. Appezzamenti di terreno non molto grandi, circa fino a cento metri quadri, possono essere irrigati con un impianto singolo. Per giardini o parchi più estesi potrebbe essere necessario suddividere il terreno in zone separate da alimentare autonomamente. Questo accorgimento è necessario per assicurare a tutti gli sprinkler una pressione dell’acqua sufficiente a funzionare al meglio. Una volta che avete stabilito una o più aree di irrigazione, dovrete definire quanti sprinkler installare e dove. Per fare questo sarà necessario avere già un’idea delle caratteristiche dei modelli di cui state valutando l’acquisto e, in base all’area che possono coprire, potrete effettuare le vostre valutazioni. Definite le collocazioni ottimali per tutti i terminali di irrigazione, sarà possibile disegnare il percorso delle tubazioni e capire di quanto materiale si avrà bisogno.


    Come realizzare irrigazione automatica: Messa in posa di un impianto di irrigazione e accessori opzionali

    Sprinkler fisso Una volta effettuata la pianificazione e acquistati i materiali necessari, vediamo ora come realizzare l'irrigazione automatica in pratica. Si deve effettuare uno scavo in grado di ospitare comodamente le tubazioni fino alla posizione designata per gli sprinkler. Nel caso in cui si sia deciso di dividere il giardino in più zone di irrigazione, è opportuno fare in modo che i due differenti impianti abbiano, nei limiti del possibile, delle zone di passaggio comuni dei tubi. Lo scopo è quello di ridurre lo scavo al minimo necessario, preservando il più possibile il giardino e semplificando il lavoro. Una volta posati i tubi e installati gli sprinkler, l’impianto è pronto per funzionare. Come accennato, in genere si installa una centralina per temporizzare e personalizzare l’irrigazione. I modelli più complessi permettono di utilizzare funzioni avanzate come i sensori pioggia, che bloccano l’impianto in caso di maltempo. Per chi volesse investire di più sono a disposizione strumenti come i rilevatori di umidità. Questi dispositivi attivano l’irrigazione solo quando l’umidità del terreno scende sotto un certo livello, ottimizzando il consumo d’acqua.


    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO